La foglia di Fico che non copre la vergogna

#

Nei giorni immediatamente precedenti alla crisi umanitaria di queste ore, il Presidente della camera Roberto Fico riceveva una delegazione di Medici senza frontiere, in seguito alla quale scriveva:

Abbiamo affrontato diversi temi come la gestione dei flussi migratori e l’impegno di Msf nelle zone di conflitto e nel soccorso in mare. Proprio nelle scorse settimane a bordo di una nave dove è presente il loro staff è nato il piccolo Miracle. Organizzazioni come Medici senza frontiere svolgono un lavoro prezioso in contesti difficili prestando assistenza e supporto umano a popolazioni vittime di guerre, catastrofi naturali, epidemie. Un lavoro nelle situazioni più critiche e di rischio per la vita che deve essere oggetto di attenzione, ma anche di sostegno ideale e umano da parte delle istituzioni italiane ed europee. Perché i principi di cooperazione e di solidarietà sono capisaldi di una società democratica.

Questo accadeva venerdì 8 giugno, poche ore prima che – compattamente – il governo gialloverde decidesse di chiudere i porti italiani e di negare l’attracco alla nave Aquarius. Che valore concreto possiamo dare alla sua azione e alle sue parole? Nessuno, purtroppo. Matteo Salvini, in qualità di ministro dell’Interno, ha fortemente voluto intestarsi la decisione, ma è comunque stata appoggiata anche dal M5S, a partire da Danilo Toninelli che in qualità di ministro con delega alle Infrastrutture, sotto cui ricade anche la gestione dei porti, avrebbe potuto fare diversamente.

Sfortunatamente, è una dinamica che abbiamo già visto: per la precisione, nei due ultimi governi a guida Pd, quello Renzi e quello Gentiloni. Che Roberto Fico rappresenti una componente più di sinistra del M5s rileva poco o nulla, infatti, come poco o nulla rilevava in questi anni che nel Pd ci fosse ancora un elettorato e qualche esponente di pregio altrettanto o anche più a sinistra. Ma quali sono state, nel concreto, le politiche portate avanti da quei governi? Esattamente un anno fa il governo Gentiloni annunciava di esser pronto a chiudere i porti italiani, proprio come l’attuale.

Se sono politiche disumane, razziste e della peggior destra quelle di oggi, allora lo erano anche quelle di allora. I distinguo di testimonianza “da dentro”, come non bastavano prima, non bastano adesso, e non possiamo ricominciare di nuovo a dare importanza a un dibattito interno al M5s come se non avessimo già perso abbastanza tempo con quello, identico, che si è svolto dentro al Pd.

Contano i fatti: come allora la legge Minniti-Orlando portava la firma di un esponente della sinistra Pd, oggi il respingimento della Aquarius porta la firma del M5s, ed è una complicità da cui il Presidente Fico non si può esentare ricevendo una Ong a Montecitorio.

Nei fatti, oggi il Pd fa professione di solidarietà mandando una delegazione in visita a San Ferdinando, in Calabria, dopo l’omicidio di Sacko Soumalia, ma continua a difendere le politiche discriminatorie promosse dal suo ex ministro Minniti, aumentando la schizofrenia della propria posizione, così come Fico scrive parole di solidarietà mentre i suoi compagni ministri violano il diritto internazionale. Sarebbe bello e certamente utile se il Pd tornasse nell’alveo dei valori innanzitutto umani della sinistra, e ugualmente sarebbe prezioso se chi in questi anni da sinistra ha creduto nel M5s fino a rappresentarne una delle posizioni apicali facesse lo stesso, ma ciò che sicuramente non è né utile né decente è smarcarsi solo a parole senza rinnegare queste politiche, e restare comodamente dentro senza concretamente cambiare nulla. A giovarsene, come ormai è dimostrato, è solo la destra peggiore, e anche questo è un esito innegabile poiché lo abbiamo visto già.

Parlare di foglia di Fico viene fin troppo facile ma è comunque accurato: non copre nulla, e non fa altro che rendere ancora più evidente la vergogna.

  • 224
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati