Dal “NO” al “NOi” per la Costituzione

Per recuperare un’occasione altrimenti perduta è necessario mettere da parte questa revisione (attraverso un “no” al referendum) e presentare insieme, con il contributo di tutti, con un dibattito che parte proprio domenica a Firenze, un’alternativa. Una riforma capace di restituire davvero la sovranità al popolo. Dal “NO” al “NOi” per la Costituzione.
costituzione-860x450_c

Dome­ni­ca 14 feb­bra­io pros­si­mo, a Firen­ze (Piaz­za de’ Ciom­pi 11, pres­so il cir­co­lo ARCI), gra­zie all’organizzazione del Comi­ta­to Aria nuo­va, Pos­si­bi­le orga­niz­za, con Ste­fa­no Mer­li­ni (costi­tu­zio­na­li­sta dell’Università di Firen­ze) e Andrea Per­ti­ci (costi­tu­zio­na­li­sta dell’Università di Pisa) una pri­ma gran­de discus­sio­ne sul­la COSTITUZIONE, anche in vista del refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le in cui i cit­ta­di­ni saran­no chia­ma­ti a espri­mer­si sul­la revi­sio­ne pro­po­sta e soste­nu­ta dal gover­no. Anche nell’ottica di offri­re un’alternativa. Per­ché que­sto è sem­pre l’obiettivo di Pos­si­bi­le.

Que­sta la pre­sen­ta­zio­ne di Andrea Pertici:

Il testo di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le che pro­ce­de ver­so l’approvazione defi­ni­ti­va da par­te del­le Came­re non è sta­to pra­ti­ca­men­te mai discus­so nel merito.

L’obiettivo da por­si, anche in vista del refe­ren­dum, è anzi­tut­to quel­lo di spie­gar­ne i con­te­nu­ti, per­ché i cit­ta­di­ni, fino­ra total­men­te esclu­si (di que­sta rifor­ma non par­la­va nep­pu­re nes­sun pro­gram­ma elet­to­ra­le), pos­sa­no pro­nun­ciar­si in modo con­sa­pe­vo­le.

E quin­di biso­gna chie­der­ci: a cosa ser­ve que­sta rifor­ma? Risol­ve dav­ve­ro i pro­ble­mi di fun­zio­na­men­to del­le isti­tu­zio­ni che da alcu­ni anni sono emer­si? Ridu­ce dav­ve­ro i costi del­la poli­ti­ca? E, in defi­ni­ti­va, poi­ché il cuo­re di tut­to l’impianto è la eli­mi­na­zio­ne dell’elezione a suf­fra­gio uni­ver­sa­le dei sena­to­ri: era dav­ve­ro tut­ta col­pa del Senato?

Per rispon­de­re a que­ste doman­de è neces­sa­rio guar­da­re den­tro la rifor­ma e offri­re un’alter­na­ti­va.

Voglia­mo par­ti­re pro­prio recu­pe­ran­do in sede pub­bli­ca quel dibat­ti­to che non si è svol­to duran­te la fase di appro­va­zio­ne par­la­men­ta­re, in vista del voto dei cit­ta­di­ni nel refe­ren­dum oppo­si­ti­vo: lo stru­men­to che la Costi­tu­zio­ne offre alle mino­ran­ze per con­tra­sta­re, oltre la sede rap­pre­sen­ta­ti­va, la sua revi­sio­ne. E che, inve­ce, in tota­le fro­de all’articolo 138, il gover­no vor­reb­be tra­sfor­ma­re in un voto sul gover­no, in un plebiscito.

Emer­ge­ran­no così i pun­ti più discu­ti­bi­li del­la rifor­ma: la biz­zar­ra com­po­si­zio­ne del Sena­to, non più elet­to dai cit­ta­di­ni; l’affastellamento di fun­zio­ni incer­te per la secon­da Came­ra; il sem­pre più mac­chi­no­so pro­ce­di­men­to legi­sla­ti­vo (reso più com­ples­so anzi­ché sem­pli­fi­ca­to); la man­ca­ta valo­riz­za­zio­ne degli isti­tu­ti di par­te­ci­pa­zio­ne popo­la­re; l’indebolimento del­le auto­no­mie ter­ri­to­ria­li e del­le fun­zio­ni di garanzia.

Tut­te ragio­ni che spin­go­no a dire NO a que­sta rifor­ma ma anche a lavo­ra­re da subi­to insie­me – con i cit­ta­di­ni, da ren­de­re pro­ta­go­ni­sti, come nel­la fase costi­tuen­te – per un’alternativa che rispon­da alle neces­si­tà che real­men­te si pon­go­no: una ridu­zio­ne del nume­ro dei par­la­men­ta­ri in entram­be le Came­re (col­le­ga­ta a una ridu­zio­ne del­le inden­ni­tà, con rispar­mi rea­li, e al supe­ra­men­to di immu­ni­tà espres­sio­ne di una sta­gio­ne pas­sa­ta), un supe­ra­men­to del bica­me­ra­li­smo pari­ta­rio, che man­ten­ga un pro­ce­di­men­to legi­sla­ti­vo ordi­na­to e anzi più effi­cien­te, un aumen­to di pote­ri di con­trol­lo dei cit­ta­di­ni – attra­ver­so i pro­pri rap­pre­sen­tan­ti (real­men­te elet­ti) – sul gover­no; una valo­riz­za­zio­ne e respon­sa­bi­liz­za­zio­ne del­le auto­no­mie; un raf­for­za­men­to dei pote­ri di garan­zia (da sepa­ra­re dal­la poli­ti­ca). E que­sto sem­pre tenen­do pre­sen­te che le dif­fi­col­tà isti­tu­zio­na­li dell’Italia sono lega­te più che alle pre­vi­sio­ni costi­tu­zio­na­li al siste­ma dei par­ti­ti e alla inca­pa­ci­tà di que­sti ulti­mi di rap­pre­sen­ta­re quel­lo stru­men­to di par­te­ci­pa­zio­ne alla deter­mi­na­zio­ne del­la poli­ti­ca nazio­na­le pre­vi­sto all’articolo 49 del­la Costi­tu­zio­ne. In que­sto sen­so ser­vi­reb­be una leg­ge sui par­ti­ti poli­ti­ci, una nuo­va leg­ge sul­la par­te­ci­pa­zio­ne popo­la­re, una diver­sa leg­ge elet­to­ra­le (per entram­be le Camere).

Si trat­ta di pro­po­ste che sono sta­te al cen­tro del­le ini­zia­ti­ve di Pos­si­bi­le sin dal­la sua fon­da­zio­ne (e che pri­ma era­no sta­te por­ta­te avan­ti da Civa­ti e gli altri par­la­men­ta­ri poi rico­no­sciu­ti­si nel movi­men­to). Da que­ste nasce­va­no i refe­ren­dum per l’abrogazione dell’Italicum pro­po­sti la scor­sa esta­te e che avreb­be­ro fat­to sal­ta­re quel­lo che è ormai comu­ne­men­te defi­ni­to il “com­bi­na­to dispo­sto” tra la revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le e il siste­ma elet­to­ra­le, per toglie­re peso e voce ai cit­ta­di­ni.

L’impegno sol­tan­to più recen­te di altre asso­cia­zio­ni e movi­men­ti per evi­ta­re che que­sto acca­da pone ades­so al cen­tro dell’attenzione la rifor­ma costi­tu­zio­na­le, che, per come for­mu­la­ta, rap­pre­sen­ta la per­di­ta di un’occasione, finen­do per non risol­ve­re le que­stio­ni aper­te. Ed è pro­prio per recu­pe­ra­re un’occasione altri­men­ti per­du­ta che è neces­sa­rio met­te­re da par­te que­sta revi­sio­ne (attra­ver­so un “no” al refe­ren­dum) e pre­sen­ta­re insie­me, con il con­tri­bu­to di tut­ti, con un dibat­ti­to che par­te pro­prio dome­ni­ca a Firen­ze, un’alternativa. Una rifor­ma capa­ce di resti­tui­re dav­ve­ro la sovra­ni­tà al popo­lo. Dal “NO” al “NOi” per la Costituzione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.