Frena la corsa dei Voucher? Tutto frutto del ricalcolo

Come giu­sti­fi­ca­re la pre­sun­ta fre­na­ta del­la ven­di­ta dei buo­ni lavo­ro negli ulti­mi due mesi del­l’an­no? Effet­to del­le novi­tà intro­dot­te con il decre­to cor­ret­ti­vo del Jobs Act che pre­ve­de la noti­fi­ca SMS 6o minu­ti pri­ma del­l’av­vio dei lavori?
No.
Frut­to di un rical­co­lo. Tut­to qui.
Lo scri­ve l’INPS in aper­tu­ra del­l’ul­ti­mo report del­l’Os­ser­va­to­rio sul Precariato:

A par­ti­re dal pre­sen­te aggior­na­men­to dell’Osservatorio, i dati rife­ri­ti ai vou­cher sono cal­co­la­ti fino al mese pre­ce­den­te alla data di aggior­na­men­to, per cui le infor­ma­zio­ni ripor­ta­te nel­le rela­ti­ve tabel­le assu­mo­no a rife­ri­men­to il perio­do gen­na­io-dicem­bre 2016. Inol­tre, è sta­ta aggiun­ta una tabel­la che ripor­ta l’importo dei vou­cher ven­du­ti in ogni mese del trien­nio 2014–2016. Infi­ne, sem­pre a par­ti­re dal pre­sen­te aggior­na­men­to, allo sco­po di eli­mi­na­re gli effet­ti distor­si­vi del­le tran­sa­zio­ni di ven­di­ta non anda­te a buon fine (v. Gui­da alla let­tu­ra dei dati dell’Osservatorio), le tabel­le ripor­ta­no esclu­si­va­men­te l’importo dei vou­cher per i qua­li risul­ta per­fe­zio­na­ta la pro­ce­du­ra di vendita.

Che si tra­du­ce in un taglio dell’8,5% medio sul mon­te dei taglian­di ven­du­ti. Esat­ta­men­te l’im­por­to del­la ridu­zio­ne nel tas­so di cre­sci­ta annua­le, stan­do ai gior­na­li in fre­na­ta (pas­sa­to cioè dal 32% di Otto­bre al 23.9% di Dicem­bre 2016). Ecco una tabel­la che esem­pli­fi­ca l’ef­fet­to del rical­co­lo. Nel­la pri­ma colon­na è ripor­ta­ta la som­ma dei taglian­di ven­du­ti pro­gres­si­va­men­te dal­l’i­ni­zio del­l’an­no, come rical­co­la­ta oggi dal­l’INPS; nel­la secon­da, il dato comu­ni­ca­to men­sil­men­te dal­l’i­sti­tu­to con le pub­bli­ca­zio­ni perio­di­che del­l’Os­ser­va­to­rio sul Pre­ca­ria­to; nel­la ter­za, il diva­rio in percentuale.

2016 Rical­co­la­to Pre­cen­den­te Varia­zio­ne
Gen-Feb 18153599 19618220 -8,07%
Gen-Mar 29078117 31472305 -8,23%
Gen-Apr 40419968 43741711 -8,22%
Gen-Mag 52377208 56701714 -8,26%
Gen-Giu 64527541 69899824 -8,33%
Gen-Lug 77744479 84350315 -8,50%
Gen-Ago 89087527 96622284 -8,46%
Gen-Set 101002203 109553754 -8,47%
Gen-Ott 112014030 121506894 -8,47%
-8,33%

In ogni caso, stan­do ai nume­ri rive­la­ti oggi, negli ulti­mi 5 mesi il mon­te dei taglian­di ven­du­ti è sem­pre sta­to del­l’or­di­ne degli 11 milio­ni, tran­ne a Novem­bre (10.3 milio­ni ven­du­ti), quan­do l’in­cer­tez­za cir­ca il nuo­vo meto­do di noti­fi­ca sms, deve aver dis­sua­so i com­mit­ten­ti dal­l’in­ca­me­ra­re nuo­vi car­net di buoni.

INPS sostie­ne che il trend di cre­sci­ta è in calo ma ha modi­fi­ca­to l’in­di­ca­to­re di rife­ri­men­to: sino al mese scor­so, tale indi­ca­to­re era la som­ma pro­gres­si­va dei vou­cher ven­du­ti da ini­zio anno; da que­st’ul­ti­ma pub­bli­ca­zio­ne, è il ven­du­to nel mese con­fron­ta­to con lo stes­so mese del­l’an­no pre­ce­den­te. Il con­fron­to vie­ne faci­le dal momen­to che il volu­me di vou­cher ven­du­ti nel Dicem­bre 2015 già supe­ra­va gli 11 milioni.

Per poter par­la­re di inver­sio­ne del trend, dovrem­mo vede­re un calo nel volu­me ven­du­to che si con­so­li­da mese per mese, scen­den­do alme­no sot­to la soglia dei 10 milio­ni. Non è acca­du­to, sino­ra. Quin­di sia­mo ben lun­gi dal­l’a­ver risol­to il problema.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.