La diminuzione delle tariffe INAIL pagata con i risarcimenti degli infortunati sul lavoro

Chi ha occa­sio­ne di fre­quen­ta­re i social si sarà accor­to del­la cam­pa­gna comu­ni­ca­ti­va del M5S che annun­cia con entu­sia­smo “Nel 2109 meno tas­se per le impre­se – Ridu­zio­ne INAIL del 32% (media del­la ridu­zio­ne di costo in base al settore)”.

Ora, già il fat­to che si par­li di tas­se con rife­ri­men­to ad un pre­mio assi­cu­ra­ti­vo, per un’assicurazione socia­le, che quin­di non è affat­to una tas­sa ma even­tual­men­te un costo, è abba­stan­za illu­mi­nan­te sull’incompetenza di chi ha impo­sta­to la campagna.

Ed è qua­si super­fluo ricor­da­re che le assi­cu­ra­zio­ni socia­li sono pre­vi­ste nel­la Car­ta Costi­tu­zio­na­le, evi­den­te­men­te igno­ta ai social media mana­ger del­la Casa­leg­gio Asso­cia­ti, in quan­to con­tem­pla­te nell’art. 38 che reci­ta “I lavo­ra­to­ri han­no dirit­to che sia­no pre­ve­du­ti ed assi­cu­ra­ti mez­zi ade­gua­ti alle loro esi­gen­ze di vita in caso di infor­tu­nio, malat­tia, inva­li­di­tà e vec­chia­ia, disoc­cu­pa­zio­ne involontaria

Un dirit­to, insom­ma, a cari­co del­le impre­se che ne anti­ci­pa­no il pre­mio.

Ma se fos­se solo un pro­ble­ma di igno­ran­za giu­ri­di­ca e costi­tu­zio­na­le sarem­mo nell’ambito di una ormai con­sue­ta normalità.

Pur­trop­po la misu­ra diven­ta dram­ma­ti­ca­men­te rile­van­te se si va a vede­re dove ven­ga­no repe­ri­te le risor­se per que­sta ridu­zio­ne del pre­mio assi­cu­ra­ti­vo INAIL di cir­ca un ter­zo, 1.535 milio­ni di euro in tre anni per l’esattezza (art. 1 com­ma 1121 Leg­ge di Sta­bi­li­tà 2019).

I media e qual­che espo­nen­te dell’opposizione han­no sot­to­li­nea­to come una par­te del­le risor­se ven­ga rin­ve­nu­ta taglian­do le risor­se desti­na­te a finan­zia­re pro­get­ti di inve­sti­men­to e for­ma­zio­ne in mate­ria di salu­te e sicu­rez­za sul lavo­ro (art. 1 com­ma 1122) per cir­ca 500 milio­ni di euro.

Nes­su­no inve­ce ha inda­ga­to a fon­do sul come ven­ga repe­ri­to l’altro miliar­do di euro, che è l’oggetto del com­ma 1126, cioè dal­la rifor­ma dei cri­te­ri di cal­co­lo del dan­no dif­fe­ren­zia­le, del regres­so INAIL nei con­fron­ti del dato­re di lavo­ro e del­la sur­ro­ga­zio­ne INAIL nei con­fron­ti del ter­zo respon­sa­bi­le.

Già il testo del­la nor­ma, asso­lu­ta­men­te incom­pren­si­bi­le non solo per il comu­ne cit­ta­di­no, ma anche per mol­ti addet­ti ai lavo­ri (come gli avvo­ca­ti che non si occu­pa­no di infor­tu­ni­sti­ca), rispon­de alla domanda.

Inve­ce que­sta nor­ma va spie­ga­ta per­ché inci­de diret­ta­men­te sul­le tasche di una cate­go­ria spe­ci­fi­ca di lavo­ra­to­ri, cioè pro­prio quel­li che han­no subi­to un infor­tu­nio sul lavo­ro.

Pro­ve­rò a dir­la nel modo più faci­le possibile.

Quan­do un lavo­ra­to­re subi­sce un infor­tu­nio sul lavo­ro, al qua­le è equi­pa­ra­to l’incidente stra­da­le men­tre si reca o tor­na dal lavo­ro (cd. in iti­ne­re), INAIL è tenu­ta a risar­ci­re deter­mi­na­te voci di dan­no pre­vi­ste dal­la leg­ge, e se sus­si­ste un mag­gior dan­no secon­do la nor­ma­ti­va gene­ra­le, que­sto rima­ne a cari­co del respon­sa­bi­le, cioè il dato­re di lavo­ro e di fat­to la sua assi­cu­ra­zio­ne, oppu­re il respon­sa­bi­le dell’incidente stra­da­le e la sua assicurazione.

Se quin­di la respon­sa­bi­li­tà è del dato­re di lavo­ro o di un ter­zo nell’incidente stra­da­le, INAIL si riva­le nei loro con­fron­ti del­le som­me versate.

Fino ad oggi i limi­ti di que­sta azio­ne di “recu­pe­ro” era­no sta­ti deli­nea­ti da una serie di sen­ten­ze e, sem­pli­fi­can­do, con­sen­ti­va­no al lavo­ra­to­re di recu­pe­ra­re dall’assicurazione il cd. dan­no dif­fe­ren­zia­le, cioè la dif­fe­ren­za fra quan­to paga­to da INAIL e quan­to inve­ce avreb­be dovu­to per­ce­pi­re il lavo­ra­to­re dal respon­sa­bi­le se il dan­no non fos­se inter­ve­nu­to in occa­sio­ne di lavoro.

La que­stio­ne si com­pli­ca con le voci di dan­no non sovrapponibili.

Ad esem­pio, INAIL per i dan­ni supe­rio­ri al 15% di bio­lo­gi­co, quin­di dan­ni gra­vi, ver­sa una ren­di­ta che è for­ma­ta in par­te da dan­no bio­lo­gi­co e in par­te da dan­no alla capa­ci­tà di lavo­ro, e que­sto in via presuntiva.

Può acca­de­re quin­di che in real­tà il dan­no alla capa­ci­tà di lavo­ro non sus­si­sta quin­di, fino ad oggi, INAIL non pote­va recu­pe­ra­re que­sta voce, per­ché le sen­ten­ze con­sen­ti­va­no il “recu­pe­ro” solo per poste omogenee.

Cioè, se INAIL paga bio­lo­gi­co e dimi­nu­zio­ne del­la capa­ci­tà lavo­ra­ti­va, può recu­pe­ra­re solo la “posta” del bio­lo­gi­co ma non quel dan­no che paga per pre­sun­zio­ne di leg­ge e che il respon­sa­bi­le in real­tà non ha arre­ca­to, secon­do il prin­ci­pio che il respon­sa­bi­le non può esse­re tenu­to a paga­re com­ples­si­va­men­te più del dan­no che ha diret­ta­men­te causato.

Ora inve­ce la rival­sa INAIL sarà per ogni som­ma ver­sa­ta indi­pen­den­te­men­te dal tito­lo, e l’assicurazione dovrà tene­re a sua dispo­si­zio­ne tut­to l’importo che la stes­sa INAIL ha ver­sa­to, indi­pen­den­te­men­te dal­le “poste”, con la con­se­guen­za che sarà il lavo­ra­to­re a rimet­ter­ci, per­ché nel­la mag­gior par­te del­le ipo­te­si non potrà più otte­ne­re il dan­no dif­fe­ren­zia­le, che ver­rà inglo­ba­to da INAIL.

Vi sie­te persi?

Beh, guar­da­te le cifre.

Un miliar­do di euro è la som­ma ipo­tiz­za­ta come recu­pe­ro da INAIL in tre anni con l’applicazione di que­ste regole.

E visto che INAIL non può recu­pe­ra­re più di quan­to ha ver­sa­to e il respon­sa­bi­le non può paga­re più del dan­no arre­ca­to è evi­den­te come que­ste som­me esca­no diret­ta­men­te dal­le tasche degli infortunati.

Gli stes­si, infat­ti, pri­ma pote­va­no con­ta­re su som­me paga­te per voci di dan­no diver­se da quel­le assi­cu­ra­te da INAIL (ad esem­pio il dan­no bio­lo­gi­co tem­po­ra­neo), che oggi ver­ran­no can­ni­ba­liz­za­te dal­la stes­sa INAIL, con sostan­zia­le estin­zio­ne del dan­no differenziale.

Quin­di l’INAIL rice­ve pre­mi ridot­ti, ma incas­sa le stes­se som­me da un’altra par­te, i dato­ri di lavo­ro frui­sco­no del­la ridu­zio­ne del pre­mio sen­za per que­sto paga­re risar­ci­men­ti mag­gio­ri, e il ceri­no rima­ne in mano al lavo­ra­to­re infor­tu­na­to, che oltre al dan­no subi­sce la bef­fa, anche per le cau­se in cor­so, alme­no quan­to alla deter­mi­na­zio­ne del dan­no, visto che il legi­sla­to­re non ha intro­dot­to alcun cri­te­rio tem­po­ra­le per l’applicazione.

Tra l’altro con una nor­ma che ha evi­den­ti pro­fi­li di inco­sti­tu­zio­na­li­tà, poi­ché le rival­se INAIL ven­go­no a com­pri­me­re il dirit­to al risar­ci­men­to di un dan­no da lesio­ne di un dirit­to fon­da­men­ta­le “non altri­men­ti risar­ci­to” (Cor­te Costi­tu­zio­na­le 319/1989 e 356/1991); infat­ti INAIL “…con­ti­nua a non assi­cu­ra­re il dan­no mora­le, la per­so­na­liz­za­zio­ne del dan­no bio­lo­gi­co, il dan­no bio­lo­gi­co tem­po­ra­neo, non mi pare con­for­me a Costi­tu­zio­ne ammet­te­re che il dirit­to del­la vit­ti­ma al risar­ci­men­to di tali pre­giu­di­zi pos­sa esse­re sacri­fi­ca­to per effet­to dell’esercizio del dirit­to di regres­so da par­te dell’Inail nei con­fron­ti del dato­re di lavoro.”

(Per chi voles­se appro­fon­di­re, con­si­glio il com­men­to ben più auto­re­vo­le, su cui si fon­da que­sta bre­ve trat­ta­zio­ne e al qua­le si rife­ri­sco­no i vir­go­let­ta­ti, del con­si­glie­re di Cas­sa­zio­ne Dott.Marco Ros­set­ti).

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.