Immuni all’uguaglianza di genere

Gior­no 2 Giu­gno 2020, Festa del­la Repub­bli­ca. Dopo mesi pas­sa­ti in tota­le iso­la­men­to, tra­sfor­ma­ta in una flip­per-sfe­ra che ha rim­bal­za­to su tut­ti i muri del mio appar­ta­men­to dal 24 Feb­bra­io, cele­bro quel pez­zet­to di liber­tà ritro­va­ta con una gior­na­ta al mare. Ste­sa sul­la sab­bia cal­da, che ora mi sem­bra qua­si una bene­di­zio­ne, con la pigri­zia legit­ti­ma di un gior­no di festa, leg­go le noti­zie del gior­no e vedo che l’AN­SA ha twit­ta­to la pre­sen­ta­zio­ne del­l’APP Immu­ni.  Con­fes­so che non fac­cio subi­to caso alle ico­ne, ma pochi minu­ti dopo aver ripo­sto il tele­fo­no nel­lo zai­no mi dico: “ho visto bene?”. Il pic­co­lo scher­mo illu­mi­na­to, man­co pren­des­se vita, mi dice di si.  Dopo 74 anni la Repub­bli­ca mi ripro­po­ne la stes­sa visio­ne del­le don­ne di tre gene­ra­zio­ni fa: madri amo­re­vo­li, appa­ren­te­men­te feli­ci, scon­nes­se dal pre­sen­te, eter­ne Pene­lo­pe. L’uo­mo inve­ce vie­ne rap­pre­sen­ta­to davan­ti a un PC. La pri­ma cosa che pen­so è che stia lavo­ran­do, poi mi chie­do se non si stia guar­dan­do un por­no onli­ne, è pur sem­pre un gior­no festi­vo. Vor­rei sen­tir­mi furi­bon­da e pron­ta a tut­to, inve­ce sono stre­ma­ta, sfi­ni­ta, pro­sciu­ga­ta.  Mi chia­mo Lara, una lau­rea, un master, par­lo 3 lin­gue. Con­tri­bui­sco a rim­pin­gua­re i poz­zi per­den­ti che sono le cas­se del nostro pae­se da quan­do ho 20 anni, metà del­la mia attua­le esi­sten­za, e in tut­to que­sto tem­po lo Sta­to in cui sono nata ha con­ti­nua­to a vede­re milio­ni di Lara come uno di quei bei cusci­ni che ral­le­gra­no un diva­no trop­po scu­ro: ser­vi solo per dor­mir­ci sopra da sbron­zo.  Sono stan­ca, e mi sen­to schiac­cia­ta anche dal­le mie stes­se scel­te. Mi sen­to abban­do­na­ta e svi­li­ta dal­la mia Repub­bli­ca che con­ti­nua a chia­mar­mi Signo­ri­na, come se non aves­si paga­to le stes­se tas­se uni­ver­si­ta­rie dei col­le­ghi maschi per lau­rear­mi, e per que­sto non fos­si degna del tito­lo. La repub­bli­ca in cui il Comi­ta­to Tec­ni­co Scien­ti­fi­co del­la Pro­te­zio­ne Civi­le e la Task For­ce anti Covid del Gover­no era­no ini­zial­men­te com­po­sti da sole per­so­ne di ses­so maschi­le. La Repub­bli­ca in cui dei 21 Mini­stri del­l’at­tua­le Gover­no solo 7 sono don­ne, nono­stan­te al 31 dicem­bre 2017 le don­ne resi­den­te in Ita­lia fos­se­ro, 31.056.366, a fron­te di 29.427.607 uomi­ni.  I libri di testo del­le scuo­le ele­men­ta­ri ripor­ta­no anco­ra fra­si come “men­tre la mam­ma sti­ra, il papà lavo­ra”.  Le tre ricer­ca­tri­ci che han­no iso­la­to il coro­na­vi­rus allo Spal­lan­za­ni sono sta­te chia­ma­te “signo­re” o “ragaz­ze”.  Dal pal­co di San­re­mo ci han­no ricor­da­to che ci salia­mo solo per­ché sia­mo bel­le tope.  Il mio sti­pen­dio è infe­rio­re a quel­lo dei col­le­ghi maschi nono­stan­te gli egua­li tito­li e cor­si di for­ma­zio­ne e la posi­zio­ne di Brand Mana­ger mi è sta­ta rifiu­ta­ta per­ché “sei una don­na, pri­ma o poi vor­rai dei figli, sare­sti un costo”.  Mi vesto di scu­ro per esse­re pre­sa sul serio. Evi­to di met­ter­mi il ros­set­to, per­ché la mia boc­ca car­no­sa potreb­be esse­re un invi­to a stru­sciar­si sul mio sede­re, sul­l’au­to­bus. Intan­to dei ragaz­zi sten­do­no un asciu­ga­ma­no sopra un buco che han­no sca­va­to. Il loro ami­co ci cadrà den­tro quan­do tor­ne­rà dal­le doc­ce. È quel­lo che suc­ce­de al pro­ces­so di ugua­glian­za e pro­gres­so nel mio pae­se: ogni vol­ta che noi don­ne sia­mo costret­te ad urla­re la nostra esa­spe­ra­zio­ne per­ché voglia­mo par­te­ci­pa­re, voglia­mo met­te­re sul piat­to le nostre idee, dare il nostro con­tri­bu­to e smet­ter­la di esse­re esse­re con­si­de­ra­te alla stre­gua di un acces­so­rio, un cane da com­pa­gnia, il Gover­no ci met­te una top­pa. Non si pen­sa mai a riem­pi­re quel buco e non rie­sco a far­me­ne una ragio­ne. Resta solo il fat­to che pre­sto ci cadre­mo den­tro di nuo­vo.    Lara Caval­li Mon­tei­ro  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.