Legittima difesa: la situazione è grave ma non seria

Ancor prima che commentare la deriva populista del legislatore, conviene sottolinearne la assoluta inadeguatezza e l’incapacità nel maneggiare il delicatissimo strumento penale e punitivo, con i risultati che più che preoccupare per gli effetti sul sistema espongono il Parlamento al pubblico ludibrio

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494317733597{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

Se nel mal­con­cio siste­ma pena­le ita­lia­no c’è un isti­tu­to che non ave­va biso­gno di modi­fi­che, rispet­to alla sua for­mu­la­zio­ne ori­gi­na­ria, è quel­lo che rego­la la legit­ti­ma dife­sa.

Ed infat­ti, un legi­sla­to­re con­sa­pe­vo­le dei fon­da­men­ti del­la scien­za pena­le, sep­pu­re fasci­sta, ave­va disci­pli­na­to la mate­ria come si face­va un tem­po, con poche paro­le, un solo com­ma di un solo arti­co­lo: “Non è puni­bi­le chi ha com­mes­so il fat­to per esser­vi sta­to costret­to dal­la neces­si­tà di difen­de­re un dirit­to pro­prio o altrui dal peri­co­lo attua­le di una offe­sa ingiu­sta, sem­pre che la dife­sa sia pro­por­zio­na­ta all’offesa”.

Det­tan­do pochi e sem­pli­ci prin­ci­pi costi­tui­ti dal­lo sta­to di neces­si­tà, l’attualità di un peri­co­lo e la pro­por­zio­ne tra quest’ultimo e l’azione difen­si­va, il legi­sla­to­re ave­va dato al giu­di­ce tut­ti gli stru­men­ti per deci­de­re il caso con­cre­to.

L’ansia di pri­va­re il giu­di­ce di ogni discre­zio­na­li­tà ave­va spin­to il Par­la­men­to, con rela­to­re di For­za Ita­lia, per capi­re chi di soli­to si occu­pa di que­ste cose, ad appro­va­re nel 2006 la modi­fi­ca del­la nor­ma con l’introduzione, al com­ma secon­do, del­la con­tro­ver­sa “legit­ti­ma dife­sa domi­ci­lia­re”, con la qua­le ‑come oggi- si face­va lar­go il con­cet­to per cui la dife­sa è sem­pre legit­ti­ma den­tro alle mura di casa. La giu­ri­spru­den­za, degra­dan­do la dife­sa domi­ci­lia­re a sot­to­spe­cie del­la legit­ti­ma dife­sa rego­la­ta dal com­ma pri­mo, ha defi­ni­ti­va­men­te sta­bi­li­to che anche tra le mura di casa non vie­ne meno il requi­si­to del­la (neces­sa­ria, per evi­ta­re la puni­zio­ne) pro­por­zio­na­li­tà tra l’offesa e la dife­sa.

Oggi il legi­sla­to­re, che pure è di colo­re diver­so da quel­lo del 2006, ha deci­so di inter­ve­ni­re nuo­va­men­te, per­se­guen­do sostan­zial­men­te il mede­si­mo inten­to di quel­lo forzista.

Ha intro­dot­to all’art. 59 c.p. la pre­vi­sio­ne per cui si con­si­de­ra legit­ti­ma dife­sa “la rea­zio­ne a un’aggressione com­mes­sa nel domi­ci­lio in tem­po di not­te ovve­ro la rea­zio­ne a segui­to dell’introduzione nei luo­ghi ivi indi­ca­ti­vo vio­len­za alle per­so­ne o alle cose ovve­ro con minac­cia o con inganno”.

Dopo pochi gior­ni dall’approvazione del testo alla Came­ra pare già super­fluo ogni ulte­rio­re com­men­to sul rife­ri­men­to al tem­po di not­te. Si trat­te­reb­be di spa­ra­re sul­la cro­ce ros­sa. Basti dire in que­sta sede che prin­ci­pio fon­da­men­ta­le del dirit­to pena­le è quel­lo del­la deter­mi­na­tez­za del pre­cet­to incri­mi­na­to­re, con il qua­le lo scen­de­re del­le tene­bre mal si con­ci­lia, essen­do appun­to momen­to neces­sa­ria­men­te indeterminato.

Quel­lo che inve­ce meri­ta di esse­re evi­den­zia­to è che, con la locu­zio­ne “fer­mo quan­to pre­vi­sto dal com­ma pri­mo” il legi­sla­to­re, temo sen­za ren­der­se­ne con­to, ste­ri­liz­za l’intervento. Ed infat­ti il richia­mo al com­ma pre­ce­den­te com­por­ta che, anche buio, la dife­sa non è sem­pre legit­ti­ma, ma solo quan­do rispet­ti i cano­ni sopra richia­ma­ti del­la pro­por­zio­na­li­tà, del­la con­cre­tez­za del peri­co­lo e dell’offesa ingiu­sta a un dirit­to.

