Gli esclusi dal Green Pass e dal vaccino

i senzatetto, i migranti, chi non ha i documenti o non li ha abbastanza "buoni" non ha possibilità di scelta, rischia di perdere anche quei pochi accessi ai servizi essenziali, due pasti e un tetto, che aveva, oltre a non essere tutelato nella salute e a non tutelare gli altri.

L’entrata in vigo­re del­la nor­ma­ti­va sul cosid­det­to Green Pass ha deter­mi­na­to un acce­so dibat­ti­to, su vari livelli.

Andia­mo da quel­lo “alto”, cioè giu­ri­sti e costi­tu­zio­na­li­sti che si inter­ro­ga­no sul­la legit­ti­mi­tà di que­ste nor­me, a quel­lo “bas­so”, che fon­da­men­tal­men­te riguar­da la quo­ti­dia­ni­tà dei cit­ta­di­ni e le moda­li­tà di acces­so ai ser­vi­zi ora limi­ta­ti, e infi­ne a quel­lo “raso­ter­ra” con le due fazio­ni pro e con­tro che si insul­ta­no e che han­no già ini­zia­to a sca­va­re per abbas­sar­lo anco­ra di più.

Intan­to, men­tre ci inter­ro­ghia­mo se sia costi­tu­zio­nal­men­te legit­ti­mo impe­di­re l’accesso al risto­ran­te, se i risto­ra­to­ri pos­sa­no chie­der­ci i docu­men­ti (ieri la mini­stra Lamor­ge­se lo ha nega­to, con­trad­di­cen­do però il testo del DPCM 17.06.2021 che inve­ce lo con­sen­te espres­sa­men­te, per dire il livel­lo di con­fu­sio­ne), o se chi sta sedu­to fuo­ri sen­za Green Pass pos­sa anda­re al bagno den­tro, ci sono per­so­ne che sono esclu­se dal Green Pass, per­ché a mon­te sono esclu­se dal vac­ci­no. Ne scri­ve Oiza Q. Oba­suyi sul suo pro­fi­lo Face­book, ripor­tan­do la noti­zia che arri­va da Rai News, TGR Tren­toGreen pass obbli­ga­to­rio anche per i sen­za tet­to. Devo­no aver­lo — la deci­sio­ne è del­la Pro­vin­cia auto­no­ma di Tren­to con la cir­co­la­re D337/2021 del Dipar­ti­men­to Salu­te e Poli­ti­che socia­li del 05 ago­sto 2021 — per acce­de­re alle men­se pub­bli­che o nel­le strut­tu­re dove dor­mo­no. Pec­ca­to che, essen­do sen­za resi­den­za, non pos­so­no chie­de­re di esse­re vac­ci­na­ti e, quin­di, non pos­so­no ave­re la cer­ti­fi­ca­zio­ne. Una con­trad­di­zio­ne desti­na­ta a ren­de­re impos­si­bi­le la vita a qual­che cen­ti­na­io di sen­za dimo­ra in Tren­ti­no, che allo sta­to attua­le non pos­so­no più acce­de­re ai dor­mi­to­ri o alle men­se. Il pro­ble­ma era ben pre­sen­te ad asso­cia­zio­ni e con­si­glie­ri pro­vin­cia­li. Pao­lo Zanel­la, di Futu­ra, ave­va pro­po­sto in aula di pro­ce­de­re con la vac­ci­na­zio­ne dei sen­za dimo­ra. La pro­po­sta era sta­ta boc­cia­ta dal­la mag­gio­ran­za. In Tren­ti­no — dico­no le asso­cia­zio­ni — alme­no 300 per­so­ne sono esclu­se dal­la pre­no­ta­zio­ne. Una solu­zio­ne potreb­be esse­re quel­la dei tam­po­ni, ma non è sem­pli­ce. Sono per­so­ne che non pos­so­no pagar­se­lo e i tem­pi sareb­be­ro comun­que trop­po lun­ghi per chi ha biso­gno — come chiun­que — di un pasto e di un posto per poter dormire.

Così, men­tre noi inse­guia­mo i novax a col­pi di discor­so di Mat­ta­rel­la e sia­mo appe­si alle FAQ e alle fan­ta­sio­se inter­vi­ste di Lamor­ge­se, i sen­za­tet­to, i migran­ti, chi non ha i docu­men­ti o non li ha abba­stan­za “buo­ni” non ha pos­si­bi­li­tà di scel­ta, rischia di per­de­re anche quei pochi acces­si ai ser­vi­zi essen­zia­li, due pasti e un tet­to, che ave­va, oltre a non esse­re tute­la­to nel­la salu­te e a non tute­la­re gli altri. Non è cer­to un pro­ble­ma che si risol­ve con il tam­po­ne, che non si pos­so­no per­met­te­re, ma solo ed uni­ca­men­te con il vac­ci­no. Ed è il pro­ble­ma prin­ci­pa­le che ci tro­via­mo ad affron­ta­re, per­ché ripro­po­ne su sca­la nazio­na­le quel­lo che avvie­ne nel mon­do, dove i Pae­si ric­chi si vac­ci­na­no in mas­sa e discu­to­no sull’accesso a ser­vi­zi non essen­zia­li, men­tre i Pae­si pove­ri non han­no vac­ci­ni, e rap­pre­sen­ta­no il ser­ba­to­io rea­le del virus e del­le sue temu­te varianti.

Ora, a livel­lo loca­le sareb­be sem­pli­ce copia­re ad esem­pio dal­la Fran­cia che, esten­den­do l’obbligo del Pass Sani­tai­re a tut­ti i risto­ran­ti, ha espres­sa­men­te esclu­so la restau­ra­tion non com­mer­cia­le, notam­ment la distri­bu­tion gra­tui­te de repas, per­ché il legi­sla­to­re fran­ce­se evi­den­te­men­te si è ricor­da­to che esi­ste una risto­ra­zio­ne non com­mer­cia­le e per esse­re sicu­ro ha spe­ci­fi­ca­to che è quel­la che pre­ve­de la distri­bu­zio­ne gra­tui­ta di pasti. Ma noi no, noi ci ricor­dia­mo di chi ha la pel­le un po’ più scu­ra solo quan­do vin­ce, per noi, una meda­glia alle olim­pia­di, figu­ria­mo­ci di quel­li che non han­no nien­te da offri­re in cam­bio per la nostra atten­zio­ne, se non i loro dirit­ti fon­da­men­ta­li costi­tu­zio­nal­men­te garan­ti­ti (a pro­po­si­to di costi­tu­zio­na­li­sti). Sen­za dimen­ti­ca­re che fra i sen­za dimo­ra abbia­mo per­so­ne ita­lia­nis­si­me, che però non sono mai nei pen­sie­ri dei più acca­ni­ti sovra­ni­sti de noan­tri. Ed è vero che in altre regio­ni più vir­tuo­se la que­stio­ne vie­ne affron­ta­ta, ma man­ca a mon­te, fra i “miglio­ri” di ieri e di oggi, per inten­der­ci, la con­sa­pe­vo­lez­za del pro­ble­ma e un approc­cio glo­ba­le, come spie­ga la Fon­da­zio­ne Vero­ne­si.

Nean­che una pan­de­mia, nean­che il nostro stes­so inte­res­se alla vita, in sen­so stret­to o sem­pli­ce­men­te a quel­la che face­va­mo pri­ma, ci fa capi­re che la cura va affron­ta­ta glo­bal­men­te e non local­men­te, che le disu­gua­glian­ze vac­ci­na­li pos­so­no ren­de­re inu­ti­li le vac­ci­na­zio­ni a tap­pe­to nel­le nostre ric­che ma non impe­ne­tra­bi­li bol­le. Che la lot­ta alle disu­gua­glian­ze è glo­ba­le, e inve­ste i dirit­ti civi­li e socia­li, alla vita come ai mez­zi di sosten­ta­men­to come alla salu­te.  

Quan­do ne abbia­mo par­la­to, a giu­gno, la meta­fo­ra era il Tita­nic: ora sia­mo ad ago­sto e la prio­ri­tà è entra­re nel risto­ran­te del­la nave. Quan­do inve­ce dovrem­mo vac­ci­na­re e vac­ci­nar­ci tut­ti, e discu­te­re di que­sto e di come far­lo nel miglio­re dei modi, sia in Ita­lia che ovun­que.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.