Intimidazioni di Forza Nuova: piena solidarietà all’Università di Torino

Ci sono persone che pensano di poterci tenere legati ad un Medioevo culturale nonostante intorno a noi il mondo si sia evoluto. Per questo condanniamo senza esitazione l’atto offensivo di Forza Nuova

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508936662239{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

Nei gior­ni scor­si l’Università di Tori­no ha uffi­cia­liz­za­to l’avvio di un per­cor­so di stu­di, del­la dura­ta di 18 incon­tri per 6 CFU, desti­na­to alla storia del movi­men­to LGBTI* e alla rap­pre­sen­ta­zio­ne nel cor­so dei seco­li del­la figu­ra del­le per­so­ne omo­ses­sua­li e tran­ses­sua­li. Que­sta not­te, For­za Nuo­va ha affis­so uno stri­scio­ne, subi­to rimos­so, davan­ti alla sede dell’Università di Tori­no di Palaz­zo Nuo­vo, con la scrit­ta: “La sto­ria è una cosa seria, l’omosessualità no”.

Ci sono per­so­ne che pen­sa­no di poter­ci tene­re lega­ti ad un Medioe­vo cul­tu­ra­le nono­stan­te intor­no a noi il mon­do si sia evo­lu­to. Per que­sto con­dan­nia­mo sen­za esi­ta­zio­ne l’atto offen­si­vo di For­za Nuo­va e ci schie­ria­mo dal­la par­te dell’Università degli Stu­di di Tori­no che ha isti­tui­to un cor­so in “Sto­ria dell’Omosessualità”, un per­cor­so didat­ti­co e for­ma­ti­vo pre­sen­te da anni in tan­ti Ate­nei di tut­to il mondo.

La scel­ta dell’Ateneo tori­ne­se, il pri­mo in Ita­lia ad atti­va­re un cor­so di que­sto tipo, dimo­stra che anche nel nostro Pae­se è pos­si­bi­le fare un pas­so avan­ti nel­la rifles­sio­ne acca­de­mi­ca sui temi lega­ti alla comu­ni­tà e al movi­men­to LGBTI* e nel con­tra­sto alle discri­mi­na­zio­ni per orien­ta­men­to ses­sua­le ed iden­ti­tà di gene­re. Si trat­ta del natu­ra­le pro­sie­guo del lavo­ro por­ta­to avan­ti da Uni­TO, che da alcu­ni anni appog­gia le ini­zia­ti­ve del Col­let­ti­vo  LGBTI* Iden­ti­tà Uni­te e ha avvia­to una cam­pa­gna di lot­ta all’omofobia.

In Ita­lia dob­bia­mo regi­stra­re un ritar­do nell’affrontare tali tema­ti­che, accom­pa­gna­te da uno stu­dio e dell’analisi di teo­rie socio­lo­gi­che come quel­la Queer, che arric­chi­reb­be­ro i nostri cur­ri­cu­la for­ma­ti­vi. Per­tan­to sia­mo d’accordo con la posi­zio­ne dell’associazione Stu­den­ti Indi­pen­den­ti di Tori­no nel soste­ne­re la neces­si­tà di una didat­ti­ca inclu­si­va e aper­ta agli stu­di di gene­re e dei movi­men­ti che han­no ani­ma­to la sto­ria socia­le degli scor­si seco­li, e in par­ti­co­la­re del ‘900.

La nostra posi­zio­ne, del resto, si ritro­va nel per­cor­so di reda­zio­ne e nel­la ste­su­ra del Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le: cre­dia­mo sia fon­da­men­ta­le adot­ta­re una nor­ma qua­dro per l’edu­ca­zio­ne alle dif­fe­ren­ze nel­le scuo­le di ogni ordi­ne e gra­do e con­fi­dia­mo che le Uni­ver­si­tà apra­no a que­sti per­cor­si anche all’interno dei cor­si di studio.

Per que­sti moti­vi soste­nia­mo la scel­ta dell’Università di Tori­no ed espri­mia­mo soli­da­rie­tà ai docen­ti coin­vol­ti, in par­ti­co­la­re alla pro­fes­so­res­sa Maya De Leo, tito­la­re del cor­so, con­dan­nan­do sen­za alcu­na esi­ta­zio­ne l’intimidazione di For­za Nuo­va che non per­de l’occasione per ricor­dar­ci che si può sem­pre sce­glie­re da che par­te del­la Sto­ria posizionarsi.

Gian­mar­co Capo­gna
Pos­si­bi­le

Ema­nue­le Busco­ni
Tori­no Possibile

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.