Se persino i vaccini diventano un tema da #specchioriflesso

“Se nien­te impor­ta, non c’è nien­te da sal­va­re” dice­va la non­na di Jona­than Safran Foer, ispi­ran­do il tito­lo di un suo cele­bre libro. E a vede­re la fine che ha fat­to il dibat­ti­to sui vac­ci­ni nel nostro Pae­se, vie­ne da pen­sa­re che dav­ve­ro nien­te impor­ta, ormai, se non ciò che ti fa vin­ce­re la gara dei ret­weet, o ti fa fini­re in tren­ding topic, o in un posto più al sole nei pasto­ni o nel­le agen­zie.

Capi­ta di leg­ge­re, non più tar­di di ieri, un tweet del­la depu­ta­ta M5S Car­la Ruoc­co che can­zo­na bel­la­men­te un par­la­men­ta­re PD col­pe­vo­le di aver riti­ra­to una pro­po­sta di leg­ge vol­ta a isti­tui­re una gior­na­ta di com­me­mo­ra­zio­ne del­le vit­ti­me dei vac­ci­ni. Una cosa evi­den­te­men­te di scar­sis­si­mo con­to, sal­vo per gli aman­ti del grot­te­sco, ma che ben rap­pre­sen­ta lo sta­to del dibat­ti­to pub­bli­co di que­sto Paese.

Un’esponente di uno dei par­ti­ti che più di ogni altro ha fat­to del­la disin­for­ma­zio­ne e del com­plot­ti­smo sul tema dei vac­ci­ni la sua ban­die­ra poli­ti­ca, e che ora è tut­to pre­so in un’improbabile whi­tewa­shing su que­sto tema, accu­sa di ambi­gui­tà sul tema il par­ti­to che più di ogni altro ha scel­to di bran­di­re que­sta col­pe­vo­le posi­zio­ne come una cla­va e segna­re un pun­to in più a pro­prio favore.

Ed entram­bi han­no tor­to, per­ché (pro­prio come gli ultras cui asso­mi­glia­no) a nes­su­na del­le due cur­ve inte­res­sa un bel nul­la del­la par­ti­ta.

In tut­ta que­sta legi­sla­tu­ra non si ricor­da un solo prov­ve­di­men­to, una sola pro­po­sta, un solo affla­to a favo­re di una miglio­re salu­te dei nostri cit­ta­di­ni, o di una miglio­re infor­ma­zio­ne ed edu­ca­zio­ne sani­ta­ria (per resta­re su que­sto tema, ma potrem­mo affron­tar­ne mil­le altri).

Per­ché non è quel­lo il pun­to. Il pun­to è poter dire “visto cosa fan­no quel­li?”, o poter copri­re le pro­prie ver­go­gne con un bel “eh, ma gli altri allo­ra?”.

For­se è il momen­to di stu­dia­re un vac­ci­no con­tro il dibat­ti­to sui vac­ci­ni, anzi con­tro il dibat­ti­to poli­ti­co-media­ti­co tout court. Anche se è pro­ba­bi­le che gran par­te del­la nostra popo­la­zio­ne abbia già svi­lup­pa­to una immu­ni­tà com­ple­ta ver­so il dibat­ti­to poli­ti­co con­tem­po­ra­neo. Dal­le con­se­guen­ze di una poli­ti­ca para­liz­za­ta sul con­ti­nuo bat­ti­bec­co da cor­ti­le dei due mag­gio­ri par­ti­ti ita­lia­ni, però, nes­su­no è immune.

E anche in que­sto caso, per­ciò, l’arma più effi­ca­ce è la pre­ven­zio­ne: vedia­mo di dar­ci un par­la­men­to meno tos­si­co, la pros­si­ma volta.

Per­ché se nien­te impor­ta, non c’è nien­te da sal­va­re, non aspet­tia­mo­ci quin­di che lo fac­cia­no loro.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.