Cas dopo Cas: un’indagine a tutto campo sull’accoglienza che guarda solo e soltanto ai soldi

Ci impegniamo a contrastare chi ha fatto di questa partita, così delicata e critica, un'occasione per fare soldi, soldi, soldi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Dopo ave­re ascol­ta­to i ragaz­zi ospi­ta­ti dal Cas di Roc­ca­sec­ca, pro­vin­cia di Fro­si­no­ne, e aver pre­so appun­ti simi­li in tut­ta Ita­lia, rispet­to a con­di­zio­ni inde­cen­ti di ospi­ta­li­tà dei richie­den­ti asi­lo, di sol­di spe­si male, di ambien­ti insa­lu­bri, del­la tota­le assen­za di ren­di­con­ta­zio­ne, di per­cor­si di inte­gra­zio­ne nem­me­no imma­gi­na­ti, ho deci­so di pro­muo­ve­re un’in­da­gi­ne a tut­to cam­po nei cen­tri di acco­glien­za straor­di­na­ri che pul­lu­la­no in ogni loca­li­tà italiana.

Un lavo­ro già avvia­to da tem­po con Ste­fa­no Cato­ne (nel suo “Nes­sun pae­se è un’i­so­la”) a cui dedi­che­re­mo risor­se e ener­gie, in atte­sa che il mini­stro Min­ni­ti si deci­da a ren­de­re pub­bli­ci i dati che sono spa­ri­ti dal sito del Vimi­na­le. Quei dati ce li andre­mo a pren­de­re, Cas dopo Cas, sto­ria dopo storia.

Sarà un lavo­ro di denun­cia selet­ti­vo, per­ché voglia­mo anche dimo­stra­re che l’ac­co­glien­za si può fare bene e in modo rigo­ro­so. Ma con la stes­sa vee­men­za con cui ci oppo­nia­mo al raz­zi­smo di tre quar­ti del mon­do poli­ti­co, ci impe­gnia­mo a con­tra­sta­re chi ha fat­to di que­sta par­ti­ta, così deli­ca­ta e cri­ti­ca, un’oc­ca­sio­ne per fare sol­di, sol­di, sol­di.

Chi vuo­le par­te­ci­pa­re, chi ha una sto­ria da rac­con­ta­re, può scri­ve­re a [email protected][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.