Ilva: una maggioranza di bicameralisti inconsapevoli

Rileviamo che alle volte il bicameralismo perfetto serve, e serve per rimediare a errori, dimenticanze, omissioni (non volute, ma spesso volute) compiute dalla classe politica. Il bicameralismo perfetto, in questo caso, agisce da vera e propria assicurazione istituzionale, superiore per definizione alle manchevolezze e alle bassezze della politica e dei partiti. E pensate come avrebbe potuto (non) risolversi questa vicenda se davvero - ma così non è, come abbiamo già avuto modo di spiegare - questa riforma portasse tutte le competenze sanitarie in capo allo Stato e a una sola camera legislativa.

«È scon­tro tota­le fra gover­no e Regio­ne Puglia sul­la boc­cia­tu­ra del­la dero­ga al decre­to mini­ste­ria­le 70 per Taran­to. Il decre­to è quel­lo che pre­ve­de tagli agli ospe­da­li puglie­si tra­dot­ti nel pia­no di rior­di­no di pros­si­ma appro­va­zio­ne. Da mesi si chie­de­va di rispar­mia­re Taran­to dai tagli con­ce­den­do alla cit­tà di spen­de­re 50 milio­ni (già pre­sen­ti nel bilan­cio regio­na­le e non da stan­zia­re ex novo) per assu­me­re 1.800 tra medi­ci e infer­mie­ri e acqui­sta­re mac­chi­na­ri dia­gno­sti­ci, alla luce del­l’e­mer­gen­za sani­ta­ria che col­pi­sce la cit­tà ioni­ca all’om­bra del­l’Il­va. A comin­cia­re dai bam­bi­ni».

Le paro­le che descri­vo­no quan­to suc­ces­so nel­le scor­se ore alla Came­ra non sono nostre, ma sono di Repub­bli­ca. Ora la leg­ge arri­ve­rà al Sena­to, dove (per col­pa del bica­me­ra­li­smo per­fet­to!) si potrà rimet­te­re mano al dispo­si­ti­vo, ripor­tan­do­lo sui bina­ri che già era­no sta­ti indi­vi­dua­ti di inte­sa tra Sta­to e Regio­ne. Anche il sot­to­se­gre­ta­rio alla pre­si­den­za del con­si­glio, Clau­dio De Vin­cen­ti, è inter­ve­nu­to sul­la vicen­da, cer­can­do di pla­ca­re gli ani­mi e con­fer­man­do che «il pas­sag­gio del­la leg­ge di bilan­cio al Sena­to» per­met­te­rà di «appro­fon­di­re ulte­rior­men­te le moda­li­tà per far fron­te alle cri­ti­ci­tà del­la sani­tà taran­ti­na».

Sen­za voler trar­re con­clu­sio­ni e dare giu­di­zi, rile­via­mo che alle vol­te il bica­me­ra­li­smo per­fet­to ser­ve, e ser­ve per rime­dia­re a erro­ri, dimen­ti­can­ze, omis­sio­ni (non volu­te, ma spes­so volu­te) com­piu­te dal­la clas­se poli­ti­ca. Il bica­me­ra­li­smo per­fet­to, in que­sto caso, agi­sce da vera e pro­pria assi­cu­ra­zio­ne isti­tu­zio­na­le, supe­rio­re per defi­ni­zio­ne alle man­che­vo­lez­ze e alle bas­sez­ze del­la poli­ti­ca e dei par­ti­ti. E pen­sa­te come avreb­be potu­to (non) risol­ver­si que­sta vicen­da se dav­ve­ro — ma così non è, come abbia­mo già avu­to modo di spie­ga­re — que­sta rifor­ma por­tas­se tut­te le com­pe­ten­ze sani­ta­rie in capo allo Sta­to e a una sola came­ra legislativa.

Se ne discu­te­rà nuo­va­men­te al Sena­to, per­ciò, ma solo a par­ti­re dal 12 dicem­bre, quan­do potrem­mo tro­var­ci di fron­te a uno sce­na­rio poli­ti­co e, poten­zial­men­te, anche isti­tu­zio­na­le total­men­te differente.

Quan­do si cam­bia la Costi­tu­zio­ne biso­gna fare le cose bene, valu­tan­do tut­ti gli sce­na­ri, anche e soprat­tut­to gli sce­na­ri peggiori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.