ILVA: la strategia del governo si fonda su basi del tutto incerte

Il Tribunale federale svizzero rinvia nuovamente la decisione sullo sblocco delle somme sequestrate alla famiglia Riva e custodite in Svizzera, quel 1,3 miliardi di euro del Gruppo siderurgico Ilva.

Se in Italia, infatti, le parti hanno trovato un accordo, in Svizzera la cose non sembrano risolte.

La procedura è sospesa fino al 31 marzo prossimo, la seconda sospensione dopo la prima di novembre 2016, nonostante l’accordo raggiunto tra le Procure di Milano, di Taranto e la famiglia Riva a dicembre scorso. E’ stata, a quanto pare, la stessa famiglia Riva ad aver chiesto nuovamente la sospensione dell’accordo.

A questo punto, almeno per il momento, salta tutto il programma sul quale il Governo aveva costruito l’iter di privatizzazione, di messa a norma e quant’altro riguardante lo stabilimento di Taranto.

Appare chiaro, quindi, che il Governo ha costruito una strategia su un assunto assolutamente incerto.

Come si potrà tenere Taranto ancora in ostaggio di un futuro che sembra sempre più precario dal punto di vista giuridico, produttivo, ambientale e sanitario?

Non è forse arrivato il momento di affrontare con serietà ed una volta per tutte la questione Ilva, in tutte le sue sfaccettature e dare risposte solide e definitive ad una città in sofferenza e ai suoi migliaia di operai? Taranto ha diritto a decisioni concrete, non a nuovi, continui rinvii.

Antonia Battaglia

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati