ILVA: la strategia del governo si fonda su basi del tutto incerte

La procedura è sospesa fino al 31 marzo prossimo, la seconda sospensione dopo la prima di novembre 2016, nonostante l’accordo raggiunto tra le Procure di Milano, di Taranto e la famiglia Riva a dicembre scorso. E’ stata, a quanto pare, la stessa famiglia Riva ad aver chiesto nuovamente la sospensione dell’accordo. A questo punto, almeno per il momento, salta tutto il programma sul quale il Governo aveva costruito l’iter di privatizzazione, di messa a norma e quant’altro riguardante lo stabilimento di Taranto. Appare chiaro, quindi, che il Governo ha costruito una strategia su un assunto assolutamente incerto.

Il Tri­bu­na­le fede­ra­le sviz­ze­ro rin­via nuo­va­men­te la deci­sio­ne sul­lo sbloc­co del­le som­me seque­stra­te alla fami­glia Riva e custo­di­te in Sviz­ze­ra, quel 1,3 miliar­di di euro del Grup­po side­rur­gi­co Ilva.

Se in Ita­lia, infat­ti, le par­ti han­no tro­va­to un accor­do, in Sviz­ze­ra la cose non sem­bra­no risolte.

La pro­ce­du­ra è sospe­sa fino al 31 mar­zo pros­si­mo, la secon­da sospen­sio­ne dopo la pri­ma di novem­bre 2016, nono­stan­te l’accordo rag­giun­to tra le Pro­cu­re di Mila­no, di Taran­to e la fami­glia Riva a dicem­bre scor­so. E’ sta­ta, a quan­to pare, la stes­sa fami­glia Riva ad aver chie­sto nuo­va­men­te la sospen­sio­ne dell’accordo.

A que­sto pun­to, alme­no per il momen­to, sal­ta tut­to il pro­gram­ma sul qua­le il Gover­no ave­va costrui­to l’iter di pri­va­tiz­za­zio­ne, di mes­sa a nor­ma e quant’altro riguar­dan­te lo sta­bi­li­men­to di Taran­to.

Appa­re chia­ro, quin­di, che il Gover­no ha costrui­to una stra­te­gia su un assun­to asso­lu­ta­men­te incer­to.

Come si potrà tene­re Taran­to anco­ra in ostag­gio di un futu­ro che sem­bra sem­pre più pre­ca­rio dal pun­to di vista giu­ri­di­co, pro­dut­ti­vo, ambien­ta­le e sanitario?

Non è for­se arri­va­to il momen­to di affron­ta­re con serie­tà ed una vol­ta per tut­te la que­stio­ne Ilva, in tut­te le sue sfac­cet­ta­tu­re e dare rispo­ste soli­de e defi­ni­ti­ve ad una cit­tà in sof­fe­ren­za e ai suoi miglia­ia di ope­rai? Taran­to ha dirit­to a deci­sio­ni con­cre­te, non a nuo­vi, con­ti­nui rin­vii.

Anto­nia Battaglia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.