Contro l’elusione fiscale delle multinazionali serve una grande mobilitazione europea

Dopo i casi di Starbucks in Olanda e FIAT in Lussemburgo, la Commissione Europea ha preso oggi un’altra forte decisione contro quelle pratiche di elusione fiscale che sottraggono risorse fondamentali e causano una corsa al ribasso tra gli Stati membri, giudicando i vantaggi fiscali concessi in Irlanda alla Apple, per un valore di €13 miliardi, come aiuti di stato illegali.

E’ un segnale alle grandi aziende che operano in Europa, che devono rispettare il diritto UE della concorrenza e pagare la loro giusta quota di tasse, e soprattutto ai governi, che non possono concedere regali alle multinazionali a scapito di altri Paesi e rinunciando alla possibilità di avere più risorse da destinare ai propri cittadini.

Ci sarà molto da fare per fermare queste pratiche e colmare le lacune nel sistema fiscale europeo. Ben venga l’azione della Commissione, in Parlamento continueremo a lavorare per creare un quadro giuridico per il settore fiscale senza falle in Europa, al fine di garantire un principio semplice: che i profitti siano tassati là dove vengono generati, e senza che la competizione tra imprese avvenga a scapito dei contribuenti europei.

Anche su questo servirebbe una grande mobilitazione europea (come abbiamo visto quella sul TTIP, che peraltro sta dando i suoi frutti) ma che vada anche oltre, sull’altra sponda dell’Atlantico, dove Bernie Sanders ha messo questa battaglia al centro della sua campagna. Non a caso: è da qui che passa la lotta alle diseguaglianze globali che affliggono le nostre società, e impediscono loro di rialzarsi dalla crisi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati