La guerra commerciale che rischia di stritolarci (ringraziate il sovranismo)

Se gli stati Ue continuano a remare ognuno per conto proprio, spinte dal nazionalismo di ritorno, le prospettive non sono rosee.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Il nazio­na­li­smo dei gran­di signo­ri gio­va ai gran­di signo­ri. Il nazio­na­li­smo del­la pove­ra gen­te gio­va anch’esso ai gran­di signo­ri. Il nazio­na­li­smo non diven­ta miglio­re per il fat­to che si celi sot­to i pan­ni del­la pove­ra gen­te, anzi allo­ra diven­ta total­men­te assurdo

(Ber­tolt Brecht)

Si era visto già alla Cop21 di Pari­gi con l’ac­cor­do sul cli­ma fat­to al ribas­so e poi disat­te­so dal­la pri­ma eco­no­mia del mon­do. Quan­do si tira­no indie­tro gli USA anche i prin­ci­pa­li com­pe­ti­tors poli­ti­ci ed eco­no­mi­ci pren­do­no la pal­la al bal­zo per riman­da­re misu­re quan­to­mai neces­sa­rie sui gas ser­ra. Uffi­cial­men­te la scu­sa è quel­la di difen­de­re lo sti­le di vita ame­ri­ca­no, ammes­so che sia giu­sto. L’in­di­ci di Gini ci dimo­stra che gli USA sono un pae­se fra i più dise­gua­li al mon­do. Si trat­ta quin­di di difen­de­re i gran­di signo­ri per dir­la alla Bre­cht. Make Ame­ri­ca great again! Rilan­cia­re il sogno ame­ri­ca­no per gli ame­ri­ca­ni, quan­do, da sem­pre, quel sogno, l’han­no avu­to i migran­ti che vi giun­ge­va­no (Lame­ri­ca!). Oggi è nega­to a chi dav­ve­ro quel sogno ce l’ha; i mes­si­ca­ni, col muro e i rim­pa­tri dei clan­de­sti­ni riti­ran­do la sana­to­ria di Oba­ma. Il para­dos­so del­la cac­cia allo stra­nie­ro in un Pae­se costi­tui­to ed edi­fi­ca­to col con­tri­bu­to di migran­ti da ogni par­te del mon­do è così gran­de da pas­sa­re inosservato.

Lo vedia­mo ades­so coi dazi e la guer­ra com­mer­cia­le in atto fra USA e Cina, con l’Eu­ro­pa che si tro­va stri­to­la­ta in mez­zo (oltre­tut­to in ordi­ne spar­so, disu­ni­ta). Le pri­me eco­no­mie del mon­do affron­ta­no que­sta fase di muta­men­to geo­po­li­ti­co, di dis­sol­vi­men­to dei vec­chi bloc­chi, da due diver­se pro­spet­ti­ve: una difen­de il pro­prio pri­ma­to e l’al­tra recla­ma un ruo­lo da pae­se guida.

Per for­za di cose la guer­ra non può mani­fe­star­si in modo con­ven­zio­na­le (for­tu­na­ta­men­te), ma come scon­tro com­mer­cia­le che va dai prin­ci­pa­li beni (fini­ti) ai pro­dot­ti ali­men­ta­ri. Per quan­to riguar­da le mate­rie pri­me e le risor­se ener­ge­ti­che han­no avu­to modo, negli ulti­mi decen­ni, di ren­der­si meno dipen­den­ti dal­l’e­ste­ro. I cam­bia­men­ti in Cina sono tumul­tuo­si e anche se (da fuo­ri) può sem­bra­re una cre­sci­ta disor­di­na­ta in real­tà poche cose sono lascia­te al caso. Basta leg­ge­re il pro­gram­ma di Xi Jin­ping per i pros­si­mi anni, la Cina pun­ta al turi­smo e si è resa con­to di non poter con­ti­nua­re ad esse­re la ‘fab­bri­ca del mondo’.

