Export di armi verso l’Egitto: il governo riferisca sulle autorizzazioni

Rilanciamo nuovamente la richiesta di Rete disarmo che il governo riferisca sulle autorizzazioni e che sospenda le trattative in corso fino a che non sarà raggiunta la piena collaborazione per ottenere verità per Giulio Regeni. È inaccettabile, di fronte a questioni tanto gravi e alla minaccia alla stessa sopravvivenza di Patrick e di tanti e tante come lui, che la sospensione del Consiglio dei Ministri si risolva con un nulla di fatto o con poche righe di esercizio retorico a margine del via libera alla “commessa del secolo”.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]I dati anti­ci­pa­ti a metà mag­gio da Rete disar­mo sul­la ven­di­ta del­le armi ita­lia­ne ci dico­no che l’Egitto è il pri­mo clien­te dell’industria bel­li­ca ita­lia­na, con licen­ze per 871,7 milio­ni di euro nel 2019. Ora Repub­bli­ca ci dà dei det­ta­gli in più sul­la “com­mes­sa del seco­lo” (sei navi, una ven­ti­na di pat­tu­glia­to­ri nava­li, 48 aerei), che Giu­sep­pe Con­te ha por­ta­to all’attenzione del Con­si­glio dei Mini­stri gio­ve­dì scor­so.  La deci­sio­ne al momen­to è sospe­sa per­ché è sta­ta sol­le­va­ta la que­stio­ne dell’assassinio di Giu­lio Rege­ni. E, aggiun­gia­mo, del­la deten­zio­ne di Geor­ge Patrick Zaki, trat­te­nu­to ingiu­sta­men­te da 118 gior­ni nel­la pri­gio­ne di Tora, in cui sono pre­sen­ti casi accer­ta­ti di Covid19. Non solo Patrick stu­dia e vive in Ita­lia, e deve poter tor­na­re al suo master e alla sua vita a Bolo­gna, ma il suo caso ci ricor­da la disa­stro­sa situa­zio­ne dei dirit­ti uma­ni in Egit­to. Il report di Amne­sty Inter­na­tio­nal, pub­bli­ca­to nel giu­gno del 2019, descri­ve come nel nome del­la lot­ta al ter­ro­ri­smo sia­no minac­cia­te la liber­tà di espres­sio­ne, asso­cia­zio­ne e riu­nio­ne e sia­no inve­ce per­pe­tua­te tor­tu­re, abu­si, pro­ces­si ingiu­sti, pena di mor­te, discri­mi­na­zio­ne di gene­re, impu­ni­tà per le vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni Sem­pre Amne­sty ha pub­bli­ca­to un det­ta­glia­to rap­por­to sul modo in cui la Pro­cu­ra spe­cia­le per la sicu­rez­za del­lo Sta­to sia uno stru­men­to di repres­sio­ne del dis­sen­so e con­sen­ta l’arresto e la deten­zio­ne del­le per­so­ne sul­la base del­le loro opi­nio­ni o del loro atti­vi­smo per i dirit­ti uma­ni. L’abuso del­le nor­me anti ter­ro­ri­smo da par­te del­la Pro­cu­ra ha un ruo­lo nel­le spa­ri­zio­ni for­za­te, nel­la pri­va­zio­ne arbi­tra­ria del­la liber­tà, nei mal­trat­ta­men­ti e nel­le tor­tu­re. È anche per que­sto che ricor­dia­mo Patrick Zaki ogni gior­no. Non solo per­ché è impor­tan­te la sua sto­ria, ma per­ché sono impor­tan­ti quel­le di Alaa Abdel Fatah, Sha­dy Zalat, Basma Musta­fa, Mawa­da Ela­dhm, Lina Atta­lah, Hai­sam Hasan Mah­goub, alcu­ni dei gior­na­li­sti e atti­vi­sti arre­sta­ti o inti­mi­di­ti in Egit­to per­ché sgra­di­ti al regi­me. Le loro sto­rie ci riguar­da­no, ci impor­ta­no e — come ha scrit­to ieri Giu­sep­pe Civa­ti — con­fi­dia­mo che impor­ti­no alle nostre isti­tu­zio­ni alme­no quan­to gli inte­res­si com­mer­cia­li che ci lega­no all’Egitto. Le fon­ti di Repub­bli­ca dico­no che “l’Italia vuo­le man­te­ne­re un rap­por­to soli­do con l’Egitto” e che il Mini­ste­ro degli Este­ri ha accet­ta­to con favo­re il rin­vio del­la deci­sio­ne per­ché la deci­sio­ne deve esse­re con­vin­ta e di tut­to il Gover­no.  Rilan­cia­mo nuo­va­men­te la richie­sta di Rete disar­mo che il gover­no rife­ri­sca sul­le auto­riz­za­zio­ni e che sospen­da le trat­ta­ti­ve in cor­so fino a che non sarà rag­giun­ta la pie­na col­la­bo­ra­zio­ne per otte­ne­re veri­tà per Giu­lio Rege­ni. È inac­cet­ta­bi­le, di fron­te a que­stio­ni tan­to gra­vi e alla minac­cia alla stes­sa soprav­vi­ven­za di Patrick e di tan­ti e tan­te come lui, che la sospen­sio­ne del Con­si­glio dei Mini­stri si risol­va con un nul­la di fat­to o con poche righe di eser­ci­zio reto­ri­co a mar­gi­ne del via libe­ra alla “com­mes­sa del seco­lo”. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.