Da Ventimiglia all’Europa

#

Ventimiglia è una delle città diventata suo malgrado simbolo delle frontiere chiuse, della limitazione spesso violenta alla circolazione delle persone, delle carenze dell’accoglienza che punta al contenimento e al controllo invece che al soccorso e allo scioglimento dei nodi del sistema nell’interesse di tutti. È la città dove rimangono bloccate le persone da quando la Francia ha ripristinato i controlli alle frontiere, dell’ordinanza per vietare la distribuzione di cibo ai migranti fermi sotto il sole, dove chi ha attraversato i deserti e il mare e muore lungo la strada o fulminato nel comparto elettrico di un treno. Come dice Alessandra Ballerini:

Arrivano dai deserti, dalle prigioni della Libia e pensi ‘Chi li abbatte?’. Ventimiglia li abbatte.

Raccogliamo l’invito ad aderire alla giornata di solidarietà internazionale a Ventimiglia del 14 luglio, rivolta a “tutte le realtà, le associazioni, i collettivi, i gruppi e le singole persone che si occupano delle tematiche legate ai flussi migratori, all’accoglienza, alla solidarietà e chiunque sia interessato” per una mobilitazione che intende “rivendicare la necessità di un permesso di soggiorno europeo, il diritto alla mobilità e per ripensare l’attuale sistema della cosiddetta “accoglienza”. Una mobilitazione contro la tratta e le violenze di genere, contro lo sfruttamento delle persone migranti, per la loro libertà e autodeterminazione”.

Ritroviamo in queste richieste molto del lavoro – che è come sempre a disposizione – fatto in questi anni da Andrea Maestri, Beatrice Brignone, Giuseppe Civati e Luca Pastorino in Parlamento, dalla proposta di riforma del Testo unico sull’Immigrazione alle denunce della minaccia ai diritti umani posta dai decreti Minniti-Orlando; da Elly Schlein al Parlamento Europeo con la proposta di riforma del Trattato di Dublino (a partire proprio dal principio del primo paese di arrivo); da Stefano Catone con il suo impegno di documentazione precisa sui dati relativi all’accoglienza ad ogni livello istituzionale e sulle rotte seguite dai migranti, che stanno alla base di gran parte della nostra azione politica sul tema; dalla campagna No Emergenza e da Voi Sapete.

Saremo quindi a Ventimiglia il 14 luglio insieme a tutte le realtà che hanno aderito e che costituiscono un patrimonio di energie e di mobilitazione quantomai necessaria in questo momento in cui gran parte della politica è occupata a parlare di se stessa, mentre c’è più che mai bisogno di fare sentire la propria voce su tutt’altre sfide, urgenti e che raggiungono dimensioni europee quando non globali.

  • 124
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati