Giulio Regeni, Patrick Zaki: verità e libertà contano più della ragion di Stato

La storia dei nostri governi con l'Egitto ha conosciuto momenti molto poco edificanti in questo lasso di tempo, da Alfano che dichiara che Al Sisi è un "alleato ineludibile", a Renzi che gli fa eco ("great leader"), al ritorno dell'ambasciatore italiano in Egitto.

Da 100 giorni Patrick Zaki è detenuto in Egitto, da più di quattro anni aspettiamo che emerga la verità per Giulio Regeni.

La storia dei nostri governi con l’Egitto ha conosciuto momenti molto poco edificanti in questo lasso di tempo, da Alfano che dichiara che Al Sisi è un “alleato ineludibile”, a Renzi che gli fa eco (“great leader”), al ritorno dell’ambasciatore italiano in Egitto. E ora si aggiungono ancora una volta i dati anticipati da Rete disarmo sulla vendita delle armi italiane: l’Egitto è il primo cliente dell’industria bellica italiana, con licenze per 871,7 milioni di euro nel 2019. Nel conto manca un miliardo di euro per cui l’accordo con Fincantieri non è ancora concluso. Chiediamo, insieme a Rete disarmo, che il governo riferisca su tali autorizzazioni e che sospenda le trattative in corso fino a che non sarà raggiunta la piena collaborazione per ottenere verità per Giulio Regeni.

Quando si parla di Patrick Zaki, studente a Bologna arrestato mentre andava a visitare la famiglia e da allora detenuto tra continui rinvii delle udienze che dovrebbero trattare il suo caso, c’è sempre qualcuno che chiede cosa possa fare il governo italiano riguardo a quello che succede nelle carceri egiziane.
Come per Giulio Regeni, potrebbe far prevalere la richiesta di verità e libertà sulla ragion di Stato. Potrebbe usare la diplomazia internazionale non per tenersi buono un alleato come al Sisi, per interesse, ma per chiedere rispetto dei diritti umani, delle vite e della sicurezza dei tanti Giulio e Giulie d’Egitto.

Potrebbe attuare una strategia che permetta al paese di liberarsi di legami che impediscono da anni di fare gli unici interessi che dovrebbero contare, in questa storia: quelli di Giulio e dei suoi genitori. E di chi invece possiamo ancora salvare, invece di limitarci a ricordare.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait