2 giugno, dal voto alle donne al ddl Zan, c’è ancora molta strada da fare per la parità

C’è ancora molta strada da fare, ma la faremo.  Buona festa della Repubblica a tutte e a tutti.

Il 2 giu­gno 1946, oltre che per la nasci­ta del­la Repub­bli­ca, è la data che di soli­to vie­ne ricor­da­ta come quel­la in cui per la pri­ma vol­ta in Ita­lia, pro­prio al refe­ren­dum per la scel­ta fra Repub­bli­ca e Monar­chia, e alla con­te­stua­le ele­zio­ne del­l’As­sem­blea Costi­tuen­te, vota­va­no, ed era­no eleg­gi­bi­li, le don­ne. In real­tà quel­lo fu il pri­mo voto fem­mi­ni­le in una con­sul­ta­zio­ne nazio­na­le, per­chè le don­ne già ave­va­no vota­to, ed era­no sta­te elet­te, alle ammi­ni­stra­ti­ve nel mese di mar­zo del­lo stes­so anno. Que­sto in for­za del Decre­to legi­sla­ti­vo luo­go­te­nen­zia­le pub­bli­ca­to il 2 feb­bra­io 1945, n. 23, “Esten­sio­ne alle don­ne del dirit­to di voto”, ema­na­to il 31 gen­na­io del 1945 con il Pae­se divi­so e il nord sot­to­po­sto all’occupazione tede­sca, dal Con­si­glio dei Mini­stri pre­sie­du­to da Iva­noe Bono­mi, su pro­po­sta di Alci­de De Gaspe­ri (DC) e Pal­mi­ro Togliat­ti (PCI). Pote­va­no vota­re le don­ne con più di 21 anni, e quel gover­no era com­po­sto da Demo­cra­zia Cri­stia­na, Par­ti­to Comu­ni­sta Ita­lia­no, Par­ti­to Libe­ra­le e Demo­cra­zia del Lavo­ro. Il suf­fra­gio fem­mi­ni­le ave­va però dei limi­ti, elen­ca­ti all’articolo 3 del Decre­to: era­no esclu­se dal voto le pro­sti­tu­te sche­da­te, che eser­ci­ta­va­no “il mere­tri­cio fuo­ri dei loca­li auto­riz­za­ti”. La nor­ma ver­rà abro­ga­ta nel 1947, ma ci dice mol­to sul­la con­si­de­ra­zio­ne che ave­va­no, e temo in par­te abbia­no anco­ra, cer­ti uomi­ni del­le don­ne. Sen­za dimen­ti­ca­re che il con­tra­sto al voto fem­mi­ni­le veni­va da destra e dal cen­tro, pro­prio per la con­ce­zio­ne patriar­ca­le del­la socie­tà, ma anche da sini­stra, per­chè qual­cu­no, para­dos­sal­men­te, pen­sa­va che le don­ne potes­se­ro esse­re trop­po influen­za­bi­li dal­la Chie­sa. Lo stig­ma alle pro­sti­tu­te sche­da­te, però, era, come si direb­be oggi, bipar­ti­san. Un giu­di­zio mora­le e mora­li­sti­co (come se le pro­sti­tu­te potes­se­ro eser­ci­ta­re sen­za clien­ti maschi) che ante­po­ne­va il per­be­ni­smo (se eser­ci­ta­va­no nei loca­li auto­riz­za­ti anda­va bene) ai dirit­ti poli­ti­ci. Oggi sia­mo appa­ren­te­men­te mol­to lon­ta­ni da que­sto, ma in real­tà non è pro­prio così, det­ta da maschio. Come ha appe­na ricor­da­to il Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la “La pari­tà di dirit­ti, tra don­ne e uomi­ni, nel­le leg­gi ita­lia­ne, è pie­na ed è sta­ta rag­giun­ta da mol­ti anni, in base alla Costi­tu­zio­ne. Non è inve­ce anco­ra così, per la sua, con­cre­ta, realizzazione”. 

E le discri­mi­na­zio­ni riman­go­no, maga­ri non per lo stes­so moti­vo del decre­to Luo­go­te­nen­zia­le per for­tu­na, maga­ri sono più sot­ti­li, meno espli­ci­te, ma mol­to sostan­zia­li. Per­ché le don­ne non sono paga­te come gli uomi­ni a pari­tà di lavo­ro, per­ché non han­no le stes­se pos­si­bi­li­tà di acce­de­re ai ruo­li diri­gen­zia­li, per­ché, rias­su­mo, la loro stra­da è tut­ta in sali­ta, per­ché anco­ra, addi­rit­tu­ra, qual­cu­no pen­sa che non sia­no natu­ral­men­te por­ta­te per le mate­rie scien­ti­fi­che. In com­pen­so lo stig­ma e il pre­giu­di­zio ses­sua­le paio­no esser­si tra­sfe­ri­ti sul­le per­so­ne trans*, che non solo da destra ma per­si­no da sini­stra qual­cu­no vor­reb­be di fat­to esclu­de­re da una disci­pli­na pura­men­te pro­tet­ti­va come quel­la del DDL Zan, andan­do for­mal­men­te a disqui­si­re sul­le defi­ni­zio­ni, ma di fat­to espri­men­do un vero e pro­prio giu­di­zio mora­le sul modo di esse­re di que­ste per­so­ne, ante­po­nen­do anco­ra una vol­ta il per­be­ni­smo ai dirit­ti civi­li e in par­ti­co­la­re al dirit­to di ugua­glian­za. C’è anco­ra mol­ta stra­da da fare, ma la fare­mo.  Buo­na festa del­la Repub­bli­ca a tut­te e a tutti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.