CETA, Turchia, Siria e molto altro: un’intensa settimana a Strasburgo

Members of the European Parliament take

Si è appe­na con­clu­sa un’inten­sa set­ti­ma­na di ple­na­ria a Stra­sbur­go. Tra oggi e ieri si sono svol­te diver­se vota­zio­ni mol­to importanti.

Ieri si è vota­to sul­la riso­lu­zio­ne, sot­to­scrit­ta da me ed una novan­ti­na di altri col­le­ghi, che pro­po­ne­va di rivol­ge­re alla Cor­te di Giu­sti­zia una richie­sta di pare­re di con­for­mi­tà del Trat­ta­to CETA con i Trat­ta­ti euro­pei, in par­ti­co­la­re per quan­to con­cer­ne il mec­ca­ni­smo di arbi­tra­to ICS. Pur­trop­po la nostra richie­sta è sta­ta respin­ta.

Oggi abbia­mo vota­to un’im­por­tan­te riso­lu­zio­ne sul­le rela­zio­ni UE-TURCHIA, in cui il Par­la­men­to pren­de una posi­zio­ne for­te: con­si­de­ra­ti gli svi­lup­pi che han­no fat­to segui­to al ten­ta­to gol­pe di luglio, la gra­ve situa­zio­ne dei dirit­ti fon­da­men­ta­li e del­lo sta­to di dirit­to, le misu­re repres­si­ve del tut­to spro­por­zio­na­te mes­se in atto, i nume­ro­si arre­sti e le deten­zio­ni di gior­na­li­sti, giu­di­ci e mem­bri del­l’op­po­si­zio­ne sen­za nem­me­no la for­mu­la­zio­ne di accu­se, il Par­la­men­to euro­peo chie­de di con­ge­la­re i nego­zia­ti per l’adesione.
E dichia­ra di esse­re dispo­ni­bi­le a rive­de­re que­sta posi­zio­ne solo in caso di un pas­so indie­tro sul­le misu­re asso­lu­ta­men­te spro­por­zio­na­te mes­se in atto in vir­tù del­lo sta­to di emergenza.

Abbia­mo anche vota­to una riso­lu­zio­ne sul­la SIRIA, più com­ple­ta di quel­la di otto­bre, in cui con­dan­nia­mo ogni attac­co ai civi­li e alle infra­strut­tu­re civi­li, denun­cia­mo che da luglio gli aiu­ti uma­ni­ta­ri non rie­sco­no a rag­giun­ge­re le zone di Alep­po sot­to asse­dio e che due ter­zi dei siria­ni nel­la regio­ne non han­no nem­me­no acces­so all’ac­qua, e denun­cia­mo le gra­vi vio­la­zio­ni di dirit­ti uma­ni da tut­te le par­ti in con­flit­to, e la com­mis­sio­ne di cri­mi­ni di guer­ra che devo­no vede­re puni­ti i respon­sa­bi­li. Nel­la riso­lu­zio­ne vota­ta oggi chie­dia­mo con for­za, e a fron­te di una situa­zio­ne che va dete­rio­ran­do­si, lo stop tota­le ai bom­bar­da­men­ti e l’im­me­dia­ta ces­sa­zio­ne del­le osti­li­tà, oltre a cor­ri­doi uma­ni­ta­ri che garan­ti­sca­no pie­no acces­so agli aiu­ti e l’e­va­cua­zio­ne dei feri­ti, ed una No-fly zone su Alep­po.

Un pas­sag­gio impor­tan­te oggi è sta­to anche il voto per chie­de­re di acce­le­ra­re l’ade­sio­ne del­l’UE alla Con­ven­zio­ne di Istan­bul con­tro la vio­len­za sul­le don­ne. Un segna­le chia­ro e linea­re con l’im­pe­gno del­le isti­tu­zio­ni UE con­tro la vio­len­za di gene­re, par­ti­co­lar­men­te signi­fi­ca­ti­vo se con­si­de­ria­mo che ad ora tut­ti gli Sta­ti mem­bri l’han­no fir­ma­ta ma solo 14 l’han­no ratificata.

E infi­ne, tra le altre vota­te, vor­rei cita­re un’ot­ti­ma riso­lu­zio­ne che ha otte­nu­to ampio sup­por­to tra­sver­sa­le per por­re fine al traf­fi­co ille­ci­to di spe­cie ani­ma­li sel­va­ti­che in UE.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.