Nes­su­na con­se­guen­za con­cre­ta, dun­que. Con la scon­for­tan­te con­sa­pe­vo­lez­za che i cit­ta­di­ni dovran­no rin­gra­zia­re l’inadeguatezza di un legi­sla­to­re che non è nep­pu­re in gra­do di per­se­gui­re gli obiet­ti­vi che si propone.

Ma non fini­sce qui: la came­ra ha anche vota­to una ulte­rio­re modi­fi­ca, intro­du­cen­do un nuo­vo ulti­mo com­ma all’art. 59 c.p., così for­mu­la­to: “Nei casi di cui all’art. 52, secon­do com­ma, la col­pa dell’agente è sem­pre esclu­sa quan­do l’errore è con­se­guen­za del gra­ve tur­ba­men­to psi­chi­co cau­sa­to dal­la per­so­na con­tro la qua­le è diret­ta la reazione”.

Anche in que­sto caso la scel­ta del legi­sla­to­re risul­ta incom­pren­si­bi­le. L’art. 59 rego­la “Le cir­co­stan­ze non cono­sciu­te o erro­nea­men­te sup­po­ste”. E dun­que, l’introduzione del­la modi­fi­ca nell’ambito dell’articolo 59 com­por­ta la sua appli­ca­bi­li­tà solo in rela­zio­ne ai casi in cui il peri­co­lo (che giu­sti­fi­che­reb­be la rea­zio­ne) non sia rea­le, ma solo erro­nea­men­te rite­nu­to tale (scri­mi­nan­te puta­ti­va). E’ mol­to dif­fi­ci­le, evi­den­te­men­te, che un peri­co­lo solo sup­po­sto e non con­cre­tiz­za­to­si pos­sa pro­vo­ca­re il gra­ve tur­ba­men­to psi­chi­co che giu­sti­fi­che­reb­be la rea­zio­ne. Al con­tra­rio, l’espresso rife­ri­men­to all’art. 59 impe­di­sce che la modi­fi­ca legi­sla­ti­va pos­sa appli­car­si ai casi in cui il peri­co­lo si veri­fi­chi real­men­te e, dun­que, impe­di­sce che pos­sa ope­ra­re in rela­zio­ne alle ipo­te­si di ecces­so col­po­so di legit­ti­ma dife­sa, che for­se avreb­be meglio rispo­sto ai desi­de­ra­ta del legislatore.

Ciò si dice al net­to del fat­to che pure per que­sto secon­do inter­ven­to risul­ta leso il prin­ci­pio di deter­mi­na­tez­za, con ovvie con­se­guen­ze in ordi­ne alla legit­ti­mi­tà costi­tu­zio­na­le del­la nor­ma. Sarà infat­ti par­ti­co­lar­men­te arduo sta­bi­li­re quan­do sia inter­ve­nu­to un tur­ba­men­to psi­chi­co e quan­do que­sto abbia i cano­ni del­la gra­vi­tà.

Infi­ne, il legi­sla­to­re ha dispo­sto che, nel caso in cui la legit­ti­ma dife­sa ven­ga rite­nu­ta sus­si­sten­te, le spe­se lega­li di chi sia sta­to incri­mi­na­to, saran­no a cari­co del­lo Sta­to. La dispo­si­zio­ne rap­pre­sen­ta un uni­cum, per­ché in nes­sun altro caso, se non in ragio­ne del­le con­di­zio­ni di red­di­to e, comun­que, a pre­scin­de­re dal­la natu­ra del rea­to con­te­sta­to, lo Sta­to accet­ta di accol­lar­si le spe­se. Le pre­vi­sio­ni di spe­sa per que­sto bislac­co inter­ven­to ben pote­va­no esse­re uti­liz­za­te affin­ché gli orga­ni pre­po­sti alla sicu­rez­za dei cit­ta­di­ni pos­sa­no garan­tir­la in con­di­zio­ni meno disa­gia­te rispet­to a quel­le in cui versano.

In con­clu­sio­ne, ancor pri­ma che com­men­ta­re la deri­va popu­li­sta del legi­sla­to­re, che si occu­pa del­la mate­ria pena­le nel costan­te ten­ta­ti­vo di blan­di­re le pul­sio­ni più retro­gra­de, finen­do chia­ra­men­te per ali­men­tar­le, con­vie­ne sot­to­li­near­ne la asso­lu­ta ina­de­gua­tez­za e l’incapacità nel maneg­gia­re il deli­ca­tis­si­mo stru­men­to pena­le e puni­ti­vo, con i risul­ta­ti sopra visti, che più che pre­oc­cu­pa­re per gli effet­ti sul siste­ma espon­go­no il Par­la­men­to al pub­bli­co ludibrio.

Ave­va ragio­ne Fla­ia­no: la situa­zio­ne poli­ti­ca in Ita­lia è gra­ve ma non è seria.

Andrea Gad­da­ri

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.