Si muore di freddo: quando la realtà ci presenta il conto

Il freddo miete le sue vittime? No, la povertà. La povertà di diritti, di case, di lavoro, di calore umano e istituzionale. Viviamo in un Paese che concentra la ricchezza nelle mani di pochissimi strati parassitari della popolazione, che non agisce efficacemente nel contrasto all’evasione fiscale, che non tassa i grandi patrimoni e che, soprattutto, non procede a rinnovare ed aumentare le risorse per l’occupazione e le politiche sociali.

 

Let­te­ral­men­te, men­tre Min­ni­ti ria­pre ai Cie e Gabriel­li gli va die­tro dif­fon­den­do pau­re mil­le­na­ri­sti­che su even­tua­li attac­chi ter­ro­ri­sti­ci, il fred­do mie­te le sue vit­ti­me. Il fred­do? No, la pover­tà. La pover­tà di dirit­ti, di case, di lavo­ro, di calo­re uma­no e isti­tu­zio­na­le. Vivia­mo in un Pae­se che con­cen­tra la ric­chez­za nel­le mani di pochis­si­mi stra­ti paras­si­ta­ri del­la popo­la­zio­ne, che non agi­sce effi­ca­ce­men­te nel con­tra­sto all’eva­sio­ne fisca­le, che non tas­sa i gran­di patri­mo­ni e che, soprat­tut­to, non pro­ce­de a rin­no­va­re ed aumen­ta­re le risor­se per l’occupazione e le poli­ti­che socia­li. Se non ci fos­se­ro le reti asso­cia­ti­ve lai­che e cat­to­li­che, i sen­za fis­sa dimo­ra a mori­re sareb­be­ro mol­ti di più.

Esse­ri uma­ni trat­ta­ti come scar­to o sot­to­pro­dot­to da un gover­no che inve­ste in armi e rela­zio­ni pri­vi­le­gia­te con le peg­gio­ri dit­ta­tu­re medi­ter­ra­nee: Erdo­gan e Al Sisi. Un gover­no che dovreb­be subi­to met­te­re in cam­po un pia­no per il lavo­ro e che si accon­ten­ta di por­ta­re ten­de ai ter­re­mo­ta­ti e di apri­re le sta­zio­ni per i sen­za­tet­to. Non può esse­re la cari­tà la rispo­sta del­la poli­ti­ca.

Nel­le cit­tà ita­lia­ne la pover­tà è tal­men­te dif­fu­sa da ricor­da­re le imma­gi­ni apo­ca­lit­ti­che degli Sta­ti Uni­ti nel ’29, quan­do, però, esi­ste­va un pia­no eco­no­mi­co e pro­dut­ti­vo che pro­vò a rilan­cia­re l’economia e ce la fece. Qui sia­mo oltre la ragio­ne, nel cam­po del­la fol­lia. La rispo­sta gover­na­ti­va alla disoc­cu­pa­zio­ne è l’inefficace job­sact. Quel­la alla pover­tà, la pro­te­zio­ne civi­le e il sale per le stra­de. Evi­den­te­men­te man­ca quel ger­me poli­ti­co sano e razio­na­le (di sini­stra!) in que­sto gover­no, altri­men­ti avrem­mo qual­che ele­men­to in più sul qua­le discutere.

Al con­tra­rio, la pro­pa­gan­da non si fer­ma nem­me­no davan­ti ai mor­ti e, para­dos­so dei para­dos­si, rilan­cia la neces­si­tà di inde­bo­li­re i dirit­ti dei lavo­ra­to­ri con i vou­cher men­tre i disoc­cu­pa­ti muo­io­no per strada.

Qual­cu­no spie­ghi e Gen­ti­lo­ni, Polet­ti e ai loro sin­da­ci — che anco­ra non lo han­no capi­to — che di vou­cher si muo­re, di fred­do e di fame. Che i costi socia­li di que­sta macel­le­ria socia­le a lun­go anda­re por­ta­no alla dif­fu­sio­ne con­cre­ta e mate­ria­le, fisi­ca, di una rab­bia popo­la­re incon­te­ni­bi­le. Con­tro la qua­le le ricet­te del Pd si schian­te­ran­no sen­za remis­sio­ne. La rab­bia di Gori­no, di Biton­to: di una Ita­lia che ha biso­gno di lavo­ro e di demo­cra­zia rea­le. Di una Ita­lia, insom­ma, che può rina­sce­re nel calo­re di una sinistra.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.