Le elezioni francesi: per la maggioranza occorre attendere (niente a che vedere con l’Italicum)

In Francia è stato eletto il Presidente della Repubblica a seguito del ballottaggio. Una parola che in Italia ha fatto tanto sospirare i nostalgici della legge che mai fu, l’Italicum.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494230738731{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]In Fran­cia è sta­to elet­to il Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca a segui­to del bal­lot­tag­gio. Una paro­la che in Ita­lia, dove tut­to è sem­pre uti­liz­za­to esclu­si­va­men­te con lo sguar­do cor­to del­le beghe di cor­ti­le, ha fat­to tan­to sospi­ra­re i nostal­gi­ci del­la leg­ge che mai fu, l’Italicum. Que­sti si affan­na­no da qual­che gior­no, e sicu­ra­men­te lo faran­no anche nei pros­si­mi, a dire che in Fran­cia Macron gover­ne­rà aven­do pre­so al pri­mo tur­no il 24%. Sen­za con­si­de­ra­re che que­ste sono ele­zio­ni pre­si­den­zia­li per eleg­ge­re una per­so­na a una cari­ca. È chia­ro che alla fine the win­ner takes it all. Ma “all” è la sua cari­ca, che – come facil­men­te com­pren­si­bi­le – non può esse­re sud­di­vi­sa tra più can­di­da­ti nell’ipotesi in cui nes­su­no di essi rag­giun­ga una deter­mi­na­ta per­cen­tua­le (insom­ma, sono pos­si­bi­li “gover­ni di coa­li­zio­ne” ma non “pre­si­den­ti di coalizione”).

Il Pre­si­den­te elet­to, inve­ce, non ha auto­ma­ti­ca­men­te alcu­na mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re. Que­sta dipen­de­rà dal­le pros­si­me ele­zio­ni legi­sla­ti­ve, che si svol­ge­ran­no tra alcu­ne set­ti­ma­ne e dove non vi sarà nes­sun pre­mio di mag­gio­ran­za, che esi­ste solo in Ita­lia, e dove nes­su­no pren­de­rà anche per un solo voto di mag­gio­ran­za una valan­ga di seg­gi alla Came­ra come pre­ten­de­va di fare l’Italicum con il bal­lot­tag­gio ivi pre­vi­sto e dichia­ra­to inco­sti­tu­zio­na­le. Al con­tra­rio, vi saran­no can­di­da­ti che si con­fron­ta­no col­le­gio per col­le­gio, con un siste­ma mag­gio­ri­ta­rio, che asse­gne­rà la vit­to­ria, in cia­scun col­le­gio, a chi otter­rà la mag­gio­ran­za asso­lu­ta dei voti espres­si (pur­ché pari ad alme­no un quar­to degli aven­ti dirit­to) o, al secon­do tur­no (al qua­le sono ammes­si tut­ti colo­ro che supe­ra­no il 12,5% degli aven­ti dirit­to), a chi avrà otte­nu­to più voti degli altri. La stra­gran­de mag­gio­ran­za dei seg­gi sono nor­mal­men­te asse­gna­ti al ballottaggio.

Ora, a dif­fe­ren­za di quan­to avvie­ne nel­le for­me di gover­no pre­si­den­zia­li (come gli Sta­ti Uni­ti d’America), il Gover­no, che il Pre­si­den­te comun­que pre­sie­de, è lega­to anche all’Assemblea nazio­na­le, ed è neces­sa­rio quin­di for­mar­ne uno che goda in tale sede del­la mag­gio­ran­za. Que­sto si com­pren­de­rà sol­tan­to a segui­to del­le ele­zio­ni legi­sla­ti­ve i cui risul­ta­ti dipen­de­ran­no dal voto dei fran­ce­si nei sin­go­li col­le­gi e che potreb­be­ro “costrin­ge­re” il Pre­si­den­te sia a un gover­no di coa­li­zio­ne sia a un gover­no di un par­ti­to diver­so dal suo, come già acca­du­to a Mit­te­rand e Chirac.

Come evi­den­te, nul­la a che vede­re con l’Italicum, in cui con un solo voto di scar­to veni­va con­se­gna­ta la mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re a un par­ti­to anche dal mode­sto con­sen­so. E che infat­ti è sta­to dichia­ra­to incostituzionale.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Il governo è allergico al dissenso. Ma manifestare è un diritto

In que­sto caso la leg­ge non è “ad per­so­nam” ma let­te­ral­men­te “ad pro­te­stam”: ina­spri­men­to del­le pene per chi vie­ne accu­sa­to di resi­sten­za a un pub­bli­co uffi­cia­le se sta cer­can­do di impe­di­re la rea­liz­za­zio­ne di un’opera pub­bli­ca o di un’infrastruttura strategica.

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si