Da Ventimiglia all’Europa

Ven­ti­mi­glia è una del­le cit­tà diven­ta­ta suo mal­gra­do sim­bo­lo del­le fron­tie­re chiu­se, del­la limi­ta­zio­ne spes­so vio­len­ta alla cir­co­la­zio­ne del­le per­so­ne, del­le caren­ze del­l’ac­co­glien­za che pun­ta al con­te­ni­men­to e al con­trol­lo inve­ce che al soc­cor­so e allo scio­gli­men­to dei nodi del siste­ma nel­l’in­te­res­se di tut­ti. È la cit­tà dove riman­go­no bloc­ca­te le per­so­ne da quan­do la Fran­cia ha ripri­sti­na­to i con­trol­li alle fron­tie­re, del­l’or­di­nan­za per vie­ta­re la distri­bu­zio­ne di cibo ai migran­ti fer­mi sot­to il sole, dove chi ha attra­ver­sa­to i deser­ti e il mare e muo­re lun­go la stra­da o ful­mi­na­to nel com­par­to elet­tri­co di un tre­no. Come dice Ales­san­dra Ballerini:

Arri­va­no dai deser­ti, dal­le pri­gio­ni del­la Libia e pen­si ‘Chi li abbat­te?’. Ven­ti­mi­glia li abbatte.

Rac­co­glia­mo l’in­vi­to ad ade­ri­re alla gior­na­ta di soli­da­rie­tà inter­na­zio­na­le a Ven­ti­mi­glia del 14 luglio, rivol­ta a “tut­te le real­tà, le asso­cia­zio­ni, i col­let­ti­vi, i grup­pi e le sin­go­le per­so­ne che si occu­pa­no del­le tema­ti­che lega­te ai flus­si migra­to­ri, all’accoglienza, alla soli­da­rie­tà e chiun­que sia inte­res­sa­to” per una mobi­li­ta­zio­ne che inten­de “riven­di­ca­re la neces­si­tà di un per­mes­so di sog­gior­no euro­peo, il dirit­to alla mobi­li­tà e per ripen­sa­re l’attuale siste­ma del­la cosid­det­ta “acco­glien­za”. Una mobi­li­ta­zio­ne con­tro la trat­ta e le vio­len­ze di gene­re, con­tro lo sfrut­ta­men­to del­le per­so­ne migran­ti, per la loro liber­tà e auto­de­ter­mi­na­zio­ne”.

Ritro­via­mo in que­ste richie­ste mol­to del lavo­ro — che è come sem­pre a dispo­si­zio­ne — fat­to in que­sti anni da Andrea Mae­stri, Bea­tri­ce Bri­gno­ne, Giu­sep­pe Civa­ti e Luca Pasto­ri­no in Par­la­men­to, dal­la pro­po­sta di rifor­ma del Testo uni­co sul­l’Im­mi­gra­zio­ne alle denun­ce del­la minac­cia ai dirit­ti uma­ni posta dai decre­ti Min­ni­ti-Orlan­do; da Elly Schlein al Par­la­men­to Euro­peo con la pro­po­sta di rifor­ma del Trat­ta­to di Dubli­no (a par­ti­re pro­prio dal prin­ci­pio del pri­mo pae­se di arri­vo); da Ste­fa­no Cato­ne con il suo impe­gno di docu­men­ta­zio­ne pre­ci­sa sui dati rela­ti­vi all’ac­co­glien­za ad ogni livel­lo isti­tu­zio­na­le e sul­le rot­te segui­te dai migran­ti, che stan­no alla base di gran par­te del­la nostra azio­ne poli­ti­ca sul tema; dal­la cam­pa­gna No Emer­gen­za e da Voi Sape­te.

Sare­mo quin­di a Ven­ti­mi­glia il 14 luglio insie­me a tut­te le real­tà che han­no ade­ri­to e che costi­tui­sco­no un patri­mo­nio di ener­gie e di mobi­li­ta­zio­ne quan­to­mai neces­sa­ria in que­sto momen­to in cui gran par­te del­la poli­ti­ca è occu­pa­ta a par­la­re di se stes­sa, men­tre c’è più che mai biso­gno di fare sen­ti­re la pro­pria voce su tut­t’al­tre sfi­de, urgen­ti e che rag­giun­go­no dimen­sio­ni euro­pee quan­do non globali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.