Il linguaggio e la parità salariale: le nostre proposte

Certo che bisogna occuparsi della parità salariale, ma senza cadere nell’errore di pensare che le questioni non siano strettamente legate e non vedere che impegnarsi per l’una, rende più forte anche l’altra battaglia

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Raf­fae­le Simo­ne in un arti­co­lo pub­bli­ca­to sull’Espresso e inti­to­la­to: “Ma la bat­ta­glia sul gene­re del­le paro­le ha dav­ve­ro sen­so?” ripor­ta l’ac­ce­so dibat­ti­to che da tem­po si è sca­te­na­to in Fran­cia con­tro gli ste­reo­ti­pi ses­si­sti di una lin­gua decli­na­ta in lar­ga par­te al maschi­le, in par­ti­co­la­re per quan­to riguar­da i nomi che fan­no rife­ri­men­to a fun­zio­ni, pro­fes­sio­ni e titoli.

In Ita­lia la bat­ta­glia vie­ne por­ta­ta avan­ti da tan­te don­ne e dai movi­men­ti fem­mi­ni­sti e ha il suo vol­to isti­tu­zio­na­le più noto in Lau­ra Bol­dri­ni, che è sta­ta spes­so ber­sa­glio di cri­ti­che e accu­sa­ta di per­se­gui­re una bat­ta­glia resi­dua­le e secon­da­ria rispet­to ad altre ben più impor­tan­ti e urgen­ti in tema di uguaglianza.

Lo stes­so Simo­ne sem­bra giun­ge­re alla stes­sa con­clu­sio­ne, chio­san­do: ”L’accademica di Fran­cia Flo­ren­ce Délay for­se dice il giu­sto quan­do osser­va che «pri­ma che pareg­gia­re la lin­gua, sareb­be bene uni­for­ma­re i sala­ri»”.

In real­tà sareb­be da osser­va­re come la lin­gua non fac­cia altro che par­lar­ci del­la real­tà che ci cir­con­da, che le paro­le fan­no par­la­re le cose, le situa­zio­ni e, appun­to, le disparità.

Che se il mon­do del­le pro­fes­sio­ni o del­le isti­tu­zio­ni è decli­na­to al maschi­le è per­ché in lar­ga par­te sono anco­ra mon­di ad appan­nag­gio qua­si esclu­si­va­men­te degli uomi­ni.

Quin­di cer­to che biso­gna occu­par­si del­la pari­tà sala­ria­le, ma sen­za cade­re nell’errore di pen­sa­re che le que­stio­ni non sia­no stret­ta­men­te lega­te e non vede­re che impe­gnar­si per l’una, ren­de più for­te anche l’altra battaglia.

Ad ogni modo è moti­vo di orgo­glio per noi vede­re che que­sto 2018 sia ini­zia­to all’insegna del dibat­ti­to sul­la pari­tà sala­ria­le. Insie­me a Pip­po Civa­ti ci bat­tia­mo da anni affin­ché que­sto tema entri nel dibat­ti­to nazio­na­le. Nel­la legi­sla­tu­ra appe­na con­clu­sa, abbia­mo depo­si­ta­to due pro­po­ste di leg­ge, che pun­ta­no a que­sto obiettivo.

Il diva­rio retri­bu­ti­vo è un feno­me­no com­ples­so e dif­fu­so, secon­do gli ulti­mi dati del World Eco­no­mic Forum l’Italia è al 90esimo posto come par­te­ci­pa­zio­ne alla for­za lavo­ro e al 103esimo posto per sala­rio per­ce­pi­to. A pari­tà di man­sio­ni gli uomi­ni gua­da­gna­no di più del­le don­ne mol­to più di quan­to non avven­ga in altri pae­si, in pale­se vio­la­zio­ne dell’articolo 37 del­la Costi­tu­zio­ne che pre­ve­de che la don­na lavo­ra­tri­ce abbia gli stes­si dirit­ti e, a pari­tà di lavo­ro, la stes­sa retri­bu­zio­ne, che spet­ta­no al lavoratore.

Al fine di garan­ti­re tale prin­ci­pio le misu­re da met­te­re in atto sareb­be­ro mol­te, inter­ve­nen­do su san­zio­ni e incen­ti­va­zio­ni, ma per intra­pren­de­re tale stra­da in modo velo­ce e rela­ti­va­men­te sem­pli­ce si potreb­be ini­zia­re a inci­de­re sul tema del­la tra­spa­ren­za.

La pri­ma del­le nostre pro­po­ste, infat­ti, depo­si­ta­ta già nel­la pri­ma­ve­ra del 2015, chie­de di inter­ve­ni­re affin­ché le impre­se e le orga­niz­za­zio­ni sia­no tenu­te a garan­ti­re la tra­spa­ren­za e la pub­bli­ci­tà del­la com­po­si­zio­ne e del­la strut­tu­ra sala­ria­le del­la remu­ne­ra­zio­ne dei pro­pri dipen­den­ti, garan­ten­do la riser­va­tez­za dei dati per­so­na­li, ma comu­ni­can­do con chia­rez­za esclu­si­va­men­te l’appartenenza di gene­re e la com­po­si­zio­ne sala­ria­le. In que­sto modo di ogni azien­da si può facil­men­te cono­sce­re quan­ti uomi­ni e don­ne sia­no assun­ti e qua­le sia il loro livel­lo di retri­bu­zio­ne.

La secon­da pro­po­sta di leg­ge inve­ce pre­ve­de che lo Sta­to diven­ti il pri­mo testi­mo­ne nel­la bat­ta­glia con­tro il diva­rio sala­ria­le. Pro­po­nia­mo infat­ti la modi­fi­ca dell’articolo 80 del codi­ce degli appal­ti, in modo tale da aggiun­ge­re tra le cau­se di esclu­sio­ne dal­la par­te­ci­pa­zio­ne alle gare anche il man­ca­to rispet­to del­la pari­tà sala­ria­le tra lavo­ra­to­ri e lavoratrici.

Si trat­ta di pro­po­ste sem­pli­ci, di faci­le attua­zio­ne, già adot­ta­te con suc­ces­so in altri Pae­si euro­pei, che fareb­be­ro fare un deci­so pas­so avan­ti ver­so la pie­na ugua­glian­za. Come sem­pre le met­tia­mo a dispo­si­zio­ne e ci bat­te­re­mo affin­ché diven­ti­no tra i pri­mi obiet­ti­vi da rea­liz­za­re nel­la pros­si­ma legislatura. 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.