Due anni dopo, sempre al passo del futuro

Uscire dal PD allora significava prendersi la responsabilità di coltivare uno sguardo lungo.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494079327265{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Io me lo ricor­do bene, il 6 mag­gio del 2015, quan­do Pip­po di mat­ti­na pre­sto è arri­va­to in reda­zio­ne per dir­mi che sareb­be usci­to dal PD. E per me non è un ricor­do solo poli­ti­co ma, in fon­do, era anche il cer­chio che si chiu­de­va dopo tut­ti que­gli anni che ave­va­mo pas­sa­to insie­me sfre­gan­do la nostra idea (che la poli­ti­ca sia ter­ri­bil­men­te impor­tan­te e bel­la) con­tro le cro­ste di un Par­ti­to Demo­cra­ti­co usu­ran­te per chi cer­ca­va un’ar­chi­tet­tu­ra di ugua­glian­za, soli­da­rie­tà e giu­sti­zia socia­le. Mi ricor­do bene anche la mate­ma­ti­ca cer­tez­za di scon­ta­re quel­la scel­ta con la chi­rur­gi­ca indif­fe­ren­za di chi smi­nui­sce tut­to ciò che non è vin­cen­te e vit­to­rio­so. Era­va­mo già un Pae­se ammae­stra­to a spar­ge­re la bava del padro­ne e anche oggi, due anni dopo, il ser­vi­li­smo è tre­men­da­men­te “pop”.

Usci­re dal PD allo­ra signi­fi­ca­va pren­der­si la respon­sa­bi­li­tà di sape­re che ciò che ser­ve per raci­mo­la­re un po’ di con­sen­so imme­dia­to dif­fi­cil­men­te è ciò che ser­ve al Pae­se e signi­fi­ca­va pren­der­si la respon­sa­bi­li­tà di col­ti­va­re uno sguar­do lun­go anche se tut­to intor­no gli altri sta­va­no pie­ga­ti sul con­sen­so fast food e sui pru­ri­ti più pelo­si. Due anni fa si intra­ve­de­va già che sareb­be fini­ta così: la rifor­ma Boschi, il Jobs Act, le lar­ghe inte­se e la svol­ta a destra sui temi di immi­gra­zio­ne e sicu­rez­za non sono le improv­vi­se svol­te di un momen­to ma l’ap­pro­do natu­ra­le del­l’in­vo­lu­zio­ne di un cen­tro­si­ni­stra che ha deci­so di cam­bia­re rife­ri­men­ti spe­ran­do di simu­la­re sem­pre gli stes­si connotati.

Abbia­mo pas­sa­to anni al limi­te del­la pota­bi­li­tà pro­van­do a cam­bia­re un pro­ces­so irre­di­mi­bi­le, ci han­no apo­stro­fa­to come “trop­po curio­si”, “gua­sta­fe­ste”, “rom­pi­pal­le” e “signor no” per arri­va­re ad oggi. Ora si accor­go­no di ave­re per­so voti, elet­to­ri e fidu­cia. Eppu­re que­sti due anni non sono solo i ten­ta­ti­vi di ero­sio­ne e esclu­sio­ne subi­ti e non sono nem­me­no la ste­ri­le sod­di­sfa­zio­ne di aver­ci visto giu­sto. Non lo sono per nien­te. Sono due anni di ela­bo­ra­zio­ne poli­ti­ca sui diver­si temi in cui si è pro­va­to a costrui­re un pen­sie­ro sen­za inse­gui­re le urgen­ze (spes­so solo per­ce­pi­te o costrui­te ad arte) e osti­na­ta­men­te non occu­par­si del­lo sto­ry­tel­ling ma dedi­can­do­si ai contenuti.

Come scri­ve Pip­po “biso­gna esse­re libe­ri per diven­tar­lo” e ci vuo­le corag­gio e costan­za. Per­ché non si rea­liz­za­no solo gli sfa­ce­li. Poi vie­ne il tem­po del­le pro­po­ste che si sco­pro­no al pas­so del futuro.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.