Legittima difesa: la situazione è grave ma non seria

Ancor prima che commentare la deriva populista del legislatore, conviene sottolinearne la assoluta inadeguatezza e l’incapacità nel maneggiare il delicatissimo strumento penale e punitivo, con i risultati che più che preoccupare per gli effetti sul sistema espongono il Parlamento al pubblico ludibrio

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494317733597{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

Se nel mal­con­cio siste­ma pena­le ita­lia­no c’è un isti­tu­to che non ave­va biso­gno di modi­fi­che, rispet­to alla sua for­mu­la­zio­ne ori­gi­na­ria, è quel­lo che rego­la la legit­ti­ma dife­sa.

Ed infat­ti, un legi­sla­to­re con­sa­pe­vo­le dei fon­da­men­ti del­la scien­za pena­le, sep­pu­re fasci­sta, ave­va disci­pli­na­to la mate­ria come si face­va un tem­po, con poche paro­le, un solo com­ma di un solo arti­co­lo: “Non è puni­bi­le chi ha com­mes­so il fat­to per esser­vi sta­to costret­to dal­la neces­si­tà di difen­de­re un dirit­to pro­prio o altrui dal peri­co­lo attua­le di una offe­sa ingiu­sta, sem­pre che la dife­sa sia pro­por­zio­na­ta all’offesa”.

Det­tan­do pochi e sem­pli­ci prin­ci­pi costi­tui­ti dal­lo sta­to di neces­si­tà, l’attualità di un peri­co­lo e la pro­por­zio­ne tra quest’ultimo e l’azione difen­si­va, il legi­sla­to­re ave­va dato al giu­di­ce tut­ti gli stru­men­ti per deci­de­re il caso con­cre­to.

L’ansia di pri­va­re il giu­di­ce di ogni discre­zio­na­li­tà ave­va spin­to il Par­la­men­to, con rela­to­re di For­za Ita­lia, per capi­re chi di soli­to si occu­pa di que­ste cose, ad appro­va­re nel 2006 la modi­fi­ca del­la nor­ma con l’introduzione, al com­ma secon­do, del­la con­tro­ver­sa “legit­ti­ma dife­sa domi­ci­lia­re”, con la qua­le ‑come oggi- si face­va lar­go il con­cet­to per cui la dife­sa è sem­pre legit­ti­ma den­tro alle mura di casa. La giu­ri­spru­den­za, degra­dan­do la dife­sa domi­ci­lia­re a sot­to­spe­cie del­la legit­ti­ma dife­sa rego­la­ta dal com­ma pri­mo, ha defi­ni­ti­va­men­te sta­bi­li­to che anche tra le mura di casa non vie­ne meno il requi­si­to del­la (neces­sa­ria, per evi­ta­re la puni­zio­ne) pro­por­zio­na­li­tà tra l’offesa e la dife­sa.

Oggi il legi­sla­to­re, che pure è di colo­re diver­so da quel­lo del 2006, ha deci­so di inter­ve­ni­re nuo­va­men­te, per­se­guen­do sostan­zial­men­te il mede­si­mo inten­to di quel­lo forzista.

Ha intro­dot­to all’art. 59 c.p. la pre­vi­sio­ne per cui si con­si­de­ra legit­ti­ma dife­sa “la rea­zio­ne a un’aggressione com­mes­sa nel domi­ci­lio in tem­po di not­te ovve­ro la rea­zio­ne a segui­to dell’introduzione nei luo­ghi ivi indi­ca­ti­vo vio­len­za alle per­so­ne o alle cose ovve­ro con minac­cia o con inganno”.

Dopo pochi gior­ni dall’approvazione del testo alla Came­ra pare già super­fluo ogni ulte­rio­re com­men­to sul rife­ri­men­to al tem­po di not­te. Si trat­te­reb­be di spa­ra­re sul­la cro­ce ros­sa. Basti dire in que­sta sede che prin­ci­pio fon­da­men­ta­le del dirit­to pena­le è quel­lo del­la deter­mi­na­tez­za del pre­cet­to incri­mi­na­to­re, con il qua­le lo scen­de­re del­le tene­bre mal si con­ci­lia, essen­do appun­to momen­to neces­sa­ria­men­te indeterminato.

Quel­lo che inve­ce meri­ta di esse­re evi­den­zia­to è che, con la locu­zio­ne “fer­mo quan­to pre­vi­sto dal com­ma pri­mo” il legi­sla­to­re, temo sen­za ren­der­se­ne con­to, ste­ri­liz­za l’intervento. Ed infat­ti il richia­mo al com­ma pre­ce­den­te com­por­ta che, anche buio, la dife­sa non è sem­pre legit­ti­ma, ma solo quan­do rispet­ti i cano­ni sopra richia­ma­ti del­la pro­por­zio­na­li­tà, del­la con­cre­tez­za del peri­co­lo e dell’offesa ingiu­sta a un dirit­to.