I pac­chet­ti di dazi sono sti­ma­ti (in base ai valo­ri di import 2017) sui 50 miliar­di, men­tre ne stan­no stu­dian­do altri per 100 miliar­di. Con futu­ri rilan­ci? La Cina ha repli­ca­to impo­nen­do lo stes­so valo­re di dazi su 106 pro­dot­ti USA, com­pre­si i semi di soia, il tabac­co, il gra­no e il mais. La soia è un pro­dot­to fon­da­men­ta­le per l’a­li­men­ta­zio­ne del­la popo­la­zio­ne cine­se e lo è anco­ra di più per il bestia­me (la metà dei maia­li del mon­do è cine­se), non si trat­ta di una scel­ta pre­sa a cuor leg­ge­ro, ma di una stra­te­gia per col­pi­re Trump. Gli sta­ti che la pro­du­co­no (9 su 10) sono sta­ti quel­li deter­mi­nan­ti nel­la vit­to­ria elet­to­ra­le di Trump, que­sta scel­ta così come quel­la degli altri pro­dot­ti agri­co­li inclu­si nel­la lista sem­bra puni­re i suoi elet­to­ri.

E l’Eu­ro­pa? Per ora gli USA han­no appli­ca­to nuo­ve tarif­fe su accia­io (25%) e allu­mi­nio (10%) a cari­co dell’import dal­la Ue. La rea­zio­ne si è vista al G7 (nul­la di fat­to) e dal­l’an­nun­cio di Junc­ker e del­la Malm­strom (Com­mis­sa­rio Ue al Com­mer­cio) di misu­re com­pen­sa­ti­ve per luglio oltre al ricor­so pres­so la Wto. Le con­tro­mi­su­re di cui si è sen­ti­to par­la­re fino­ra sono poco signi­fi­ca­ti­ve (2,8 miliar­di sui pro­dot­ti a stel­le e stri­sce con­tro l’ex­port sog­get­to ai dazi USA sti­ma­to sui 6,4 miliar­di). Risul­ta chia­ro come l’Eu­ro­pa non sia in gra­do (e non ne abbia la for­za) di fare la voce gros­sa: un gio­co al rial­zo ci vedreb­be come la par­te debo­le, nel­le con­di­zio­ni attua­li, con­tro gli USA, non abbia­mo il col­tel­lo dal­la par­te del manico.

Ma da dove nasco­no i dazi agli allea­ti Nato? Dal con­cet­to stes­so di Ame­ri­ca Fir­st: la sicu­rez­za nazio­na­le. Scu­sa già usa­ta per accia­io e allu­mi­nio che sono fon­da­men­ta­li per l’in­du­stria degli arma­men­ti. La minac­cia del­la sicu­rez­za nazio­na­le che una leg­ge del ’62 con­sen­te di uti­liz­za­re per impor­re dazi sul­la side­rur­gia può (e lo stan­no facen­do) esse­re allar­ga­ta a tan­ti altri set­to­ri con­si­de­ra­ti stra­te­gi­ci. Per esem­pio l’in­du­stria auto­mo­bi­li­sti­ca, impor­ta­re vei­co­li stra­nie­ri (linea pre­mium, trai­no del­la Ger­ma­nia), minac­cia l’e­co­no­mia ame­ri­ca­na. Se minac­cia l’e­co­no­mia è a rischio la sicu­rez­za nazio­na­le! Gli accor­di sul cli­ma? Inu­ti­le dir­lo, un atten­ta­to alla sicu­rez­za nazio­na­le! Così la Ger­ma­nia si fa silen­te per scon­giu­ra­re stret­te ulte­rio­ri e l’Eu­ro­pa rima­ne intrap­po­la­ta in una guer­ra che la espo­ne, come nes­sun altro, all’al­ta­le­na trum­pia­na.

Se gli sta­ti Ue con­ti­nua­no a rema­re ognu­no per con­to pro­prio, spin­te dal nazio­na­li­smo di ritor­no, le pro­spet­ti­ve non sono rosee.

Ste­fa­no Artusi

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.