Bombardamenti ad Aleppo: il nostro appello per la costituzione di zone sicure

Di fronte all'orrore dei bombardamenti ad Aleppo chiediamo a gran voce che le infrastrutture, come ospedali, scuole e alcuni centri abitati non vengano presi di mira. Questo creerebbe dei luoghi sicuri dove la gente si potrebbe riparare dai bombardamenti indiscriminati.

«La not­te, men­tre dor­mi, non sai mai se una bom­ba col­pi­rà casa tua. Met­ti in con­to che ti potre­sti risve­glia­re sot­to le mace­rie. Ogni mat­ti­na, poi, mi ritro­vo con i ragaz­zi del­la stra­da dove vivo. Bevia­mo il caf­fè e ci infor­mia­mo l’un l’altro sugli ami­ci e i fami­glia­ri per sape­re se qual­cu­no è mor­to nel­la not­te, sot­to un raid aereo, se gli altri sono sta­ti rispar­mia­ti. L’u­ma­ni­tà è fini­ta ad Alep­po: vedia­mo mori­re una cin­quan­ti­na di per­so­ne al gior­no e ci sia­mo abi­tua­ti» è quan­to mi ha rac­con­ta­to Assad You­nes, gio­va­ne alep­pi­no che ha scel­to di rima­ne­re nel­la cit­tà siria­na, nono­stan­te i con­ti­nui bom­bar­da­men­ti del­l’a­via­zio­ne rus­sa e siria­na. Da anni è sta­to chie­sto da più par­ti che la comu­ni­tà inter­na­zio­na­le, in un’ot­ti­ca di de-esca­la­tion del con­flit­to e di sal­va­guar­dia dei civi­li, impo­nes­se una “No fly zone” sui cie­li siria­ni, per limi­ta­re le per­di­te di vite uma­ne. Que­sta pro­po­sta è sta­ta inter­pre­ta­ta da alcu­ni come il pri­mo pas­so per legit­ti­ma­re un inter­ven­to mili­ta­re este­ro nel con­flit­to siria­no, cosa di fat­to acca­du­ta diret­ta­men­te (con l’in­ter­ven­to del­l’a­via­zio­ne rus­sa che mar­tel­la mol­te loca­li­tà siria­ne, fra le qua­li Alep­po e Idlib) e indi­ret­ta­men­te (con il coin­vol­gi­men­to di mol­te poten­ze mon­dia­li o regio­na­li che han­no sup­por­ta­to mili­zie o invia­to combattenti).

Solo fra ago­sto e luglio, sono sta­te alme­no sei le strut­tu­re ospe­da­lie­re ad Alep­po col­pi­te dai bom­bar­da­men­ti aerei rus­si e siria­ni. L’u­so di bom­be a grap­po­lo, bar­rel bomb o al napalm è ampia­men­te docu­men­ta­to. Il 22 di ago­sto, sul sito Midd­le East Eye è appar­sa una let­te­ra fir­ma­ta dal­le “don­ne di Dara­ya”, sob­bor­go di Dama­sco, in cui rac­con­ta­va­no la quo­ti­dia­ni­tà del­l’as­se­dio al qua­le loro, e cir­ca 8000 per­so­ne, sono sta­te sot­to­po­ste per oltre 1360 gior­ni, fino al 26 d’a­go­sto, data in cui è sta­to rag­giun­to un accor­do per l’e­va­cua­zio­ne di tut­ta la popo­la­zio­ne e dei com­bat­ten­ti ver­so Idlib, loca­li­tà al Nord del­la Siria sot­to costan­te bom­bar­da­men­to aereo. «L’11 ago­sto – scri­vo­no le don­ne di Dara­ya – sono comin­cia­ti i bom­bar­da­men­ti e alme­no 40 ordi­gni al napalm han­no col­pi­to le zone resi­den­zia­li. Il bom­bar­da­men­to ha distrut­to uno scan­ti­na­to pie­no di legno, uti­liz­za­to dal­la fami­glia di Umm Mah­moud come ripo­sti­glio e rifu­gio anti­ae­reo. Ogni cosa all’in­ter­no è sta­ta pol­ve­riz­za­ta — Umm Mah­moud è riu­sci­ta a scam­pa­re sal­van­do­si. (…) Noi chie­dia­mo che l’O­nu e il Con­si­glio per i dirit­ti uma­ni inter­ven­ga­no imme­dia­ta­men­te per fer­ma­re i cri­mi­ni di guer­ra che il regi­me sta per­pe­tran­do con­tro la nostra cit­tà: essi inclu­do­no i bom­bar­da­men­ti con bar­rel bombs e l’u­so del napalm che cau­sa­no dan­ni mate­ria­li, orri­bi­li feri­te fisi­che e il ter­ro­re psi­co­lo­gi­co per noi e i nostri figli», con­clu­de­va la let­te­ra del­le don­ne di Dara­ya, in un estre­mo ten­ta­ti­vo di appel­lar­si a una comu­ni­tà inter­na­zio­na­le che non avreb­be risposto.

Per que­sto, è impor­tan­te agi­re ora, nel­l’ot­ti­ca di dare un segna­le ai siria­ni che le cose non con­ti­nue­ran­no ad anda­re di male in peg­gio. Se non è pos­si­bi­le per la comu­ni­tà civi­le e poli­ti­ca inter­na­zio­na­le, a comin­cia­re dal­l’U­nio­ne Euro­pea o dai par­la­men­ta­ri ita­lia­ni a cui que­sto appel­lo è rivol­to, spin­ge­re per l’at­tua­zio­ne di una no fly zone, è inve­ce pos­si­bi­le chie­de­re a gran voce che le infra­strut­tu­re, come ospe­da­li, scuo­le e alcu­ni cen­tri abi­ta­ti non ven­ga­no pre­si di mira dai bom­bar­da­men­ti aerei. Que­sto cree­reb­be dei luo­ghi sicu­ri dove la gen­te si potreb­be ripa­ra­re dai bom­bar­da­men­ti indiscriminati.

Sta a tut­ti noi dimo­stra­re che l’u­ma­ni­tà può risor­ge­re, a comin­cia­re da Alep­po.

Sha­dy Hama­di, scrittore

Giu­sep­pe Civa­ti, depu­ta­to e segre­ta­rio di Possibile

Elly Schlein, par­la­men­ta­re euro­pea, Possibile

Giu­lio Caval­li, atto­re e scrittore

Ales­san­dro Gass­man, attore

Miche­la Mur­gia, scrittrice

Giu­si Nico­li­ni, sin­da­ca di Lampedusa

Gian­ni Bion­dil­lo, scrittore

Ales­san­dro Gilio­li, giornalista

Anto­nio Ingro­ia, avvo­ca­to, ex magistrato

Cisco, can­tau­to­re

Iva­no Mare­scot­ti, attore

Giu­sep­pe Cat­toz­zel­la, scrittore

Alex Cor­laz­zo­li, gior­na­li­sta e maestro

Euge­nio Finar­di, cantautore

Andrea Riscas­si, giornalista

Gio­van­ni Impa­sta­to, atti­vi­sta antimafia

Gio­van­ni Tizian, giornalista

Fran­ce­sco Bac­ci­ni, cantautore

Per ade­ri­re all’ap­pel­lo com­pi­la il form qui sot­to oppu­re scri­vi a [email protected]

[con­tact-for­m‑7 404 “Non trovato”] 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.