Facciamo luce: la tutela dei bambini al primo posto

Con il suo ulti­mo libro, Lus­su­ria, il gior­na­li­sta del­l’E­spres­so Emi­lia­no Fit­ti­pal­di ha disve­la­to, con docu­men­ti e dati pre­ci­si, la situa­zio­ne a vol­te di gra­ve sot­to­va­lu­ta­zio­ne ed altre di vera e pro­pria coper­tu­ra degli abu­si ses­sua­li com­piu­ti nei con­fron­ti di mino­ri da par­te di sog­get­ti appar­te­nen­ti alla Chiesa.
Noi di Pos­si­bi­le, che del­la tute­la dei mino­ri abbia­mo fat­to una pre­ci­sa linea di ela­bo­ra­zio­ne e pro­po­sta poli­ti­ca (l’ul­ti­ma, in ordi­ne di tem­po, è sta­ta la bat­ta­glia sui mino­ri stra­nie­ri non accom­pa­gna­ti ma ricor­dia­mo la nostra fer­ma cri­ti­ca alla leg­ge sul­le unio­ni civi­li ampu­ta­ta del­la ste­p­child adop­tion) da tem­po ci inter­ro­ghia­mo su come, da legi­sla­to­ri, pos­sia­mo con­cre­ta­men­te inter­ve­ni­re per sco­per­chia­re il velo di omer­tà che pro­teg­ge gli auto­ri di que­sti cri­mi­ni odio­si e per supe­ra­re la rego­la di dirit­to cano­ni­co, rece­pi­ta dai Pat­ti Late­ra­nen­si e dal Con­cor­da­to, per cui il chie­ri­co che abbia noti­zia di un rea­to (come quel­lo di pedo­fi­lia) non ha alcun obbli­go giu­ri­di­co di rife­rir­ne alla magi­stra­tu­ra del­lo Sta­to italiano.
Da que­sta con­sta­ta­zio­ne (l’e­si­sten­za di un vero e pro­prio osta­co­lo giu­ri­di­co al per­se­gui­men­to di que­sti rea­ti) è par­ti­to il nostro stu­dio per tro­va­re una soluzione.
Trat­tan­do­si di mate­ria con­cor­da­ta­ria, disci­pli­na­ta da accor­di tra San­ta Sede e Sta­to ita­lia­no, non pote­va­mo imma­gi­na­re una nor­ma sta­ta­le che, uni­la­te­ral­men­te, rimuo­ves­se que­sto ostacolo.
Abbia­mo dun­que pro­po­sto una mozio­ne da sot­to­por­re al Par­la­men­to, che se appro­va­ta, impor­rà al Gover­no di pro­muo­ve­re la nego­zia­zio­ne di un accor­do con la San­ta Sede, nel­la qua­li­tà di supre­mo orga­no di gover­no del­la Chie­sa cat­to­li­ca, che, nel rispet­to dell’indipendenza degli ordi­na­men­ti civi­le e cano­ni­co e del­la distin­zio­ne del­la sfe­ra pro­pria a cia­scu­no riser­va­ta secon­do i prin­cì­pi del­la Costi­tu­zio­ne, disci­pli­ni – even­tual­men­te, ove rite­nu­to con­gruo dal­le Par­ti, median­te pro­to­col­lo aggiun­ti­vo al vigen­te Con­cor­da­to secon­do le pro­ce­du­re di cui all’articolo 7, secon­do com­ma, del­la Costi­tu­zio­ne – gli aspet­ti del­la coo­pe­ra­zio­ne e del­la mutua assi­sten­za giu­di­zia­ria tra lo Sta­to ita­lia­no e la Chie­sa cat­to­li­ca nell’esercizio del­le fun­zio­ni dei rispet­ti­vi orga­ni giu­ri­sdi­zio­na­li e, per quan­to attie­ne in par­ti­co­la­re alla mate­ria pena­le, limi­ta­ta­men­te alle fat­ti­spe­cie di dop­pia incri­mi­na­zio­ne rile­van­ti per entram­bi gli ordi­na­men­ti, con par­ti­co­la­re rife­ri­men­to agli abu­si ses­sua­li su minori.

Una bat­ta­glia di giu­sti­zia, di dirit­ti, di lai­ci­tà che con­fi­dia­mo pos­sa tro­va­re il più lar­go con­sen­so tra depu­ta­ti e senatori.
Ne par­le­re­mo doma­ni, mer­co­le­dì 10 mag­gio alle 14.30 in una Con­fe­ren­za Stam­pa alla Came­ra dei Depu­ta­ti insie­me a Emi­lia­no Fit­ti­pal­di (gior­na­li­sta de L’E­spres­so), Car­la Cor­set­ti (segre­ta­ria nazio­na­le di Demo­cra­zia Atea e giu­ri­sta), Andrea Per­ti­ci (ordi­na­rio di dirit­to costi­tu­zio­na­le all’U­ni­ver­si­tà di Pisa), Enzo Mar­zo (pre­si­den­te di Cri­ti­ca Liberale).

Giu­sep­pe Civati
Andrea Maestri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.