Rapporto dell’ONU sul clima: la scienza ci indica, ancora una volta, la via

Cambiare modello di sviluppo e cambiarlo subito. Far entrare il clima nei temi caldi della politica, e farlo subito. Pretendere di parlare di clima dentro al Parlamento, non accettando più di parlarne fuori, in migliaia di incontri, seminari, dibattiti che coinvolgono solo chi è già coinvolto.  

di Chia­ra Bertogalli

L’al­lar­me ONU, che risuo­na dal panel inter­go­ver­na­ti­vo degli scien­zia­ti del cli­ma, l’I­PCC, non lascia spa­zio a dub­bi. L’in­fluen­za del­le atti­vi­tà antro­pi­che sul­le con­cen­tra­zio­ni di gas ser­ra sta por­tan­do l’e­qui­li­brio cli­ma­ti­co al caos. 

Cor­ria­mo a testa bas­sa ver­so even­ti cli­ma­ti­ci estre­mi, sem­pre più fre­quen­ti ed impre­ve­di­bi­li. Alcu­ni effet­ti del riscal­da­men­to glo­ba­le sono ormai irre­ver­si­bi­li: lo scio­gli­men­to del­le calot­te pola­ri, l’in­nal­za­men­to del livel­lo degli ocea­ni e l’a­ci­di­fi­ca­zio­ne del­le acque, il col­las­so del­le cor­ren­ti ocea­ni­che. Tut­to que­sto pre­lu­de ad altri even­ti irre­ver­si­bi­li, come l’e­mis­sio­ne di meta­no e ulte­rio­re CO2 dal­lo scio­gli­men­to del per­ma­fro­st o il mino­re rias­sor­bi­men­to di ani­dri­de car­bo­ni­ca del suo­lo, di cui non si rie­sco­no anco­ra a sti­ma­re enti­tà e con­se­guen­ze. Su case e cit­tà, su agri­col­tu­ra e cibo, su lavo­ro e mobi­li­tà, su ciò che esi­ste­rà o si estinguerà.

Di fron­te alle paro­le ine­qui­vo­ca­bi­li del­la scien­za, i deci­so­ri poli­ti­ci anco­ra ten­ten­na­no, non solo, nega­no: nel­le scor­se set­ti­ma­ne abbia­mo sen­ti­to dire a un mini­stro del­la repub­bli­ca ita­lia­na, par­te del sedi­cen­te gover­no dei miglio­ri, che occor­re “difen­de­re l’in­du­stria ita­lia­na dal pac­chet­to clima”.

Il Pia­no Nazio­na­le di Ripre­sa e Resi­lien­za vor­reb­be dise­gna­re una tran­si­zio­ne soft, pos­si­bi­le – for­se — tren­t’an­ni fa. Non vedia­mo adat­ta­men­to o miti­ga­zio­ne degli effet­ti in tem­pi ade­gua­ti, solo miti­ga­zio­ne del­le con­se­guen­ze eco­no­mi­che per i soli­ti noti che han­no pro­li­fe­ra­to indi­stur­ba­ti ven­den­do, se pur indi­ret­ta­men­te, ton­nel­la­te di CO2. 

Nel mon­do alla rove­scia, chi dovreb­be deci­de­re per il bene comu­ne non è in gra­do di ascol­ta­re la scien­za e resta anco­ra lega­to al model­lo di svi­lup­po degli anni ottan­ta del seco­lo scor­so: pren­de­re tut­to quel che si può. L’i­po­te­ca è incom­men­su­ra­bi­le: il futu­ro benes­se­re del­le pros­si­me gene­ra­zio­ni, la vivi­bi­li­tà del pia­ne­ta per noi e per le altre spe­cie che lo popo­la­no e dal cui equi­li­brio dipen­de anche – soprat­tut­to — la nostra sopravvivenza.

È tem­po di fare una scel­ta radi­ca­le ver­so la rige­ne­ra­zio­ne, che non con­tem­pli fin­zio­ne nè pro­cra­sti­na­zio­ne, di inve­sti­re tut­to, real­men­te, in una tran­si­zio­ne siste­mi­ca. Altri­men­ti tut­to dege­ne­re­rà, a par­ti­re dal­la sus­si­sten­za di chi già oggi è lascia­to indie­tro, vit­ti­ma del­la depre­da­zio­ne del­le risor­se di un’e­co­no­mia che sega il ramo su cui è seduta. 

Non vede­re il lega­me fra gli scon­vol­gi­men­ti cli­ma­ti­ci e la poli­ti­ca appa­re del tut­to inspie­ga­bi­le a noi che, in que­sti anni, sia­mo sce­si in piaz­za assie­me ad altri milio­ni di per­so­ne, per chie­de­re un cam­bio di visio­ne, per chie­de­re di pro­teg­ge­re il futu­ro. Appa­re, ora sì, una pre­te­sa infan­ti­le pen­sa­re che l’e­mer­gen­za cli­ma­ti­ca pos­sa esse­re affron­ta­ta con risor­se ade­gua­te se la que­stio­ne non ver­rà tra­sci­na­ta con gran­de deter­mi­na­zio­ne nei luo­ghi del­la poli­ti­ca: anche gli altri par­ti­ti abbrac­ci­no subi­to la que­stio­ne, si met­ta­no a stu­dia­re, si espri­ma­no con i pro­gram­mi. I cit­ta­di­ni attui­no il loro pote­re demo­cra­ti­co in cabi­na elet­to­ra­le e, pri­ma anco­ra, nel­la socie­tà. Gli esper­ti smet­ta­no di arroc­car­si nei tec­ni­ci­smi e in tie­pi­de neu­tra­li­tà: è il momen­to per loro di entra­re in Par­la­men­to, non di sta­re alla finestra.

Il moti­vo è sem­pli­ce: il nostro dibat­ti­to pub­bli­co dimo­stra ogni sin­go­lo gior­no di non ave­re suf­fi­cien­ti stru­men­ti per com­pren­de­re ed agi­re. Gior­na­li e gior­na­li­sti ren­do­no evi­den­te ogni gior­no di non saper trat­ta­re il tema, né di dedi­ca­re l’im­por­tan­za neces­sa­ria a risve­glia­re l’at­ten­zio­ne nei cit­ta­di­ni e in colo­ro che ammi­ni­stra­no tut­ti i livel­li orga­niz­za­ti­vi del­la società. 

Cam­bia­re model­lo di svi­lup­po e cam­biar­lo subi­to. Far entra­re il cli­ma nei temi cal­di del­la poli­ti­ca, e far­lo subi­to. Pre­ten­de­re di par­la­re di cli­ma den­tro al Par­la­men­to, non accet­tan­do più di par­lar­ne fuo­ri, in miglia­ia di incon­tri, semi­na­ri, dibat­ti­ti che coin­vol­go­no solo chi è già coinvolto. 

Il cli­ma entri in Par­la­men­to, sui gior­na­li, nei talk show, nel­le urne elet­to­ra­li. Non è tem­po di addi­ta­re la poli­ti­ca, ora è tem­po di impor­le di agi­re con determinazione. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.