Le elezioni francesi: per la maggioranza occorre attendere (niente a che vedere con l’Italicum)

In Francia è stato eletto il Presidente della Repubblica a seguito del ballottaggio. Una parola che in Italia ha fatto tanto sospirare i nostalgici della legge che mai fu, l’Italicum.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494230738731{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]In Fran­cia è sta­to elet­to il Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca a segui­to del bal­lot­tag­gio. Una paro­la che in Ita­lia, dove tut­to è sem­pre uti­liz­za­to esclu­si­va­men­te con lo sguar­do cor­to del­le beghe di cor­ti­le, ha fat­to tan­to sospi­ra­re i nostal­gi­ci del­la leg­ge che mai fu, l’Italicum. Que­sti si affan­na­no da qual­che gior­no, e sicu­ra­men­te lo faran­no anche nei pros­si­mi, a dire che in Fran­cia Macron gover­ne­rà aven­do pre­so al pri­mo tur­no il 24%. Sen­za con­si­de­ra­re che que­ste sono ele­zio­ni pre­si­den­zia­li per eleg­ge­re una per­so­na a una cari­ca. È chia­ro che alla fine the win­ner takes it all. Ma “all” è la sua cari­ca, che – come facil­men­te com­pren­si­bi­le – non può esse­re sud­di­vi­sa tra più can­di­da­ti nell’ipotesi in cui nes­su­no di essi rag­giun­ga una deter­mi­na­ta per­cen­tua­le (insom­ma, sono pos­si­bi­li “gover­ni di coa­li­zio­ne” ma non “pre­si­den­ti di coalizione”).

Il Pre­si­den­te elet­to, inve­ce, non ha auto­ma­ti­ca­men­te alcu­na mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re. Que­sta dipen­de­rà dal­le pros­si­me ele­zio­ni legi­sla­ti­ve, che si svol­ge­ran­no tra alcu­ne set­ti­ma­ne e dove non vi sarà nes­sun pre­mio di mag­gio­ran­za, che esi­ste solo in Ita­lia, e dove nes­su­no pren­de­rà anche per un solo voto di mag­gio­ran­za una valan­ga di seg­gi alla Came­ra come pre­ten­de­va di fare l’Italicum con il bal­lot­tag­gio ivi pre­vi­sto e dichia­ra­to inco­sti­tu­zio­na­le. Al con­tra­rio, vi saran­no can­di­da­ti che si con­fron­ta­no col­le­gio per col­le­gio, con un siste­ma mag­gio­ri­ta­rio, che asse­gne­rà la vit­to­ria, in cia­scun col­le­gio, a chi otter­rà la mag­gio­ran­za asso­lu­ta dei voti espres­si (pur­ché pari ad alme­no un quar­to degli aven­ti dirit­to) o, al secon­do tur­no (al qua­le sono ammes­si tut­ti colo­ro che supe­ra­no il 12,5% degli aven­ti dirit­to), a chi avrà otte­nu­to più voti degli altri. La stra­gran­de mag­gio­ran­za dei seg­gi sono nor­mal­men­te asse­gna­ti al ballottaggio.

Ora, a dif­fe­ren­za di quan­to avvie­ne nel­le for­me di gover­no pre­si­den­zia­li (come gli Sta­ti Uni­ti d’America), il Gover­no, che il Pre­si­den­te comun­que pre­sie­de, è lega­to anche all’Assemblea nazio­na­le, ed è neces­sa­rio quin­di for­mar­ne uno che goda in tale sede del­la mag­gio­ran­za. Que­sto si com­pren­de­rà sol­tan­to a segui­to del­le ele­zio­ni legi­sla­ti­ve i cui risul­ta­ti dipen­de­ran­no dal voto dei fran­ce­si nei sin­go­li col­le­gi e che potreb­be­ro “costrin­ge­re” il Pre­si­den­te sia a un gover­no di coa­li­zio­ne sia a un gover­no di un par­ti­to diver­so dal suo, come già acca­du­to a Mit­te­rand e Chirac.

Come evi­den­te, nul­la a che vede­re con l’Italicum, in cui con un solo voto di scar­to veni­va con­se­gna­ta la mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re a un par­ti­to anche dal mode­sto con­sen­so. E che infat­ti è sta­to dichia­ra­to incostituzionale.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.