Comdata, Pastorino: un accordo monco, complici Governo e Ministero

#

“E’ stato siglato al Ministero del Lavoro un’ipotesi di accordo per il ritiro dei licenziamenti su Padova e Pozzuoli di Comdata. Dopo la mia Interrogazione speravo che le basi fossero diverse invece questo è un accordo monco. I lavoratori avranno solo accesso ad ammortizzatori sociali, mesi di solidarietà, incentivi al licenziamento e altri strumenti che purtroppo servono solo a curare una embolia con un cerotto”. Lo dichiara Luca Pastorino, deputato di Possibile, segretario di presidenza alla Camera per Liberi e Uguali.

“Dopo le rassicurazioni in aula del Ministro Di Maio sulle crisi industriali con riferimento a Comdata – continua Pastorino – mi aspettavo un accordo che fosse risolutivo per i 278 lavoratori di un’azienda che nel 2019 ha annunciato un fatturato di 1 miliardo di euro. Per l’ennesima volta ci troviamo di fronte ad aziende che fanno profitto grazie a licenziamenti massicci e ai soldi di contribuenti. Il Governo e il Ministero sono complici di questa grave situazione e dimostrano scarsa abilità nella gestione e nella negoziazione di crisi industriali”.

“Ribadisco – conclude Pastorino – che alla base serve una politica strutturale di sostegno a quelle aziende che offrono continuità contrattuale e qualità del lavoro”.

  • 60
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati