Stessi diritti significa matrimonio egualitario

«Breaking news: stessi diritti significa Matrimonio Egualitario, non unioni civili che escludono le Famiglie Arcobaleno». Questo sarebbe l’sms che Possibile potrebbe inviare in risposta al Sottosegretario Scalfarotto che risponde a Crozza e al suo interrogativo “Cosa rimane del Governo Renzi?”.

«Brea­king news: stes­si dirit­ti signi­fi­ca Matri­mo­nio Egua­li­ta­rio, non unio­ni civi­li che esclu­do­no le Fami­glie Arco­ba­le­no». Que­sto sareb­be l’sms che Pos­si­bi­le potreb­be invia­re in rispo­sta al Sot­to­se­gre­ta­rio Scal­fa­rot­to che rispon­de a Croz­za e al suo inter­ro­ga­ti­vo “Cosa rima­ne del Gover­no Ren­zi?”.

Di cer­to non resta l’uguaglianza, quel­la che si decli­na in stes­si dirit­ti e stes­sa digni­tà di tut­te le per­so­ne e di tut­te le fami­glie e che non dovreb­be pre­ve­de­re isti­tu­ti diver­si per for­ma­zio­ni socia­li spe­ci­fi­che come nel caso del­la Leg­ge Cirin­nà sul­le unio­ni civi­li. La mag­gio­ran­za che ha scrit­to la leg­ge, che l’ha cam­bia­ta (stral­cian­do la ste­p­child adop­tion) e che alla fine l’ha vota­ta dovreb­be ricor­dar­si che quel­la appro­va­ta non è l’estensione del matri­mo­nio civi­le a tut­te le per­so­ne indi­pen­den­te­men­te dal loro orien­ta­men­to ses­sua­le e dal­la loro iden­ti­tà di gene­re. E’ un isti­tu­to giu­ri­di­co diver­so, aper­to alle sole cop­pie omo­ses­sua­li, che esclu­de l’adozione del figlio del part­ner deci­den­do di igno­ra­re la situa­zio­ne del­le Fami­glie Arco­ba­le­no nel nostro Pae­se. Sull’argomento infat­ti si sono espres­si i tri­bu­na­li e anche la Cas­sa­zio­ne il 26 gen­na­io scor­so, quan­do, all’apertura dell’anno giu­di­zia­rio, tra­mi­te il Pre­si­den­te Gio­van­ni Can­zio, ha sot­to­li­nea­to l’urgenza di una disci­pli­na cir­ca le ado­zio­ni da par­te del­le cop­pie same-sex.

L’uguaglianza c’è sem­pre sta­ta, alme­no sul­la car­ta nel nostro ordi­na­men­to: sta scrit­ta in manie­ra chia­ris­si­ma nell’articolo 3 del­la nostra Costi­tu­zio­ne. È la sua appli­ca­zio­ne che per anni è sta­ta disat­te­sa e in par­te con­ti­nua ad esser­lo. È que­stio­ne di volon­tà poli­ti­ca, que­sta sco­no­sciu­ta, e di dare pie­na appli­ca­zio­ne all’idea che i dirit­ti non si con­ce­do­no né si nego­zia­no, essi esi­sto­no e spet­ta­no ad ognu­no di noi in quan­to tali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.