“Io amo il mio Negozio di Quartiere”, approvata la mozione popolare di Possibile a Reggio Emilia

A Reg­gio Emi­lia è sta­ta appro­va­ta in Con­si­glio Comu­na­le la mozio­ne popo­la­re pro­po­sta dal Comi­ta­to Ago­rà 7 Luglio sul­la tute­la dei nego­zi di quartiere.
La pro­po­sta, che il con­si­glio comu­na­le ha appro­va­to all’unanimità con 27 voti favo­re­vo­li, pre­ve­de la ridu­zio­ne del­le tas­se di com­pe­ten­za comu­na­le sui pic­co­li com­mer­cian­ti e la ridu­zio­ne del­le loca­zio­ni tra­mi­te un accor­do tra comu­ne e proprietari.

Sia­mo mol­to orgo­glio­si di aver rap­pre­sen­ta­to in con­si­glio la voce dei 500 cit­ta­di­ni che han­no appog­gia­to la mozio­ne. Al di là dei con­te­nu­ti, è impor­tan­te il pro­ces­so con cui si è arri­va­to all’approvazione: un per­cor­so che ha coin­vol­to dal bas­so asso­cia­zio­ni di cate­go­ria e cit­ta­di­ni sia nel momen­to di ste­su­ra del testo che in quel­lo del­la pre­sen­ta­zio­ne in Consiglio.

Ecco la mozio­ne popo­la­re “Io amo il mio Nego­zio di Quar­tie­re” che il Comi­ta­to Ago­rà 7 Luglio di Reg­gio Emi­lia ha pre­sen­ta­to al Con­si­glio Comu­na­le di Reg­gio Emi­lia soste­nu­ta da più di 400 fir­me per la pre­sen­ta­zio­ne del­la mozio­ne popolare

Pochi san­no che in tut­ta Ita­lia sono miglia­ia gli esu­be­ri nel­la gran­de distri­bu­zio­ne. A Reg­gio Emi­lia, nono­stan­te que­sto, si con­ti­nua a insi­ste­re nel­la costru­zio­ne di iper­mer­ca­ti, sen­za che sia giu­sti­fi­ca­ta da un aumen­to del­la popo­la­zio­ne o del­la ric­chez­za pro capite.

Per anni è sta­ta dif­fu­sa l’idea che i fre­quen­ti pro­get­ti di edi­fi­ca­zio­ne su lar­ga sca­la avreb­be­ro con­dot­to ad una mag­gior con­cor­ren­za salu­ta­re per l’economia cit­ta­di­na e nazionale.

Tut­ta­via, una simi­le teo­ria, che non ha por­ta­to a un con­cre­to rilan­cio dei con­su­mi, non ha potu­to che dare ori­gi­ne ad esu­be­ri e inter­ven­ti a impat­to ambien­ta­le di note­vo­le portata.

Sull’onda dell’aper­tu­ra dell’ennesimo iper­mer­ca­to a Reg­gio, ci sia­mo chie­sti qua­le fos­se la stra­da da per­cor­re­re: una pro­te­sta fina­liz­za­ta a se stes­sa e che dif­fi­cil­men­te avreb­be por­ta­to a risul­ta­ti con­cre­ti o una pro­po­sta capa­ce di inne­sca­re un dibat­ti­to cul­tu­ra­le su qua­le for­ma far pren­de­re al com­mer­cio nel­la nostra città?

Abbia­mo scel­to la secon­da strada.

Dopo un con­fron­to con asso­cia­zio­ni, com­mer­cian­ti e sin­go­li cit­ta­di­ni, è sta­ta pre­pa­ra­ta una mozio­ne di ini­zia­ti­va popo­la­re che non chie­des­se sem­pli­ce­men­te il bloc­co di ope­re già di immi­nen­te attua­zio­ne ma pro­po­nes­se una solu­zio­ne ai pic­co­li com­mer­cian­ti e alle bot­te­ghe arti­gia­na­li di quar­tie­re per poter­si oppor­re alla con­cor­ren­za degli ipermercati.

Con que­sta mozio­ne pro­po­nia­mo di dare voce a una vali­da alter­na­ti­va con­tro l’inaccettabile con­ces­sio­ne edi­li­zia sen­za fre­ni, in favo­re di un com­mer­cio dal vol­to più uma­no e più uti­le per rilan­cia­re l’economia rea­le. Chie­dia­mo due cose:

  • Una ridu­zio­ne del­le tas­se di com­pe­ten­za comu­na­le sui pic­co­li commercianti;
  • Una ridu­zio­ne del­le loca­zio­ni tra­mi­te un accor­do tra comu­ne e proprietari.

A par­ti­re dal momen­to ini­zia­le di con­fron­to con i sog­get­ti inte­res­sa­ti si è inne­sca­to a cate­na, gra­zie ai loro con­tri­bu­ti, un ragio­na­men­to com­ples­si­vo sui pro­ble­mi del­la città.

Il discor­so sui nego­zi di quar­tie­re non inve­ste solo il tema del com­mer­cio, ma anche quel­li del­la sicu­rez­za (in un momen­to in cui la paro­la è sem­pre più abu­sa­ta nei ragio­na­men­ti di qual­cu­no), dell’ambiente e del­la socia­li­tà. E – più in gene­ra­le – inve­ste i rit­mi del­la nostra vita.

Per­ché la sicu­rez­za? Per­ché una stra­da si ren­de mol­to più sicu­ra ren­den­do­la viva e attrat­ti­va gra­zie alla pre­sen­za di atti­vi­tà com­mer­cia­li che facen­do­la pre­si­dia­re dal­le for­ze dell’ordine.

Per­ché l’ambiente? Per­ché ave­re un nego­zio nel nostro quar­tie­re ren­de evi­ta­bi­le l’uso dell’automobile.

Per­ché la socia­li­tà? Per­ché per­met­te la crea­zio­ne di rap­por­ti diret­ti e per­so­na­li, in un’epoca che sem­pre di più ci spin­ge a sen­tir­ci soli anche quan­do sia­mo cir­con­da­ti da altre persone.

 

Comi­ta­to Ago­rà 7 Luglio 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.