Nes­su­na con­se­guen­za con­cre­ta, dun­que. Con la scon­for­tan­te con­sa­pe­vo­lez­za che i cit­ta­di­ni dovran­no rin­gra­zia­re l’inadeguatezza di un legi­sla­to­re che non è nep­pu­re in gra­do di per­se­gui­re gli obiet­ti­vi che si propone.

Ma non fini­sce qui: la came­ra ha anche vota­to una ulte­rio­re modi­fi­ca, intro­du­cen­do un nuo­vo ulti­mo com­ma all’art. 59 c.p., così for­mu­la­to: “Nei casi di cui all’art. 52, secon­do com­ma, la col­pa dell’agente è sem­pre esclu­sa quan­do l’errore è con­se­guen­za del gra­ve tur­ba­men­to psi­chi­co cau­sa­to dal­la per­so­na con­tro la qua­le è diret­ta la reazione”.

Anche in que­sto caso la scel­ta del legi­sla­to­re risul­ta incom­pren­si­bi­le. L’art. 59 rego­la “Le cir­co­stan­ze non cono­sciu­te o erro­nea­men­te sup­po­ste”. E dun­que, l’introduzione del­la modi­fi­ca nell’ambito dell’articolo 59 com­por­ta la sua appli­ca­bi­li­tà solo in rela­zio­ne ai casi in cui il peri­co­lo (che giu­sti­fi­che­reb­be la rea­zio­ne) non sia rea­le, ma solo erro­nea­men­te rite­nu­to tale (scri­mi­nan­te puta­ti­va). E’ mol­to dif­fi­ci­le, evi­den­te­men­te, che un peri­co­lo solo sup­po­sto e non con­cre­tiz­za­to­si pos­sa pro­vo­ca­re il gra­ve tur­ba­men­to psi­chi­co che giu­sti­fi­che­reb­be la rea­zio­ne. Al con­tra­rio, l’espresso rife­ri­men­to all’art. 59 impe­di­sce che la modi­fi­ca legi­sla­ti­va pos­sa appli­car­si ai casi in cui il peri­co­lo si veri­fi­chi real­men­te e, dun­que, impe­di­sce che pos­sa ope­ra­re in rela­zio­ne alle ipo­te­si di ecces­so col­po­so di legit­ti­ma dife­sa, che for­se avreb­be meglio rispo­sto ai desi­de­ra­ta del legislatore.

Ciò si dice al net­to del fat­to che pure per que­sto secon­do inter­ven­to risul­ta leso il prin­ci­pio di deter­mi­na­tez­za, con ovvie con­se­guen­ze in ordi­ne alla legit­ti­mi­tà costi­tu­zio­na­le del­la nor­ma. Sarà infat­ti par­ti­co­lar­men­te arduo sta­bi­li­re quan­do sia inter­ve­nu­to un tur­ba­men­to psi­chi­co e quan­do que­sto abbia i cano­ni del­la gra­vi­tà.

Infi­ne, il legi­sla­to­re ha dispo­sto che, nel caso in cui la legit­ti­ma dife­sa ven­ga rite­nu­ta sus­si­sten­te, le spe­se lega­li di chi sia sta­to incri­mi­na­to, saran­no a cari­co del­lo Sta­to. La dispo­si­zio­ne rap­pre­sen­ta un uni­cum, per­ché in nes­sun altro caso, se non in ragio­ne del­le con­di­zio­ni di red­di­to e, comun­que, a pre­scin­de­re dal­la natu­ra del rea­to con­te­sta­to, lo Sta­to accet­ta di accol­lar­si le spe­se. Le pre­vi­sio­ni di spe­sa per que­sto bislac­co inter­ven­to ben pote­va­no esse­re uti­liz­za­te affin­ché gli orga­ni pre­po­sti alla sicu­rez­za dei cit­ta­di­ni pos­sa­no garan­tir­la in con­di­zio­ni meno disa­gia­te rispet­to a quel­le in cui versano.

In con­clu­sio­ne, ancor pri­ma che com­men­ta­re la deri­va popu­li­sta del legi­sla­to­re, che si occu­pa del­la mate­ria pena­le nel costan­te ten­ta­ti­vo di blan­di­re le pul­sio­ni più retro­gra­de, finen­do chia­ra­men­te per ali­men­tar­le, con­vie­ne sot­to­li­near­ne la asso­lu­ta ina­de­gua­tez­za e l’incapacità nel maneg­gia­re il deli­ca­tis­si­mo stru­men­to pena­le e puni­ti­vo, con i risul­ta­ti sopra visti, che più che pre­oc­cu­pa­re per gli effet­ti sul siste­ma espon­go­no il Par­la­men­to al pub­bli­co ludibrio.

Ave­va ragio­ne Fla­ia­no: la situa­zio­ne poli­ti­ca in Ita­lia è gra­ve ma non è seria.

Andrea Gad­da­ri

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.