Di Maio senza idee sulla crisi di Bekaert

Neanche in questo caso ci si è posti il problema di come gestire il licenziamento dei lavoratori, quali strumenti di supporto dare loro a disposizione. Sono stati così rapidi a chiedere spiegazioni in Europa, il ministro e il suo staff, quanto sono stati inefficaci e privi di idee al tavolo delle trattative.
di-maio-fisco

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Lo steel­cord è un filo di accia­io usa­to per costi­tui­re la fit­ta tra­ma metal­li­ca che avvol­ge la  car­cas­sa degli pneu­ma­ti­ci. Pirel­li ha pro­dot­to steel­cord sino al 2014. Il suo sta­bi­li­men­to di pun­ta era situa­to a Figli­ne, comu­ne del­la cit­tà metro­po­li­ta­na di Firen­ze. A mag­gio del 2013, l’annuncio: Pirel­li non ritie­ne più par­te del suo ‘core busi­ness’ la pro­du­zio­ne di que­sto mate­ria­le. L’avvio del tavo­lo del­le trat­ta­ti­ve al MISE ha deter­mi­na­to uno stal­lo dura­to sino alla ven­di­ta di tut­to il com­par­to steel­cord di Pirel­li alla mul­ti­na­zio­na­le Bekaert. La riu­nio­ne al MISE in cui vie­ne comu­ni­ca­to l’avvio del nego­zia­to esclu­si­vo con la mul­ti­na­zio­na­le bel­ga, lea­der mon­dia­le del set­to­re, è del gen­na­io 2014. Bekaert suben­tra a Pirel­li il mese suc­ces­si­vo. Nel cor­so del 2014 Bekaert rile­va anche gli sta­bi­li­men­ti Pirel­li a Izmit (Tur­chia), a Sla­ti­na (Roma­nia), a Suma­re’ (Bra­si­le), a Yan­z­hou (Cina). Pirel­li è usci­ta da que­sta atti­vi­tà per­ché a suo avvi­so non pre­sen­ta ade­gua­te dimen­sio­ni com­pe­ti­ti­ve e suf­fi­cien­te mar­gi­na­li­tà.

Al mini­ste­ro si svol­go­no altre riu­nio­ni perio­di­che con la nuo­va pro­prie­tà, alme­no due: il 1 dicem­bre 2016, il 13 Luglio 2017. In entram­be, la socie­tà bel­ga ha deli­nea­to, alla pre­sen­za dei fun­zio­na­ri del mini­ste­ro, i pia­ni indu­stria­li dedi­ca­ti allo sta­bi­li­men­to di Figli­ne. Sono ben tre i pro­get­ti asse­gna­ti al Dipar­ti­men­to R&D di Figli­ne, rite­nu­to all’altezza del­le sfi­de di carat­te­re glo­ba­le: accan­to a que­sti nuo­vi pro­get­ti, «il team R&D di Figli­ne rima­ne il cen­tro di svi­lup­po di tut­ti i pro­dot­ti lega­ti alla Pirel­li e con­ti­nue­rà a for­ni­re il sup­por­to tec­ni­co agli impian­ti del­la ex Pirel­li», annun­cia­no i ver­ti­ci di Bekaert.

Nel 2017 ven­go­no rive­la­ti al tavo­lo del MISE le enti­tà degli inve­sti­men­ti per l’anno suc­ces­si­vo: 2 milio­ni di euro in ricer­ca e svi­lup­po, 950mila euro di inve­sti­men­ti per lo sta­bi­li­men­to di Figli­ne. Pirel­li con­ti­nua ad esse­re clien­te di Bekaert: la con­fer­ma degli accor­di com­mer­cia­li «gra­zie alla recen­te sot­to­scri­zio­ne di un nuo­vo accor­do, che va ben oltre il 2017 (cin­que anni)», è ripor­ta­to sul ver­ba­le di incon­tro pres­so il MISE, 13 Luglio 2017). I livel­li occu­pa­zio­na­li sono con­fer­ma­ti, i sin­da­ca­ti sono tran­quil­li. Tut­to sem­bra pro­ce­de­re nel sen­so del­la sta­bi­liz­za­zio­ne dell’azienda nel sito di Figli­ne. I volu­mi di steel­cord atte­si per il 2018 sono pari a 11.500 tonnellate.

In que­sta fase sono tut­ti pre­sen­ti al tavo­lo del­le trat­ta­ti­ve: i rap­pre­sen­tan­ti del­le orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li, il sin­da­co di Figli­ne, la Regio­ne Tosca­na, il Mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co. Tut­ti, tran­ne Di Maio, ovviamente.

Il 20 Luglio 2017, set­te gior­ni dopo l’incontro al MISE, sul sito del­la mul­ti­na­zio­na­le com­pa­re un comu­ni­ca­to in cui si ammet­to­no le dif­fi­col­tà del grup­po: «Men­tre la doman­da di volu­mi nei mer­ca­ti auto­mo­ti­ve e del­lo steel­cord rima­ne for­te, l’effet­to nega­ti­vo sul­la mar­gi­na­li­tà di una serie di fat­to­ri che han­no pesa­to sul­la nostra red­di­ti­vi­tà a par­ti­re dal­la secon­da metà del 2017, sem­bra esse­re più inci­si­vo e più dura­tu­ro di quan­to pre­vi­sto» (sito di Bekaert). A pesa­re mag­gior­men­te, la vola­ti­li­tà dei prez­zi del­le bobi­ne dei cavi in accia­io e l’incertezza sul­le poli­ti­che com­mer­cia­li (l’effetto Trump?). Solo un mese pri­ma, Bekaert ave­va cedu­to par­te del­la pro­prie­tà del­lo sta­bi­li­men­to bra­si­lia­no di Suma­ré a Arce­lo­mit­tal, colos­so indu­stria­le mon­dia­le ope­ran­te nel set­to­re del­l’ac­cia­io. La ten­den­za era già nega­ti­va a metà 2017, ma al MISE nes­su­no sape­va, nes­su­no ha domandato.

Un anno dopo la cri­si è con­cla­ma­ta: la com­bi­na­zio­ne di una serie di fat­to­ri ha fat­to scen­de­re l’E­BIT (Ear­nings Befo­re Inte­rests and Taxes) del 37%, a 111 milio­ni di euro. La deci­sio­ne di chiu­de­re Figli­ne vie­ne annun­cia­ta alla stam­pa il 22 giu­gno 2018: «A cau­sa di una strut­tu­ra dei costi signi­fi­ca­ti­va­men­te più ele­va­ta rispet­to ad altri impian­ti di rin­for­zo del­la gom­ma Bekaert nel­l’a­rea EMEA, l’im­pian­to non è sta­to in gra­do di gene­ra­re una per­for­man­ce finan­zia­ria­men­te soste­ni­bi­le» (sito di Bekaert).

Tre­cen­to­di­ciot­to lavo­ra­to­ri ver­so il licen­zia­men­to. Il know how del dipar­ti­men­to R&D disper­so. La Dire­zio­ne di Bekaert diser­ta il pri­mo incon­tro davan­ti al mini­stro Di Maio. Uno schiaf­fo­ne. Al comu­ni­ca­to del MISE, duris­si­mo, segue una nuo­va con­vo­ca­zio­ne. Di Maio davan­ti alle tele­ca­me­re e ai tac­cui­ni dei gior­na­li­sti pare mol­to sec­ca­to e gri­da: la scel­ta di Bekaert «è un insul­to allo Sta­to […] Mai visto un’a­zien­da così arro­gan­te, tro­ve­re­mo stru­men­ti di moral suasion». 

Ma nel­la riu­nio­ne del 30 luglio, alla pre­sen­za del Vice Capo di Gabi­net­to, Gior­gio Sorial, l’ex par­la­men­ta­re 5 Stel­le mem­bro nel­lo staff di Di Maio, Bekaert insi­ste con l’avvio del pia­no di licen­zia­men­ti a fron­te di debo­li impe­gni da par­te dell’azienda mede­si­ma (pro­se­cu­zio­ne del­le atti­vi­tà sino al 31 dicem­bre 2018 e pro­mo­zio­ne di pro­get­ti di rein­du­stria­liz­za­zio­ne per il sito di Figli­ne pre­sen­ta­ti da ter­ze par­ti che non sia­no con­cor­ren­ti di Bekaert). Dinan­zi alla rispo­sta con­tra­ria del­le orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li, che inve­ce chie­do­no la sospen­sio­ne dei licen­zia­men­ti, le rap­pre­sen­tan­ze isti­tu­zio­na­li non han­no da offri­re alcu­na con­tro­pro­po­sta all’azienda. Dove sono gli stru­men­ti di ‘moral sua­sion’ anti­ci­pa­ti dal mini­stro? Dov’è fini­ta quel­la durez­za osten­ta­ta a parole?

Il tavo­lo fra le par­ti pro­se­gue lon­ta­no dal MISE, pres­so le sedi del­le isti­tu­zio­ni loca­li. Il 3 ago­sto i rap­pre­sen­tan­ti CISL annun­cia­no la sospen­sio­ne di licen­zia­men­ti sino al 3 set­tem­bre (lune­dì). I sin­da­ca­ti chie­do­no l’apertura (sacro­san­ta) del­la cas­sa inte­gra­zio­ne straor­di­na­ria, ma dal gover­no non una paro­la su que­sto. Nel frat­tem­po, i lavo­ra­to­ri han­no occu­pa­to l’azienda e impe­di­to il tra­sfe­ri­men­to dei mac­chi­na­ri in Roma­nia. «Fer­mia­mo que­ste impre­se», ave­va det­to il mini­stro Di Maio, «c’è tan­ta sof­fe­ren­za in tut­ta Italia».

Nell’audizione alla Came­ra del 18 luglio, il mini­stro ha spie­ga­to all’aula di aver già pre­sen­ta­to «un’in­ter­ro­ga­zio­ne alla Com­mis­sio­ne Euro­pea affin­ché ven­ga fat­ta chia­rez­za su even­tua­li vio­la­zio­ni del­le diret­ti­ve UE da par­te del­la Bekaert per capi­re qua­li sia­no le azio­ni con­cre­te che la Com­mis­sio­ne inten­de por­ta­re avan­ti per risol­ve­re il pro­ble­ma del­le delo­ca­liz­za­zio­ni sel­vag­ge e dei para­di­si fisca­li pre­sen­ti tut­t’og­gi in Euro­pa […] Con il Decre­to Digni­tà por­re­mo un gran­de fre­no ai com­por­ta­men­ti alla Bekaert che si veri­fi­che­ran­no in futu­ro, ossia alle delo­ca­liz­za­zio­ni.» (MISE, 18 luglio 2018). Nean­che in que­sto caso ci si è posti il pro­ble­ma di come gesti­re il licen­zia­men­to dei lavo­ra­to­ri, qua­li stru­men­ti di sup­por­to dare loro a dispo­si­zio­ne. Sono sta­ti così rapi­di a chie­de­re spie­ga­zio­ni in Euro­pa, il mini­stro e il suo staff, quan­to sono sta­ti inef­fi­ca­ci e pri­vi di idee al tavo­lo del­le trat­ta­ti­ve.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.