La Commissione risponda sulle politiche migratorie negoziate con la Libia

Con un'interrogazione alla Commissione europea chiediamo di riferire sugli accordi con i miliziani libici e sui finanziamenti al relativo governo

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504358393496{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Dopo quan­to emer­so dal­l’inchie­sta di Asso­cia­ted Press sugli accor­di con le mili­zie libi­che che gesti­sco­no il traf­fi­co di migran­ti, su cui già Civa­ti e Mar­con han­no chie­sto al mini­stro Min­ni­ti di rife­ri­re al Par­la­men­to ita­lia­no, ho chie­sto con­to anche alla Com­mis­sio­ne euro­pea, insie­me ai col­le­ghi Ser­gio Cof­fe­ra­ti, Bar­ba­ra Spi­nel­li, Eleo­no­ra Foren­za, Cor­ne­lia Ern­st, Marie-Chri­sti­ne Ver­giat e Judith Sar­gen­ti­ni, chie­den­do se la Com­mis­sio­ne fos­se a cono­scen­za di tali accor­di, come inten­de assi­cu­ra­re che fon­di euro­pei non fini­sca­no in mano alle mili­zie che gesti­va­no il traf­fi­co di migran­ti, e se, in caso di con­fer­me di quan­to emer­so, inten­da sospen­de­re i finan­zia­men­ti al gover­no libi­co. Ecco l’interrogazione:

“Da quan­to emer­so da un repor­ta­ge del­la Asso­cia­ted Press, alcu­ni fun­zio­na­ri libi­ci di sicu­rez­za e alcu­ni mili­zia­ni han­no rive­la­to che il gover­no del pae­se di Tri­po­li ha pre­su­mi­bil­men­te paga­to mili­zie che sono anche impli­ca­te nel traf­fi­co di esse­ri uma­ni, per impe­di­re il flus­so di migran­ti ver­so l’Eu­ro­pa in cam­bio di attrez­za­tu­re, bar­che e sala­ri, dopo un accor­do soste­nu­to dal gover­no ita­lia­no. Uno di que­sti grup­pi di mili­zie è sta­to iden­ti­fi­ca­to anche dal panel di esper­ti del­le Nazio­ni Uni­te sul­la Libia come tra i prin­ci­pa­li faci­li­ta­to­ri del traf­fi­co di esse­ri umani.
 
Secon­do le fon­ti del­la AP, que­sta è una del­le ragio­ni prin­ci­pa­li die­tro la dimi­nu­zio­ne degli arri­vi dal­la Libia negli ulti­mi due mesi. La Com­mis­sio­ne euro­pea e il Con­si­glio han­no for­ni­to un soste­gno signi­fi­ca­ti­vo al gover­no libi­co, anche attra­ver­so il Fon­do Fidu­cia­rio UE per l’A­fri­ca e con un pro­get­to finan­zia­to con 46 milio­ni di euro, desti­na­to alla for­ma­zio­ne del­la guar­dia costie­ra libi­ca al raf­for­za­men­to del­le sue fron­tie­re e al miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni dei migran­ti nei cen­tri di detenzione.
 
La Com­mis­sio­ne euro­pea è con­sa­pe­vo­le del­l’e­si­sten­za di que­sto tipo di accor­di con le mili­zie loca­li? Attra­ver­so qua­li misu­re la Com­mis­sio­ne euro­pea inten­de assi­cu­ra­re che i fon­di euro­pei non fini­sca­no nel­le mani di mili­zie che gesti­sco­no il traf­fi­co di esse­ri uma­ni? Se que­ste infor­ma­zio­ni tro­ve­ran­no con­fer­ma, con­si­de­re­rà la sospen­sio­ne dei finan­zia­men­ti al gover­no libico?”.

Con Pos­si­bi­le con­ti­nuia­mo a bat­ter­ci con­tro  le poli­ti­che di ester­na­liz­za­zio­ne del­le nostre fron­tie­re e respon­sa­bi­li­tà, sia a livel­lo nazio­na­le con­tro gli scel­le­ra­ti accor­di del Gover­no ita­lia­no con la Libia, sia a livel­lo euro­peo, dove solo negli ulti­mi due anni abbia­mo visto lo scon­si­de­ra­to pat­to con la Tur­chia di Erdo­gan, il cui “suc­ces­so” tan­to cele­bra­to nei docu­men­ti di Com­mis­sio­ne e Con­si­glio euro­peo si misu­ra sul­la pel­le del­le 13’000 per­so­ne bloc­ca­te in con­di­zio­ni inu­ma­ne sul­le iso­le gre­che, in atte­sa di esse­re riman­da­te in un Pae­se in cui ogni gior­no ven­go­no cal­pe­sta­ti dirit­ti fon­da­men­ta­li, così come i migra­tion com­pact che pro­pon­go­no lo stes­so sche­ma coi Pae­si afri­ca­ni, con­di­zio­nan­do gli aiu­ti allo svi­lup­po al con­trol­lo del­le fron­tie­re, e vio­lan­do l’es­sen­za stes­sa del­la coo­pe­ra­zio­ne allo svi­lup­po che dovreb­be esse­re vol­ta allo sra­di­ca­men­to del­la pover­tà. E la stes­sa ten­den­za all’e­ster­na­liz­za­zio­ne si riscon­tra nel­la pro­po­sta di rifor­ma del Siste­ma euro­peo comu­ne d’a­si­lo, con il ten­ta­ti­vo di far leva sul­la nozio­ne di “Pae­se ter­zo sicu­ro” per rispe­di­re indie­tro tut­ti colo­ro che legit­ti­ma­men­te fan­no richie­sta d’a­si­lo in ter­ri­to­rio euro­peo, aven­do­ne pie­no dirit­to ai sen­si del­la Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951. Per le osses­sio­ni secu­ri­ta­rie di alcu­ni gover­ni stia­mo cal­pe­stan­do i prin­ci­pi che abbia­mo posto a fon­da­men­to di que­sta Unio­ne, e dob­bia­mo inver­ti­re al più pre­sto que­sta peri­co­lo­sa rotta.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.