Cosa succede tra Como e Chiasso

A distanza di una settimana, siamo tornati alla frontiera di Como/Chiasso, che separa l’Italia dalla Svizzera. La situazione di fatto non è mutata. Presso la stazione di Como San Giovanni alloggiano ancora numerosi migranti, per la maggior parte provenienti dal Corno d’Africa. Dormono in tende sistemate in un piccolo parco all’esterno della stazione e dormono nella stazione stessa.

Il parco all'esterno della stazione di Como.
Il parco all’esterno della stazione di Como.

I volontari ci raccontano che il numero di migranti è leggermente diminuito (una settimana fa erano circa 400, ora pare siano circa 300): alcuni tornano a Milano, alcuni (pochi) pare riescano a passare illegalmente la frontiera, molti sono stati – a seguito del respingimento avvenuto da parte della guardia di frontiera Svizzera – caricati su pullman e trasportati verso il sud Italia, la maggior parte dei quali con destinazione hotspot di Taranto. La destinazione ci viene confermata da Anna Brambilla della Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, che si interroga come noi sulle ragioni di tale spostamento, dato che l’hotspot svolge la funzione di identificare i migranti, cosa già avvenuta per praticamente tutti i presenti a Como. Oltre ad Anna Brambilla abbiamo incontrato Lisa Bosia, Granconsigliera del Canton Ticino, da tempo attiva nel campo dei diritti dei migranti e impegnata in primissima persona in questi mesi alla frontiera.

Il loro racconto, che parla di respingimenti collettivi e di minori (e spesso le cose stanno assieme, dato che in poco più di un mese sono stati respinti 454 minori – e alcuni di loro più volte -, ci hanno riferito), potete ascoltarlo in questa breve clip audio:

 

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati