Con Liberi e Uguali un programma credibile e radicale nelle proposte

Linee programmatiche che guideranno la nostra campagna elettorale, che ci candidiamo a rappresentare, che sono il nostro impegno per cambiare il paese.
#

Un nuovo percorso che si fonda su un programma condiviso, «in un’Italia  – come ha detto Rossella Muroni nella sua relazione introduttiva – in cui nessuno più scrive programmi politici e in cui le promesse elettorali sono state puntualmente tradite». Come sosteniamo da tempo, «un programma di governo credibile, attento ai conti e ​radicale nelle proposte». Dalla sua fondazione Possibile lavora esattamente con questo orizzonte, l’orizzonte dell’uguaglianza che abbiamo nel nostro simbolo, che oggi vediamo realizzato anche grazie a un contributo decisivo del Manifesto: era precisamente quanto auspicavamo sin dall’inizio.

Molte delle nostre proposte hanno trovato spazio e centralità nella relazione di Rossella Muroni, a partire dalla scelta di un chiaro investimento nella scuola e nella ricerca («la prima cosa», anche nella proposta di Liberi e Uguali) e di un progetto di conversione ecologica dell’economia che sia la chiave di volta non solo per la sostenibilità ambientale, ma anche per la crescita economica: «un piano clima ed energia che porti nel 2030 a un paese Carbon-free», perché «così si fermano le guerre del petrolio».

Uno (e uno solo) contratto a tutele crescenti, veri, che porti a piene tutele per le quali il «recesso potrà avvenire solo in caso di giusta causa e giustificato motivo, con l’applicazione delle tutele piene in caso di licenziamento illegittimo».

Un welfare per tutte e tutti, in cui «il reddito di inclusione deve diventare uno strumento reale e concreto, universale, di contrasto alla povertà assoluta e che supplisca alla discontinuità lavorativa​».

Un sistema fiscale che premi il lavoro attraverso il principio costituzionale della progressività, «che chieda un contributo più elevato alle persone con più redditi e patrimoni (il contrario dell’imposta piatta, flat tax), per una riforma delle aliquote Irpef che vada a beneficio di chi guadagna fino a 35mila euro all’anno».

Un’uguaglianza nei diritti, in cui «il matrimonio deve essere un istituto unico, accessibile a tutte e tutti con il pieno ed eguale riconoscimento di tutti i legami affettivi, compresi quelli delle coppie LGBT, una parità dei diritti anche sul piano della genitorialità».

Sulle migrazioni e l’accoglienza non avremmo potuto utilizzare parole migliori: «dobbiamo gestire le migrazioni con razionalità, abolendo la Bossi-Fini, introducendo un permesso di ricerca lavoro e meccanismi di ingresso regolari, promuovendo la nascita di un unico sistema di asilo europeo che superi il criterio del paese di primo accesso e che comprenda canali umanitari e missioni di salvataggio». Abbiamo infine apprezzato le parole spese da Muroni a difesa dell’operato delle Ong.

Un programma europeista, che miri al traguardo di un’Unione pienamente democratica.

Linee programmatiche che guideranno la nostra campagna elettorale, che ci candidiamo a rappresentare, che sono il nostro impegno per cambiare il paese.

  • 1.5K
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati