Bombardamenti ad Aleppo: il nostro appello per la costituzione di zone sicure

«La notte, mentre dormi, non sai mai se una bomba colpirà casa tua. Metti in conto che ti potresti risvegliare sotto le macerie. Ogni mattina, poi, mi ritrovo con i ragazzi della strada dove vivo. Beviamo il caffè e ci informiamo l’un l’altro sugli amici e i famigliari per sapere se qualcuno è morto nella notte, sotto un raid aereo, se gli altri sono stati risparmiati. L’umanità è finita ad Aleppo: vediamo morire una cinquantina di persone al giorno e ci siamo abituati» è quanto mi ha raccontato Assad Younes, giovane aleppino che ha scelto di rimanere nella città siriana, nonostante i continui bombardamenti dell’aviazione russa e siriana. Da anni è stato chiesto da più parti che la comunità internazionale, in un’ottica di de-escalation del conflitto e di salvaguardia dei civili, imponesse una “No fly zone” sui cieli siriani, per limitare le perdite di vite umane. Questa proposta è stata interpretata da alcuni come il primo passo per legittimare un intervento militare estero nel conflitto siriano, cosa di fatto accaduta direttamente (con l’intervento dell’aviazione russa che martella molte località siriane, fra le quali Aleppo e Idlib) e indirettamente (con il coinvolgimento di molte potenze mondiali o regionali che hanno supportato milizie o inviato combattenti).

Solo fra agosto e luglio, sono state almeno sei le strutture ospedaliere ad Aleppo colpite dai bombardamenti aerei russi e siriani. L’uso di bombe a grappolo, barrel bomb o al napalm è ampiamente documentato. Il 22 di agosto, sul sito Middle East Eye è apparsa una lettera firmata dalle “donne di Daraya”, sobborgo di Damasco, in cui raccontavano la quotidianità dell’assedio al quale loro, e circa 8000 persone, sono state sottoposte per oltre 1360 giorni, fino al 26 d’agosto, data in cui è stato raggiunto un accordo per l’evacuazione di tutta la popolazione e dei combattenti verso Idlib, località al Nord della Siria sotto costante bombardamento aereo. «L’11 agosto – scrivono le donne di Daraya – sono cominciati i bombardamenti e almeno 40 ordigni al napalm hanno colpito le zone residenziali. Il bombardamento ha distrutto uno scantinato pieno di legno, utilizzato dalla famiglia di Umm Mahmoud come ripostiglio e rifugio antiaereo. Ogni cosa all’interno è stata polverizzata – Umm Mahmoud è riuscita a scampare salvandosi. (…) Noi chiediamo che l’Onu e il Consiglio per i diritti umani intervengano immediatamente per fermare i crimini di guerra che il regime sta perpetrando contro la nostra città: essi includono i bombardamenti con barrel bombs e l’uso del napalm che causano danni materiali, orribili ferite fisiche e il terrore psicologico per noi e i nostri figli», concludeva la lettera delle donne di Daraya, in un estremo tentativo di appellarsi a una comunità internazionale che non avrebbe risposto.

Per questo, è importante agire ora, nell’ottica di dare un segnale ai siriani che le cose non continueranno ad andare di male in peggio. Se non è possibile per la comunità civile e politica internazionale, a cominciare dall’Unione Europea o dai parlamentari italiani a cui questo appello è rivolto, spingere per l’attuazione di una no fly zone, è invece possibile chiedere a gran voce che le infrastrutture, come ospedali, scuole e alcuni centri abitati non vengano presi di mira dai bombardamenti aerei. Questo creerebbe dei luoghi sicuri dove la gente si potrebbe riparare dai bombardamenti indiscriminati.

Sta a tutti noi dimostrare che l’umanità può risorgere, a cominciare da Aleppo.

Shady Hamadi, scrittore

Giuseppe Civati, deputato e segretario di Possibile

Elly Schlein, parlamentare europea, Possibile

Giulio Cavalli, attore e scrittore

Alessandro Gassman, attore

Michela Murgia, scrittrice

Giusi Nicolini, sindaca di Lampedusa

Gianni Biondillo, scrittore

Alessandro Gilioli, giornalista

Antonio Ingroia, avvocato, ex magistrato

Cisco, cantautore

Ivano Marescotti, attore

Giuseppe Cattozzella, scrittore

Alex Corlazzoli, giornalista e maestro

Eugenio Finardi, cantautore

Andrea Riscassi, giornalista

Giovanni Impastato, attivista antimafia

Giovanni Tizian, giornalista

Francesco Baccini, cantautore

Per aderire all’appello compila il form qui sotto oppure scrivi a [email protected]

[contact-form-7 404 "Not Found"]
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati