Dai fanghi tossici al cemento: dov’è finito il futuro?

Invertiamo la rotta, arrestiamo prima che sia troppo tardi il disegno politico di chi vuole costruire un futuro fatto di colate di cemento e fango.

“Stra­ni gior­ni, vivia­mo stra­ni gior­ni” non è solo una cita­zio­ne del mae­stro Bat­tia­to: sono vera­men­te stra­ni que­sti giorni.

La tra­ge­dia del Mot­ta­ro­ne ci ha ripor­ta­to indie­tro ai tem­pi del crol­lo del Pon­te Moran­di e nel frat­tem­po si gio­ca anco­ra sull’oggi con i colo­ri del­le Regio­ni. L’egoismo e l’avidità uma­na die­tro ad alcu­ni mec­ca­ni­smi eco­no­mi­ci stan­no pre­sen­tan­do un con­to dram­ma­ti­co, in ter­mi­ni di vit­ti­me e di dan­ni ambien­ta­li, socia­li ed eco­no­mi­ci. Il PNRR è spa­ri­to dal dibat­ti­to pub­bli­co, vie­ne solo cita­to “per­ché da li arri­ve­ran­no i sol­di”. Come ver­ran­no spe­si, che dovreb­be esse­re la que­stio­ne più impor­tan­te, non è mai sta­to ogget­to di discus­sio­ne. La que­stio­ne pre­oc­cu­pan­te è che il futu­ro e con lui le gene­ra­zio­ni futu­re non entra­no nel­le con­si­de­ra­zio­ni e nel­le discus­sio­ni sul PNRR. Que­sta man­can­za emer­ge anche leg­gen­do le inter­cet­ta­zio­ni con­te­nu­te nel­le inda­gi­ni sul­lo sver­sa­men­to nei cam­pi agri­co­li di Lom­bar­dia, Vene­to ed Emi­lia. “Chis­sà il bam­bi­no che man­gia la pan­noc­chia di mais cre­sciu­ta sui fan­ghi”: paro­le che evi­den­zia­no come le nostre atten­zio­ni sia­no con­cen­tra­te sull’oggi, sull’illecito pro­fit­to e sen­za la ben­ché mini­ma cura per il futu­ro. L’Ar­pa, chia­ma­ta ad effet­tua­re le ana­li­si, avreb­be veri­fi­ca­to la pre­sen­za (fuo­ri nor­ma, anche deci­ne di vol­te oltre i limi­ti di leg­ge) di ele­va­te con­cen­tra­zio­ni di idro­car­bu­ri, cia­nu­ri, clo­ru­ri, arse­ni­co, sele­nio, sol­fa­ti, zin­co, sta­gno e altro anco­ra. Ma al di là degli aspet­ti giu­ri­di­ci di que­sta assur­da vicen­da quel­la che man­ca è la visio­ne stra­te­gi­ca di fon­do riguar­do al futu­ro. Gli stra­ni gior­ni dovreb­be­ro por­ta­re il Gover­no a pren­de­re deci­sio­ni nel­la dire­zio­ne giu­sta e inve­ce chi come noi ha let­to le car­te del PNRR ha già denun­cia­to che que­ste deci­sio­ni andran­no in dire­zio­ne oppo­sta. Pen­sia­mo ai rischi che cor­re la Natu­ra con que­sta far­loc­ca tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca che sem­bra ogni gior­no di più un gran­de ritor­no al pas­sa­to e non un pas­so ver­so un futu­ro ami­co. Stia­mo cor­ren­do un gran­dis­si­mo rischio, eppu­re abbia­mo nel­lo stes­so gover­no chi que­sto rischio lo igno­ra, chi fa spal­luc­ce o fa fin­ta di nul­la e chi inve­ce spin­ge per con­ti­nua­re sul­la vec­chia stra­da. La tran­si­zio­ne di Cin­go­la­ni asso­mi­glia sem­pre di più ad un pro­get­to basa­to sul­lo svi­lup­po inso­ste­ni­bi­le. Cola­te di cemen­to inu­ti­li, sol­di dirot­ta­ti ver­so tec­no­lo­gie obso­le­te e asso­lu­ta­men­te poco friend­ly ver­so la lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e l’immancabile Pon­te sul­lo Stret­to di Mes­si­na. Eppu­re i cam­pa­nel­li di allar­me ci sono, basta leg­ger­li e non igno­rar­li. La vita del­la popo­la­zio­ne mon­dia­le sta suben­do gli effet­ti dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, e la poli­ti­ca, alme­no quel­la ita­lia­na, è com­ple­ta­men­te assen­te, men­tre dovreb­be esser­ne uno degli atto­ri prin­ci­pa­li. La stes­sa poli­ti­ca è inve­ce pre­sen­te quan­do si trat­ta di inde­bo­li­re le tute­le e i pro­ces­si ammi­ni­stra­ti­vi dove si cal­co­la il peso e l’importanza del­le “con­si­de­ra­zio­ni ambien­ta­li” lega­te al con­su­mo di suo­lo, alla tute­la del­la bio­di­ver­si­tà o al pae­sag­gio. Si sem­pli­fi­ca la vita a chi vuo­le con­ti­nua­re a lavo­ra­re ver­so un futu­ro inso­ste­ni­bi­le e men­tre da noi si esul­ta per que­ste enne­si­me “sem­pli­fi­ca­zio­ni” con­tro Natu­ra negli stes­si gior­ni la Com­mis­sio­ne Ambien­te del Par­la­men­to Euro­peo appro­va e acco­glie con favo­re la nuo­va stra­te­gia del­l’Ue sul­la bio­di­ver­si­tà per il 2030, soste­nen­do la neces­si­tà di “cam­bia­men­ti radi­ca­li” nel­le attua­li poli­ti­che del­l’U­nio­ne e degli Sta­ti mem­bri in tema di pro­te­zio­ne del­la natu­ra. Inol­tre la Com­mis­sio­ne Ambien­te del Par­la­men­to euro­peo chie­de di esten­de­re alme­no al 30% il ter­ri­to­rio euro­peo pro­tet­to, avvia­re una gran­de azio­ne di ripri­sti­no degli eco­si­ste­mi ter­re­stri e mari­ni, ripor­ta­re in un buo­no sta­to di con­ser­va­zio­ne le spe­cie e gli habi­tat, pre­di­spor­re una stra­te­gia euro­pea sul­la lot­ta alla deser­ti­fi­ca­zio­ne e al degra­do del suo­lo, di fis­sa­re obiet­ti­vi spe­ci­fi­ci ambi­zio­si in mate­ria di bio­di­ver­si­tà urba­na con solu­zio­ni ispi­ra­te alla natu­ra e alle infra­strut­tu­re ver­di, di favo­re le pra­ti­che agro eco­lo­gi­che, di met­te­re assie­me le sfi­de alla cri­si cli­ma­ti­ca e alla per­di­ta del­la bio­di­ver­si­tà, “dan­do prio­ri­tà alle solu­zio­ni ispi­ra­te alla natu­ra negli obiet­ti­vi di miti­ga­zio­ne del cli­ma e nel­le stra­te­gie di adat­ta­men­to”. Una stra­te­gia chia­ra e con­di­vi­si­bi­le che va nel­la dire­zio­ne giu­sta, non come la stra­te­gia cemen­ti­fi­ca­tri­ce masche­ra­ta da tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca che il gover­no ita­lia­no sta por­tan­do avan­ti. Inol­tre la Com­mis­sio­ne Ambien­te del PE chie­de agli Sta­ti Mem­bri di rispet­ta­re l’attuale legi­sla­zio­ne euro­pea così come chie­de alla Com­mis­sio­ne Euro­pea di atti­var­si tra­mi­te lo stru­men­to del­la Pro­ce­du­ra d’Infrazione nei con­fron­ti degli Sta­ti mem­bri che non si con­for­mi­no ai det­ta­mi euro­pei. Il tut­to all’interno di una leg­ge sul­la Bio­di­ver­si­tà che si occu­pi del­la con­ser­va­zio­ne del­la Natu­ra por­tan­do­la allo stes­so livel­lo del­la lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Entram­be que­ste azio­ni devo­no viag­gia­re di pari pas­so, con la stes­sa impor­tan­za anche per­ché sono lega­te e inter­con­nes­se. Solo il gover­no ita­lia­no non ha ben com­pre­so que­ste indi­ca­zio­ni e sta andan­do in dire­zio­ne oppo­sta. I pochi fon­di mes­si a dispo­si­zio­ne del com­par­to Natu­ra all’interno del PNRR (lo 0,51% su 235 miliar­di di euro tota­li, l’I­ta­lia ne inve­ste solo 1,19 miliar­di) sono lì a dimo­strar­lo e tra l’altro ver­ran­no spe­si anche male: digi­ta­liz­za­zio­ne e altre azio­ni sui par­chi (100 milio­ni), rina­tu­ra­liz­za­zio­ne del fiu­me Po (360 milio­ni), inter­ven­ti sui siste­mi mari­ni e costie­ri (400 milio­ni) e tute­la e valo­riz­za­zio­ne del ver­de urba­no ed extraur­ba­no (330 milio­ni). “Chis­sà il bam­bi­no che man­gia la pan­noc­chia di mais cre­sciu­ta sui fan­ghi”, fer­mia­mo­ci pri­ma che sia trop­po tar­di. Inver­tia­mo la rot­ta, arre­stia­mo pri­ma che sia trop­po tar­di il dise­gno poli­ti­co di chi vuo­le costrui­re un futu­ro fat­to di cola­te di cemen­to e fango.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.