«Le donne stanno parlando oggi perché, in questa nuova era, finalmente possiamo farlo»: la testimonianza di Salma Hayek per il NY Times

Salma Hayek ha scritto al New York Times la propria esperienza con Weinstein ma la sua lettera non è solo l'ennesima denuncia su un sistema da scardinare (in tutti i settori, in tutti i Paesi) ma soprattutto è la risposta a molte delle domande strumentali

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sal­ma Hayek ha scrit­to al New York Times la pro­pria espe­rien­za con Wein­stein ma la sua let­te­ra non è solo l’en­ne­si­ma denun­cia su un siste­ma da scar­di­na­re (in tut­ti i set­to­ri, in tut­ti i Pae­si) ma soprat­tut­to è la rispo­sta a mol­te del­le doman­de stru­men­ta­li che in que­ste set­ti­ma­ne abbia­mo dovu­to leg­ge­re sul­la stam­pa ita­lia­na. Per que­sto la ripor­tia­mo integralmente:

HARVEY WEINSTEIN era un appas­sio­na­to cine­fi­lo, un uomo capa­ce di assu­mer­si dei rischi, un mece­na­te di talen­ti cine­ma­to­gra­fi­ci, un padre amo­re­vo­le e un mostro.

Per anni, è sta­to il mio mostro.

Que­sto autun­no, sono sta­ta avvi­ci­na­ta da dei gior­na­li­sti, attra­ver­so diver­si cana­li, com­pre­sa la mia cara ami­ca Ashley Judd, per­ché rac­con­tas­si un epi­so­dio del­la mia vita che, ben­ché sia sta­to dolo­ro­so, pen­sa­vo di aver supe­ra­to. Mi ero fat­ta da sola il lavag­gio del cer­vel­lo al pun­to di con­vin­cer­mi che fos­se pas­sa­ta e che fos­si soprav­vis­su­ta; ho sfug­gi­to la respon­sa­bi­li­tà di par­lar­ne con la scu­sa che c’erano già abba­stan­za per­so­ne inten­te a get­ta­re luce sul mio mostro. Non pen­sa­vo che la mia voce fos­se impor­tan­te, né che avreb­be fat­to qual­che differenza.

In real­tà, quel­lo che sta­vo facen­do era cer­ca­re di rispar­miar­mi la sfi­da di spie­ga­re alcu­ne cose ai miei cari: per­ché, quan­do ho occa­sio­nal­men­te det­to di esse­re sta­ta bul­liz­za­ta, come mol­ti altri, da Har­vey, ho omes­so alcu­ni det­ta­gli. E per­ché, per così tan­ti anni, sia­mo sta­ti in buo­ni rap­por­ti con un uomo che mi ave­va feri­ta così pro­fon­da­men­te. Ero sta­ta orgo­glio­sa del­la mia capa­ci­tà di per­do­na­re, ma il sem­pli­ce fat­to che mi ver­go­gnas­si di descri­ve­re i det­ta­gli di ciò che ave­vo per­do­na­to mi ha fat­to dubi­ta­re che quel capi­to­lo del­la mia vita fos­se vera­men­te risol­to.

Quan­do così tan­te don­ne si sono fat­te avan­ti per descri­ve­re quel­lo che Har­vey ave­va fat­to loro, ho dovu­to affron­ta­re la mia codar­dia e accet­ta­re con umil­tà che la mia sto­ria, per quan­to impor­tan­te per me, non era che una goc­cia in un ocea­no di dolo­re e con­fu­sio­ne. Ho sen­ti­to che a quel pun­to a nes­su­no sareb­be impor­ta­to del mio dolo­re — for­se era un effet­to di tut­te le vol­te che mi è sta­to det­to, in par­ti­co­lar modo da Har­vey, che non ero nes­su­no.

Stia­mo final­men­te diven­tan­do con­sa­pe­vo­li di un vizio che è sta­to social­men­te accet­ta­to e ha insul­ta­to e umi­lia­to milio­ni di ragaz­ze come me, per­ché in ogni don­na c’è una ragaz­za. Sono ispi­ra­ta da colo­ro che han­no avu­to il corag­gio di denun­cia­re, in par­ti­co­lar modo in una socie­tà che ha elet­to un Pre­si­den­te che è sta­to accu­sa­to di mole­stie ses­sua­li e aggres­sio­ne da doz­zi­ne di don­ne e che tut­ti abbia­mo sen­ti­to affer­ma­re che un uomo di pote­re può fare ciò che vuo­le alle donne.

Bene, non più.

Nei quat­tor­di­ci anni in cui sono pas­sa­ta fati­co­sa­men­te da stu­den­tes­sa a star del­le soap ope­ra mes­si­ca­ne a extra in alcu­ni film ame­ri­ca­ni, ad ave­re un paio di col­pi for­tu­na­ti in “Despe­ra­do” e “Fool Rush in”, Har­vey Wein­stein era diven­ta­to il mago del­la nuo­va onda­ta di cine­ma che ha por­ta­to dei con­te­nu­ti ori­gi­na­li al gran­de pub­bli­co. Nel­lo stes­so tem­po, era inim­ma­gi­na­bi­le che un’attrice mes­si­ca­na potes­se aspi­ra­re a un posto a Hol­ly­wood. E anche se ave­vo dimo­stra­to che sba­glia­va­no, non ero anco­ra nessuno.

Una del­le for­ze che mi han­no dato la deter­mi­na­zio­ne di inse­gui­re la mia car­rie­ra era la sto­ria di Fri­da Kahlo, che nel­l’e­tà dell’oro dei pit­to­ri mura­li mes­si­ca­ni face­va dei pic­co­li qua­dri inti­mi­sti­ci che tut­ti guar­da­va­no dall’alto in bas­so. Ha avu­to il corag­gio di espri­me­re se stes­sa igno­ran­do lo scet­ti­ci­smo. La mia più gran­de ambi­zio­ne era quel­la di rac­con­ta­re la sua sto­ria. Diven­ne la mia mis­sio­ne, rac­con­ta­re la vita di que­sta arti­sta straor­di­na­ria e mostra­re il mio nati­vo Mes­si­co in una luce che com­bat­tes­se gli stereotipi.

L’impero di Wein­stein, che era allo­ra la Mira­max, era diven­ta­to sino­ni­mo di qua­li­tà, raf­fi­na­tez­za e auda­cia — una casa per arti­sti com­ples­si e non con­for­mi­sti. Era tut­to ciò che Fri­da era ai miei occhi e tut­to ciò che aspi­ra­vo ad essere.

Ave­vo ini­zia­to un per­cor­so per pro­dur­re il film con un’altra com­pa­gnia, ma lot­tai per ria­ver­lo indie­tro e por­tar­lo da Harvey.

Lo cono­sce­vo un po’ tra­mi­te il mio rap­por­to con il regi­sta Robert Rodri­guez e la pro­dut­tri­ce Eli­za­beth Avel­lan, che era allo­ra sua moglie, con cui ave­vo fat­to diver­si film e che mi ave­va pre­so sot­to la sua ala. Tut­to quel­lo che sape­vo di Har­vey a quel tem­po era che ave­va un’intelligenza degna di nota, che era un ami­co lea­le e un padre di famiglia.

Sapen­do quel­lo che so ora, mi chie­do se non sia sta­ta la mia ami­ci­zia con loro — e con Quen­tin Taran­ti­no e Geor­ge Cloo­ney — a sal­var­mi dal­lo stu­pro.

L’accordo ini­zia­le era che Har­vey avreb­be paga­to per i dirit­ti del lavo­ro che io ave­vo già svi­lup­pa­to. Come attri­ce, sarei sta­ta paga­ta il mini­mo pre­vi­sto dal­la Screen Actors Guild più il 10%. Come pro­dut­tri­ce, avrei rice­vu­to un rico­no­sci­men­to anco­ra non defi­ni­to, ma nien­te remu­ne­ra­zio­ne, cosa che non era rara per una pro­dut­tri­ce don­na negli anni ‘90. Ha anche richie­sto che fir­mas­si un accor­do per gira­re diver­si altri film con la Mira­max, cosa che pen­sa­vo avreb­be con­so­li­da­to il mio sta­tus di attri­ce principale.

Non mi impor­ta­va del dena­ro; ero così entu­sia­sta di lavo­ra­re con lui e con quel­la com­pa­gnia. Nel­la mia inge­nui­tà, pen­sa­vo che il mio sogno si fos­se avve­ra­to. Har­vey ave­va dato un sen­so agli ulti­mi quat­tor­di­ci anni del­la mia vita. Ave­va dato una pos­si­bi­li­tà a me — che non ero nes­su­no. Ave­va det­to sì.

Non sape­vo che sareb­be venu­to il mio tur­no di dire no.

No ad aprir­gli la por­ta a tut­te le ore del­la not­te, alber­go dopo alber­go, loca­tion dopo loca­tion, in cui lui si pre­sen­ta­va sen­za pre­av­vi­so, com­pre­sa una loca­tion in cui sta­vo giran­do un film in cui non era nem­me­no coinvolto.

No a far­mi la doc­cia con lui.

No a lascia­re che guar­das­se men­tre mi face­vo la doc­cia.

No a lascia­re che mi faces­se un mas­sag­gio.

No a lascia­re che un suo ami­co nudo mi faces­se un massaggio.

No a lascia­re che mi pra­ti­cas­se del ses­so ora­le.

No a spo­gliar­mi con un’altra don­na.

No, no, no, no, no …

E con ogni rifiu­to arri­va­va la rab­bia machia­vel­li­ca di Harvey.

Non cre­do che ci fos­se qual­co­sa che odias­se di più del­la paro­la “no”. L’assurdità del­le sue pre­te­se anda­va da una furio­sa tele­fo­na­ta nel cuo­re del­la not­te per chie­der­mi di licen­zia­re il mio agen­te per una dispu­ta che sta­va aven­do con lui per un altro film con un altro clien­te, al tra­sci­nar­mi fisi­ca­men­te via dal gala di aper­tu­ra del Festi­val di Vene­zia, che era in ono­re di “Fri­da”, per far­mi par­te­ci­pa­re alla sua festa pri­va­ta con lui e alcu­ne don­ne che cre­de­vo esse­re model­le ma che, come sono venu­ta a sape­re dopo, era­no pro­sti­tu­te di lusso.

Le sue tat­ti­che di con­vin­ci­men­to anda­va­no da esse­re dol­cis­si­mo fino a quel­la vol­ta quan­do, in un attac­co di rab­bia, dis­se le ter­ri­fi­can­ti paro­le: “Ti ucci­de­rò, non pen­sa­re che non pos­sa farlo”.

Quan­do fu infi­ne con­vin­to che non mi sarei gua­da­gna­ta il film nel modo che si aspet­ta­va, mi dis­se che ave­va offer­to il mio ruo­lo e il mio copio­ne con i miei anni di ricer­che a un’altra attri­ce.

Ai suoi occhi, non ero un’artista. Non ero nem­me­no una per­so­na. Ero una cosa: non un cor­po uma­no, ma un cor­po.

A quel pun­to, ho dovu­to ricor­re­re agli avvo­ca­ti, non per per­se­gui­re un caso di mole­stie ses­sua­li, ma soste­nen­do la “mala­fe­de”, visto che ave­vo lavo­ra­to così tan­to a un film che non ave­va inten­zio­ne di fare o di riven­der­mi. Ho cer­ca­to di por­tar­lo via alla sua compagnia.

Lui sosten­ne che la mia repu­ta­zio­ne come attri­ce non fos­se abba­stan­za gran­de e che fos­si un’incompetente come pro­dut­tri­ce, ma per uscir­ne legal­men­te puli­to, da quel­lo che ho capi­to, mi die­de una lista impos­si­bi­le di richie­ste con una bre­ve scadenza:

1. Riscri­ve­re il copio­ne, sen­za ulte­rio­re pagamento.

2. Tro­va­re 10 milio­ni di dol­la­ri per  finan­zia­re il film.

3. Met­te­re sot­to con­trat­to un regi­sta di serie A.

4. Asse­gna­re quat­tro dei ruo­li mino­ri ad atto­ri di fama.

Nel­lo stu­po­re gene­ra­le e anche mio, ho rispet­ta­to i ter­mi­ni, gra­zie a un eser­ci­to di ange­li che sono arri­va­ti in mio soc­cor­so, com­pre­so Edward Nor­ton, che ha mera­vi­glio­sa­men­te riscrit­to il copio­ne diver­se vol­te e non ne ha mai rice­vu­to nes­sun rico­no­sci­men­to, e la mia ami­ca Mar­ga­ret Peren­chio, una pro­dut­tri­ce esor­dien­te, che ha mes­so insie­me il dena­ro. La bril­lan­te Julie Tay­mor che ha accet­ta­to di diri­ger­lo, e da allo­ra è diven­ta­ta la mia roc­cia. Per gli altri ruo­li, ho ingag­gia­to i miei ami­ci Anto­nio Ban­de­ras, Edward Nor­ton e la mia ado­ra­ta Ashley Judd. Ad oggi, non so come ho con­vin­to Geof­frey Rush, che all’epoca cono­sce­vo appena.

Ora Har­vey Wein­stein non era solo sta­to respin­to, ma dove­va anche fare un film che non vole­va fare.

Iro­ni­ca­men­te, una vol­ta ini­zia­te le ripre­se, le mole­stie ses­sua­li ces­sa­ro­no ma la rab­bia creb­be. Paga­va­mo il prez­zo di aver­lo affron­ta­to pra­ti­ca­men­te ogni gior­no di ripre­se. Una vol­ta, in un’intervista dis­se che io e Julie era­va­mo le più gran­di rom­pi­pal­le che aves­se mai incon­tra­to, cosa che pren­dem­mo come un complimento.

A metà del­le ripre­se, Har­vey si pre­sen­tò sul set e si lamen­tò del mono­ci­glio di Fri­da. Insi­ste­va che eli­mi­nas­si la zop­pia e cri­ti­cò la mia inter­pre­ta­zio­ne. Quin­di chie­se a tut­ti nel­la stan­za di usci­re, tran­ne a me. Mi dis­se che l’unica cosa che ave­vo di buo­no era il mio sex appeal e che non ne sta­vo met­ten­do nel film. Quin­di mi dis­se che avreb­be sospe­so la pro­du­zio­ne per­ché nes­su­no avreb­be volu­to veder­mi in quel ruo­lo.

Fu ter­ri­bi­le per­ché, lo con­fes­so, immer­sa nel­la neb­bia di una sor­ta di Sin­dro­me di Stoc­col­ma, vole­vo che mi vedes­se come arti­sta: non solo una bra­va attri­ce, ma anche qual­cu­no che potes­se incar­na­re una sto­ria affa­sci­nan­te e aves­se la visio­ne di rac­con­tar­la in modo originale.

Spe­ra­vo mi rico­no­sces­se come pro­dut­tri­ce, che oltre a rispet­ta­re la sua lista di richie­ste ave­va cura­to il copio­ne e otte­nu­to il per­mes­so di usa­re i dipin­ti. Ave­vo nego­zia­to con il gover­no mes­si­ca­no, e con chiun­que era sta­to neces­sa­rio, per otte­ne­re loca­tion che non era­no mai sta­te con­ces­se in pas­sa­to — com­pre­se le case di Fri­da Kahlo e i mura­les del mari­to, Die­go Rive­ra, tra le altre.

Ma tut­to que­sto sem­bra­va non ave­re valo­re. La sola cosa che ave­va nota­to era che nel film non ero sexy. Mi ave­va fat­to dubi­ta­re di me come attri­ce, ma non è mai riu­sci­to a far­mi pen­sa­re che non vales­se la pena di fare di fare il film.

Mi offrì una sola opzio­ne per con­ti­nua­re. Mi avreb­be lascia­to fini­re il film se aves­si accet­ta­to di fare una sce­na di ses­so con un’altra don­na. Pre­te­se la com­ple­ta nudi­tà frontale.

Ave­va con­ti­nua­men­te chie­sto più pel­le, più ses­so. Una vol­ta, Julie Tay­mor lo ave­va con­vin­to ad accon­ten­tar­si di un tan­go che finis­se con un bacio inve­ce che con l’amplesso che vole­va far­ci fil­ma­re tra il per­so­nag­gio di Tina Modot­ti, inter­pre­ta­to da Ashley Judd, e Frida.

Ma que­sta vol­ta, mi era chia­ro che non mi avreb­be mai lascia­to fini­re quel film sen­za ave­re la sua fan­ta­sia, in un modo o nell’altro. Non c’era spa­zio per la negoziazione.

Ho dovu­to dire sì. A quel pun­to, così tan­ti anni del­la mia vita era­no anda­ti in quel film. Era­no cin­que set­ti­ma­ne che sta­va­mo fil­man­do, e io ave­vo con­vin­to così tan­te per­so­ne pie­ne di talen­to a par­te­ci­pa­re. Come pote­vo lascia­re che il loro magni­fi­co lavo­ro venis­se sprecato?

