Chiedere scusa ai giovani, l’impresa impossibile

La parola che la mia generazione, quella nata a cavallo fra gli anni '80 e i primi '90, si aspetta è “scusa”. Una parola semplice: “scusa”, perché siamo e siete la prima generazione, dopo quella dei vostri nonni, che è costretta a emigrare in massa, anche se ha studiato e si è laureata.

«Noi sia­mo in debi­to con i gio­va­ni, li obbli­ghia­mo a emi­gra­re» è la fra­se che ha det­to Papa Fran­ce­sco il 31 dicem­bre scor­so, non Giu­lia­no Polet­ti, mini­stro del Lavo­ro, che qual­che tem­po fa ave­va det­to, rife­ren­do­si ai gio­va­ni ita­lia­ni emi­gra­ti all’e­ste­ro per lavo­ro, di cono­sce­re «gen­te che è anda­ta via e che è bene che stia dove è anda­ta, per­ché sicu­ra­men­te que­sto Pae­se non sof­fri­rà a non aver­li più fra i pie­di».

La paro­la che la mia gene­ra­zio­ne, quel­la nata a caval­lo fra gli anni ’80 e i pri­mi ’90, si aspet­ta è “scu­sa”. Una paro­la sem­pli­ce: “scu­sa”, per­ché sia­mo e sie­te la pri­ma gene­ra­zio­ne, dopo quel­la dei vostri non­ni, che è costret­ta a emi­gra­re in mas­sa, anche se ha stu­dia­to e si è lau­rea­ta.

Fan­no sor­ri­de­re le paro­le di una cer­ta poli­ti­ca che quan­do vede una leg­ge­ra fles­sio­ne del­la disoc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le, quel­la che va dai 18 ai 35 anni, gri­da al suc­ces­so. Non cal­co­lan­do che quel­lo zero vir­go­la qual­co­sa non è frut­to di nuo­vi posti di lavo­ro ma di qual­cu­no che ha fat­to le vali­gie e che cer­ca di far frut­ta­re i suoi anni di stu­dio da qual­che altra parte.

“Scu­sa” è la paro­la che dovrem­mo dire a quei gio­va­ni che riman­go­no e che, a vol­te, se non han­no la rac­co­man­da­zio­ne non van­no avan­ti. La stes­sa poli­ti­ca dovreb­be scu­sar­si per­ché non vuo­le dare, in quan­to ne è inca­pa­ce, rife­ri­men­ti mora­li. In Par­la­men­to ne abbia­mo l’e­sem­pio: allo­ra da chi, la mia gene­ra­zio­ne, deve trar­re ispi­ra­zio­ne? Sia­mo costret­ti a guar­da­re al pas­sa­to o a non inte­res­sar­ci, allon­ta­nan­do­ci dal­la cosa pub­bli­ca che è con­si­de­ra­ta spor­ca, inqui­na­ta dai soli­ti “ami­ci degli amici”.

Allo­ra, for­se, è meglio per­si­no dimen­ti­car­la l’I­ta­lia. Sopra­tut­to quan­do abbia­mo comi­ci, pro­fes­sio­ni­sti o dilet­tan­ti, che diven­ta­no capi di par­ti­to – o di tri­bù –, o peo­nes invia­ti a rap­pre­sen­ta­re il nostro pae­se alla Nato.

Allo­ra aspet­tia­mo. Aspet­ta uno “scu­sa”, gene­ra­zio­ne nata negli anni ’80 e che asso­mi­gli sem­pre di più a quel­la dei tuoi non­ni che par­ti­va con le vali­ge di car­to­ne. Ma sia­mo con­sa­pe­vo­li che non arri­ve­ran­no. Quin­di meglio “levar­si dai piedi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.