Contro cattivisti e ipocriti: proposte serie sul tema dell’immigrazione

Il comune denominatore della destra razzista e sovranista, del neocentrismo renzianminnitorlandiano e del populismo grillino è l'opportunismo nel cercare di trarre vantaggio elettorale dalla strumentalizzazione bieca di una questione serissima.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il Messaggero.it nell’edizione di ieri, 5 gen­na­io 2018, rac­con­ta­va i risul­ta­ti di un son­dag­gio SWG secon­do il qua­le l’Italia si spo­sta più a destra, crol­la­no i pro­gres­si­sti e cre­sce il fron­te anti-migran­ti. SWG eti­chet­ta il fron­te anti migran­ti “Pri­ma gli ita­lia­ni” come “nuo­va for­te e mar­can­te iden­ti­tà poli­ti­ca” e lo misu­ra con un fra­go­ro­so 16%.

Il poli­ti­co cini­co e oppor­tu­ni­sta fareb­be subi­to una con­si­de­ra­zio­ne: visto che gli ita­lia­ni sono sem­pre più osti­li nei con­fron­ti dei migran­ti, vuol dire che sia­mo sul­la stra­da giu­sta, dob­bia­mo con­ti­nua­re a liscia­re il pelo a que­sto sen­ti­men­to sem­pre più dif­fu­so e cer­ca­re di trar­ne van­tag­gio elettorale.

Il poli­ti­co ipo­cri­ta e oppor­tu­ni­sta fareb­be subi­to un’altra con­si­de­ra­zio­ne: dob­bia­mo dare l’idea che anche noi con­tra­stia­mo la pre­sen­za di trop­pi immi­gra­ti nel nostro pae­se, ma con uno sti­le meno sbra­ca­to, appa­ren­te­men­te non raz­zi­sta e più poli­ti­cal­ly cor­rect, in modo da trar­ne van­tag­gio elettorale.

Il comu­ne deno­mi­na­to­re del­la destra raz­zi­sta e sovra­ni­sta, del neo­cen­tri­smo ren­zian­min­ni­tor­lan­dia­no e del popu­li­smo gril­li­no è l’op­por­tu­ni­smo nel cer­ca­re di trar­re van­tag­gio elet­to­ra­le dal­la stru­men­ta­liz­za­zio­ne bie­ca di una que­stio­ne seris­si­ma.

In que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le, tut­ta­via, chi ha avve­le­na­to l’ac­qua dei poz­zi non se ne potrà abbe­ve­ra­re sen­za pagar­ne le conseguenze.

Alla destra ricor­de­re­mo che essa è l’au­tri­ce del­la legi­sla­zio­ne vigen­te, la Bos­si-Fini del­la irre­go­la­ri­tà costrui­ta a tavo­li­no, del­le sana­to­rie ex post e del rea­to di clan­de­sti­ni­tà giu­di­ca­to inu­ti­le e dan­no­so dal­la stes­sa magi­stra­tu­ra: una legi­sla­zio­ne che ren­de il pro­ces­so migra­to­rio un per­cor­so a osta­co­li, peri­co­lo­so, insi­cu­ro, poco tra­spa­ren­te, lucro­sis­si­mo per mafie e traf­fi­can­ti di esse­ri umani.

Al PD ricor­de­re­mo che ave­re con­sa­cra­to il peg­gio­re dei bino­mi (immigrazione&sicurezza) con i decre­ti gemel­li Min­ni­ti-Orlan­do su immi­gra­zio­ne e sicu­rez­za urba­na ha signi­fi­ca­to estre­miz­za­re ulte­rior­men­te la ratio cri­mi­na­liz­za­tri­ce del­la Bos­si-Fini, arri­van­do dove nem­me­no Ber­lu­sco­ni ave­va osa­to spin­ger­si e supe­ran­do­lo a destra.

Ma la pars con­struens, per chi ha il corag­gio di supe­ra­re quel como­dis­si­mo comu­ne deno­mi­na­to­re del van­tag­gio elet­to­ra­le pret à por­ter, è assai più avvin­cen­te per­ché si trat­ta di una vera, seria, uti­le, costru­zio­ne cul­tu­ra­le e poli­ti­ca su un tema, quel­lo del gover­no dei pro­ces­si migra­to­ri, che tra­sver­sal­men­te toc­ca tut­ti gli ambi­ti del­la nostra vita quo­ti­dia­na, pre­sen­te e futu­ra. Tan­to del­la cat­ti­va gestio­ne del feno­me­no è dovu­to all’ap­proc­cio elet­to­ra­li­sti­co, emer­gen­zia­le, orfa­no di una let­tu­ra rigo­ro­sa dei dati e dei pro­ces­si, pri­vo di una visio­ne lun­ga e siste­mi­ca. Par­la­re del­le migra­zio­ni signi­fi­ca par­la­re di noi, non di altri o di altro.

Demo­gra­fia: sen­za il tas­so di nata­li­tà dei cit­ta­di­ni di ori­gi­ne stra­nie­ra e sen­za i nuo­vi cit­ta­di­ni ita­lia­ni (200.000 all’an­no), il vec­chio con­ti­nen­te sareb­be già decre­pi­to e l’I­ta­lia, che ha un sal­do natu­ra­le (meno 140.000 cit­ta­di­ni all’an­no) strut­tu­ral­men­te nega­ti­vo, desti­na­ta all’estinzione.

Pen­sio­ni: il get­ti­to con­tri­bu­ti­vo dei lavo­ra­to­ri immi­gra­ti è di cir­ca 8,9 miliar­di di euro e ciò che essi rice­vo­no in trat­ta­men­ti pen­sio­ni­sti­ci è pari a 3 miliar­di, con un sal­do net­to a favo­re del­l’INPS di 5 miliardi.

Pres­sio­ne fisca­le: i lavo­ra­to­ri stra­nie­ri paga­no 7,6 miliar­di di euro di tas­se, che som­ma­ti al get­ti­to con­tri­bu­ti­vo dan­no entra­te pari a 16,5 miliar­di di euro, a fron­te di usci­te (per sani­tà, ser­vi­zi socia­li, allog­gi, istru­zio­ne ecc.) pari a 12,6 miliar­di, con un gua­da­gno per l’I­ta­lia di oltre 3 miliar­di di euro.

Scuo­la pub­bli­ca: un esem­pio per tut­ti, nel­l’i­so­la ita­lia­na di Ven­to­te­ne la scuo­la dedi­ca­ta ad Altie­ro Spi­nel­li sareb­be desti­na­ta alla chiu­su­ra se non arri­vas­se­ro alcu­ni bam­bi­ni di ori­gi­ne stra­nie­ra a for­ma­re il nume­ro mini­mo per man­te­ne­re una classe.

Ecco allo­ra che il discor­so poli­ti­co ha l’oc­ca­sio­ne di ele­var­si, di toglier­si di dos­so il fan­go del­la lot­ta cor­po a cor­po tipi­ca del­la fase elet­to­ra­le per dive­ni­re final­men­te adul­to: per­ché l’ap­pros­si­ma­zio­ne, il proi­bi­zio­ni­smo nor­ma­ti­vo e l’e­mer­gen­za in mate­ria migra­to­ria han­no già cau­sa­to trop­pi dan­ni, soprat­tut­to alle clas­si socia­li più fra­gi­li ed esposte.

Appli­can­do intel­li­gen­za e prag­ma­ti­smo, dob­bia­mo riscri­ve­re dac­ca­po il Testo Uni­co sull’immigrazione, intro­du­cen­do il visto per ricer­ca lavo­ro, la libe­ra con­ver­ti­bi­li­tà dei per­mes­si di sog­gior­no, un mec­ca­ni­smo di rego­la­riz­za­zio­ne per­ma­nen­te, tra­sfor­man­do l’UNAR in una vera e pro­pria agen­zia con­tro le discri­mi­na­zio­ni, auto­no­ma dal pote­re ese­cu­ti­vo, favo­ren­do i ricon­giun­gi­men­ti fami­lia­ri (poten­tis­si­mo fat­to­re di sta­bi­li­tà) e poten­zian­do la pro­te­zio­ne di mino­ri e vit­ti­me di trat­ta e gra­ve sfruttamento.

C’è un pro­get­to di rifor­ma orga­ni­ca del Testo Uni­co sull’Immigrazione (A.C. 4551) già depo­si­ta­to alla Came­ra in que­sta legi­sla­tu­ra, frut­to del lavo­ro di 1 anno insie­me ai mas­si­mi esper­ti in mate­ria, che può costi­tui­re una base pro­gram­ma­ti­ca cul­tu­ral­men­te adul­ta e poli­ti­ca­men­te for­te.
È anche per cer­ca­re di costrui­re solu­zio­ni con­cre­te a que­sta sfi­da epo­ca­le che è nata Libe­ri e Uguali.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?