Ave­vo chie­sto così tan­ti favo­ri, che sen­ti­vo un’enorme pres­sio­ne a rispet­ta­re le con­se­gne e un pro­fon­do sen­so di gra­ti­tu­di­ne per tut­ti quel­li che mi ave­va­no cre­du­to e segui­to in que­sta fol­lia. Così accet­tai di fare quel­la sce­na sen­za senso.

Sono arri­va­ta sul set il gior­no in cui avrem­mo gira­to la sce­na che cre­de­vo avreb­be sal­va­to il film. E per la pri­ma e ulti­ma vol­ta nel­la mia car­rie­ra, ho avu­to un crol­lo ner­vo­so: il mio cor­po ha ini­zia­to a tre­ma­re incon­trol­la­bil­men­te, ave­vo il fia­to cor­to e ho ini­zia­to a pian­ge­re e pian­ge­re, inca­pa­ce di smet­te­re, come se stes­si vomi­tan­do lacrime.

Sic­co­me nes­su­no sape­va nul­la del­la situa­zio­ne tra me e Har­vey, furo­no tut­ti mol­to sor­pre­si del fat­to che quel­la mat­ti­na doves­si for­zar­mi a quel modo. Non era per­ché sarei sta­ta nuda con un’altra don­na. Era per­ché sarei sta­ta nuda con lei per Har­vey Wein­stein. Ma allo­ra non glie­lo pote­vo dire.

La mia men­te ave­va capi­to che dove­vo far­lo, ma il mio cor­po non smet­te­va di pian­ge­re e ave­re le con­vul­sio­ni. A quel pun­to, comin­ciai a vomi­ta­re men­tre un inte­ro set para­liz­za­to aspet­ta­va di ini­zia­re a fil­ma­re. Ho dovu­to pren­de­re un tran­quil­lan­te, che alla fine fece smet­te­re il pian­to ma peg­gio­rò i cona­ti di vomi­to. Come pote­te imma­gi­na­re, non era affat­to sexy, ma fu l’unico modo in cui riu­scii a por­ta­re a ter­mi­ne la scena.

Quan­do le ripre­se del film arri­va­ro­no alla fine, ero così emo­ti­va­men­te distrut­ta che dovet­ti pren­de­re le distan­ze duran­te la postproduzione.

Quan­do Har­vey vide il mon­tag­gio del film, dis­se che non era abba­stan­za buo­no per le sale e che lo avreb­be fat­to usci­re diret­ta­men­te in cassetta.

Que­sta vol­ta Julie dovet­te fron­teg­giar­lo sen­za di me e lo con­vin­se a far­lo usci­re in un cine­ma di New York se lo aves­si­mo sot­to­po­sto al test del pub­bli­co, pas­san­do­lo con alme­no un pun­teg­gio di 80.

Meno del 10% dei film rag­giun­ge quel pun­teg­gio alla pri­ma proiezione.

Non andai al test. Aspet­tai ansio­sa­men­te di ave­re noti­zie. Il film tota­liz­zò un pun­teg­gio di 85.

Di nuo­vo, sen­tii la rab­bia di Har­vey. Nel­la gal­le­ria del cine­ma dopo la pro­ie­zio­ne, gri­dò con­tro Julie. Appal­lot­to­lò uno dei car­ton­ci­ni del pun­teg­gio e glie­lo lan­ciò con­tro. Le rim­bal­zò sul naso. Il suo com­pa­gno, il com­po­si­to­re Elliot Gol­den­thal, si intro­mi­se, e Har­vey lo minac­ciò fisicamente.

Una vol­ta che si cal­mò, tro­vai la  for­za di chia­ma­re Har­vey per chie­der­gli di man­da­re il film anche in un cine­ma di Los Ange­les, per un tota­le di due cine­ma. E sen­za gran­de sfor­zo, me lo con­ces­se. Devo dire che a vol­te era gen­ti­le, diver­ten­te e spi­ri­to­so — e que­sto era par­te del pro­ble­ma: non sape­vi mai qua­le Har­vey ti sare­sti tro­va­ta di fronte.

Mesi dopo, nell’ottobre del 2002, que­sto film, sul­la mia eroi­na e la mia ispi­ra­zio­ne — que­sta arti­sta mes­si­ca­na che non era mai sta­ta dav­ve­ro con­si­de­ra­ta in vita, con la sua zop­pia e il suo mono­ci­glio, que­sto film che Har­vey non ave­va mai volu­to fare, gli die­de un suc­ces­so al bot­te­ghi­no che nes­su­no avreb­be potu­to pre­ve­de­re, e nono­stan­te la man­can­za di sup­por­to da par­te sua, aggiun­se sei nomi­na­tion agli Oscar alla sua col­le­zio­ne, com­pre­sa quel­la per Miglio­re Attrice.

Anche se “Fri­da” alla fine gli frut­tò due Oscar, non vidi comun­que alcu­na gio­ia. Non mi offrì mai più un ruo­lo impor­tan­te in un film. Gli altri film che fui obbli­ga­ta a gira­re per via del mio accor­do con la Mira­max era­no tut­ti in ruo­li minori.

Anni dopo, quan­do incap­pai in lui a un even­to, mi pre­se da par­te e mi dis­se che ave­va smes­so di fuma­re e che ave­va avu­to un attac­co di cuo­re. Dis­se che si era inna­mo­ra­to e ave­va spo­sa­to Geor­gi­na Cha­p­man, e che era un uomo diver­so. Per fini­re, mi dis­se: “Hai fat­to un buon lavo­ro con Fri­da; abbia­mo fat­to un buon film”.

Gli cre­det­ti. Har­vey non pote­va sape­re quan­to quel­le paro­le signi­fi­cas­se­ro per me. Non pote­va nem­me­no sape­re quan­to male mi aves­se fat­to. Non ave­vo mai mostra­to ad Har­vey quan­to fos­si ter­ro­riz­za­ta da lui. Quan­do lo vede­vo in pub­bli­co, sor­ri­de­vo e cer­ca­vo di ricor­da­re le cose buo­ne di lui, dicen­do­mi che ero sta­ta in guer­ra e ave­vo vin­to.

Ma per­ché così tan­te di noi, in quan­to arti­ste don­ne, devo­no anda­re in guer­ra per rac­con­ta­re le nostre sto­rie quan­do abbia­mo così tan­to da offri­re? Per­ché dob­bia­mo lot­ta­re con le unghie e con i den­ti per man­te­ne­re la nostra dignità?

Pen­so che sia per­ché noi, in quan­to don­ne, sia­mo sta­te sva­lu­ta­te arti­sti­ca­men­te a livel­li inde­cen­ti, al pun­to che l’industria cine­ma­to­gra­fi­ca ha smes­so di fare lo sfor­zo di capi­re che cosa il pub­bli­co fem­mi­ni­le voglia vede­re e qua­li sto­rie voglia­mo raccontare.

Secon­do uno stu­dio recen­te, tra il 2007 e il 2016, solo il 4% dei regi­sti era­no don­ne e l’80% di loro han­no avu­to la pos­si­bi­li­tà di fare un solo film. Nel 2016 un altro stu­dio ha sco­per­to che solo il 27% del­le paro­le pro­nun­cia­te nei film più impor­tan­ti era pro­nun­cia­to da don­ne. E la gen­te si chie­de per­ché non ave­te ascol­ta­to le nostre voci pri­ma. Pen­so che la sta­ti­sti­ca si spie­ga da sola — le nostre voci non sono benvenute.

Fin­ché non ci sarà pari­tà nel nostro cam­po, con uomi­ni e don­ne che godo­no del­lo stes­so peso in ogni suo aspet­to, la nostra comu­ni­tà con­ti­nue­rà a esse­re ter­re­no fer­ti­le per i predatori.

Sono gra­ta per tut­ti colo­ro che stan­no ascol­tan­do le nostre espe­rien­ze. Spe­ro che aggiun­ge­re la mia voce al coro di colo­ro che stan­no final­men­te denun­cian­do get­ti luce sul per­ché sia così dif­fi­ci­le e sul per­ché mol­te di noi abbia­mo aspet­ta­to così a lun­go. Gli uomi­ni mole­sta­no per­ché pos­so­no far­lo. Le don­ne stan­no par­lan­do oggi per­ché, in que­sta nuo­va era, final­men­te pos­sia­mo farlo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.