Lavoro, Civati-Pastorino: caso Ericsson simbolico, no fondi a chi licenzia

#
“Il caso della Ericsson, che percepisce contributi pubblici per alcuni bandi e poi licenzia i lavoratori, è il chiaro segnale che più di qualcosa non funziona in questo meccanismo. Oggi, durante il question time in commissione Attività produttive alla Camera, il governo ha sostenuto che i fondi erogati non prevedevano vincoli occupazionali. Certo, bisognerebbe spiegarlo a chi ha ricevuto la mail di licenziamento sia a a luglio che venerdì scorso”. Lo dichiarano il deputato e segretario di Possibile Pippo Civati, e il parlamentare dello stesso partito, Luca Pastorino, commentando la risposta del governo all’interrogazione sui licenziamenti all’Ericsson, tra cui alcuni agli Erzelli a Genova.
“È una situazione inaccettabile  – aggiungono i due esponenti di Possibile – perché chi riceve soldi pubblici dovrebbe garantire sempre degli obiettivi e rispettare dei precisi criteri. Altrimenti si finisce che con gli stanziamenti ricevuti in Italia si fa ricerca altrove e ognuno fa come vuole. Rilanciamo quindi la proposta affinché ci sia il divieto di assegnazione dei fondi a chi poi chiede mano libera con il livello occupazione. Questa è una grave lesione dei diritti dei lavoratori, oltre che una cattiva gestione dei contributi pubblici”.
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait