Fedefarma, quando chi vende i farmaci si schiera con gli oscurantisti

Da diver­so tem­po Non Una di Meno sta con­du­cen­do una sacro­san­ta bat­ta­glia in dife­sa del­la 194, la leg­ge sull’interruzione di gra­vi­dan­za, e sul­la sua rea­le appli­ca­zio­ne, un tema da sem­pre mol­to caro anche a Pos­si­bi­le, che infat­ti sostie­ne e par­te­ci­pa in ogni modo l’azione fem­mi­ni­sta in que­sto senso.

Da alcu­ni mesi, Vero­na è diven­ta­ta un auten­ti­fi­co labo­ra­to­rio di miso­gi­nia e di discri­mi­na­zio­ne nei con­fron­ti del­le don­ne, del loro dirit­to di scel­ta e di auto­de­ter­mi­na­zio­ne, da par­te del­la giun­ta di estre­ma destra che gover­na la cit­tà, da par­te del­la sua mag­gio­ran­za, con l’appoggio e il soste­gno di ogni risma di fasci­sti (neo e vete­ro, di lot­ta o di gover­no) che pur­trop­po anco­ra infet­ta­no la nostra nazione.

Anche in que­sto caso, Non Una di Meno è in cam­po, e noi con lei, e a Vero­na è da subi­to mobi­li­ta­ta con azio­ni dimo­stra­ti­ve e di pro­te­sta, oltre che di denun­cia e di infor­ma­zio­ne, che han­no già otte­nu­to lo sco­po di por­ta­re alla ribal­ta nazio­na­le un tema così cru­cia­le per la salu­te del­la nostra società.

Con­fes­so che è con estre­mo stu­po­re che ho appre­so del­la disce­sa in cam­po, in que­sta ten­zo­ne, di Feder­far­ma Vero­na. Ed è con allar­me e sde­gno che ho dovu­to nota­re che l’associazione dei far­ma­ci­sti del­la cit­tà vene­ta ha scel­to di schie­rar­si con i retro­gra­di e con i fasci­sti, con i miso­gi­ni e con chi vuo­le ripor­ta­re l’Italia ai seco­li più bui del­la sua storia.

Feder­far­ma Vero­na ha scel­to di inter­ve­ni­re non per denun­cia­re il vio­len­to ten­ta­ti­vo di ridur­re i dirit­ti del­le don­ne, non per denun­cia­re il fol­le obiet­ti­vo di ridur­ne la salu­te e la sicu­rez­za (già, la sicu­rez­za, quel­la vera).

Feder­far­ma Vero­na ha scel­to di inter­ve­ni­re non per denun­cia­re le fal­se affer­ma­zio­ni dei con­si­glie­ri di mag­gio­ran­za del­la destra vero­ne­se, che con­fon­do­no i con­trac­cet­ti­vi di emer­gen­za con la pil­lo­la abor­ti­va.

No, Feder­far­ma Vero­na ha scel­to di inter­ve­ni­re per attac­ca­re Non Una di Meno e la sua mani­fe­sta­zio­ne dimo­stra­ti­va, in cui ha distri­bui­to pil­lo­le di zuc­che­ro (dichia­ra­ta­men­te tali), azio­ne chia­ra­men­te vol­ta a denun­cia­re la scar­sa repe­ri­bi­li­tà (e la pos­si­bi­le futu­ra mes­sa al ban­do) dei con­trac­cet­ti­vi femminili.

Sostie­ne l’associazione dei far­ma­ci­sti sca­li­ge­ri «van­no stig­ma­tiz­za­ti com­por­ta­men­ti pro­pa­gan­di­sti di que­sto gene­re. Sti­mo­la­re i gio­va­ni ad un uti­liz­zo sem­pli­ci­sti­co ed incon­trol­la­to di far­ma­ci così deli­ca­ti è pre­oc­cu­pan­te per la salu­te pub­bli­ca in quan­to rischia di disin­cen­ti­va­re l’utilizzo del pre­ser­va­ti­vo, visto dai gio­va­ni prin­ci­pal­men­te come stru­men­to per evi­ta­re gra­vi­dan­ze inde­si­de­ra­te».

Ecco, Feder­far­ma si sba­glia, e si sba­glia di gros­so, e lo fa sot­to diver­si pun­ti di vista, alcu­ni più gra­vi di altri.

Alla mag­gior par­te di que­sti ha già rispo­sto mol­to accu­ra­ta­men­te la stes­sa Non Una di Meno Vero­na, e vi riman­do al loro post per quan­to con­cer­ne la que­stio­ne dell’informazione, la que­stio­ne del dirit­to alla con­trac­ce­zio­ne, la que­stio­ne di cosa è e cosa non è un far­ma­co abor­ti­vo non secon­do l’opinione di cia­scu­no di noi, ma dell’AIFA, non ulti­ma la que­stio­ne estre­ma­men­te rile­van­te del ruo­lo del­le far­ma­cie nel pro­ble­ma ita­lia­no del­la dispo­ni­bi­li­tà e dell’ultilizzo dei con­trac­cet­ti­vi. Un ruo­lo pre­oc­cu­pan­te, un ruo­lo su cui Feder­far­ma si dovreb­be inter­ro­ga­re mol­to atten­ta­men­te, inve­ce di lan­cia­re stra­li con­tro chi difen­de i dirit­ti del­le donne.

Voglio però sof­fer­mar­mi su un pun­to, in par­ti­co­la­re. Feder­far­ma sostie­ne che pub­bli­ciz­za­re i con­trac­cet­ti­vi fem­mi­ni­li con una pra­ti­ca dimo­stra­ti­va potreb­be disin­cen­ti­va­re l’uso del preservativo.
Posi­zio­ne inte­res­san­te, ma poco suf­fra­ga­ta dai dati e del­la real­tà del­le cose.

Se l’utilizzo dei pre­ser­va­ti­vi in Ita­lia è dram­ma­ti­ca­men­te bas­so, que­sta è cosa gra­ve, ma di scar­sis­si­mo inte­res­se per la destra fasci­sta con cui Feder­far­ma ha scel­to di schie­rar­si, come dimo­stra la ver­go­gno­sa vicen­da degli emen­da­men­ti sui pre­ser­va­ti­vi gra­tui­ti pre­sen­ta­ti e poi riti­ra­ti dai 5 Stel­le su pres­sio­ne del­la Lega.

Altret­tan­to se non più gra­ve, però, è la scar­sa pro­pen­sio­ne nel nostro pae­se all’utilizzo dei con­trac­cet­ti­vi femminili.

Secon­do un rap­por­to del­la Socie­tà Ita­lia di Gine­co­lo­gia e Oste­tri­cia, infat­ti, meno di un ter­zo del­le don­ne ita­lia­ne uti­liz­za con­trac­cet­ti­vi fem­mi­ni­li, e meno di un quin­to uti­liz­za con­trac­cet­ti­vi ormo­na­li, con­tro il pur bas­so 42,4% di uti­liz­zo del preservativo.

Un’indagine sem­pre del­la SIGO ha rive­la­to che tra le don­ne con meno di 25 anni, ben il 42% (un dato in aumen­to del 5% rispet­to alle inda­gi­ni pre­ce­den­ti) non uti­liz­za alcun con­trac­cet­ti­vo duran­te la pri­ma espe­rien­za ses­sua­le, e solo il 14% uti­liz­za la pillola.

L’Italia è, secon­do la SIGO, uno dei pae­si con tas­so più bas­so di uti­liz­zo dei con­trac­cet­ti­vi ormonali.

Quin­di soste­ne­re che l’invito all’utilizzo di con­trac­cet­ti­vi ormo­na­li fem­mi­ni­li pos­sa ridur­re l’utilizzo del pre­ser­va­ti­vo, è sem­pli­ce­men­te assur­do. Soste­ne­re che in Ita­lia ci sia il peri­co­lo di un uti­liz­zo “leg­ge­ro e spen­sie­ra­to” di quei far­ma­ci, è desti­tui­to di ogni fon­da­men­to. Sem­mai ci sareb­be biso­gno di mag­gio­re infor­ma­zio­ne sull’argomento.

C’è di più. Se la media ita­lia­na dell’utilizzo dei con­trac­cet­ti­vi ormo­na­li è un mise­ro 16,2%, va nota­to che qua­si tut­te le regio­ni del nord si atte­sta­no su una per­cen­tua­le (poco) più alta. Tut­te tran­ne una. Indo­vi­na­te qua­le? Pro­prio il Vene­to, pro­prio la regio­ne dal­la qua­le, di fron­te al peri­co­lo di veder ridot­ti i dirit­ti del­le don­ne e di veder­ne aumen­ta­ti i rischi e mes­sa a repen­ta­glio la salu­te, Feder­far­ma sce­glie di sca­gliar­si con­tro il peri­co­lo dell’utilizzo “alla leg­ge­ra” dei contraccettivi.

Una posi­zio­ne ridi­co­la, se non fos­se ver­go­gno­sa. Una posi­zio­ne che di scien­ti­fi­co non ha nul­la, men­tre sup­por­ta sub­do­la­men­te quel­le di chi si masche­ra die­tro l’integralismo reli­gio­so per amman­ta­re di un qual­che valo­re la pro­pria volon­tà di sopraf­fa­zio­ne e domi­nio del pros­si­mo, spe­cie se di ses­so femminile.

Una posi­zio­ne che ren­de quel­la “r” in Feder­far­ma di trop­po. Chia­mia­mo­la Fede­far­ma, d’ora in poi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.