Niente “burkini”, ma vendere le armi alla monarchia saudita va bene

Si rischia di fare la figura degli ipocriti, se alla condanna morale non segue l'azione (politica, in questo caso), e la famosa morale viene sacrificata in nome della ragion di Stato e della politica di potenza.

Rispet­to al dibat­ti­to sul cosid­det­to “bur­ki­ni” sca­te­na­to dal­le deci­sio­ni di alcu­ne ammi­ni­stra­zio­ni loca­li fran­ce­si e dal­la dichia­ra­zio­ne di Manuel Valls, segna­lia­mo un edi­to­ria­le di Fami­glia Cri­stia­na, a fir­ma di Ful­vio Sca­glio­ne, che sve­la l’i­po­cri­sia di alcu­ne paro­le. Per­ché si rischia di fare la figu­ra degli ipo­cri­ti, se alla con­dan­na mora­le non segue l’a­zio­ne (poli­ti­ca, in que­sto caso), e la famo­sa mora­le vie­ne sacri­fi­ca­ta in nome del­la ragion di Sta­to e del­la poli­ti­ca di poten­za.

Quel che è peg­gio, però, è che sul­le stes­se posi­zio­ni si è alli­nea­to anche il pre­mier Manuel Valls, che si è lan­cia­to in fra­si impor­tan­ti. “Il bur­ki­ni è incom­pa­ti­bi­le con i valo­ri del­la Fran­cia e del­la Repub­bli­ca, ed è l’espressione di un’ideologia basa­ta sull’asservimento del­la don­na”. For­se il bur­ki­ni è incom­pa­ti­bi­le con la Fran­cia, ma tut­to il resto no. Voglio dire: il bur­ki­ni offen­de la Repub­bli­ca e le don­ne ma ciò che pro­du­ce il bur­ki­ni e, soprat­tut­to, pro­du­ce quel­la visio­ne estre­ma dell’islam, l’asservimento del­le don­ne e mol­te altre cose al pre­mier Valls va beno­ne. Anzi: lui lo ama, lo ritie­ne indispensabile.

Fu pro­prio Valls, qual­che mese fa, a dire che la Fran­cia ha con l’Arabia Sau­di­ta una “rela­zio­ne stra­te­gi­ca”. Quin­di impor­tan­te, anzi irri­nun­cia­bi­le. Eppu­re Valls sa come sono vesti­te le don­ne sau­di­te. Sa che non pos­so­no gui­da­re. Sa che per man­da­re una don­na a cor­re­re alle Olim­pia­di di Rio, anche lei per altro vesti­ta con una sor­ta di bur­ki­ni su cui nes­su­no ha pro­te­sta­to, han­no dovu­to tro­var­ne una che fos­se accom­pa­gna­ta in Bra­si­le da un paren­te maschio e aves­se il per­mes­so di padre e mari­to. Sa anche, Valls, che il waha­bi­smo sau­di­ta è la for­ma più radi­ca­le e con­ser­va­tri­ce di islam oggi pra­ti­ca­ta nel mon­do. E che i waha­bi­ti, usan­do i petro­dol­la­ri, pro­pa­gan­da­no quel­la visio­ne dell’islam in tut­to il mon­do, finan­zian­do scuo­le cora­ni­che radi­ca­li, grup­pi estre­mi­sti­ci, finan­co grup­pi ter­ro­ri­sti. Ma ciò che offen­de e indi­gna Valls è il burkini.

Di più. La fra­se sul­la “rela­zio­ne stra­te­gi­ca” fu pro­nun­cia­ta subi­to dopo che il pre­si­den­te Hol­lan­de ave­va con­ces­so la Legion d’Onore, mas­si­ma ono­re­fi­cen­za fran­ce­se, a Moham­med bin Nayef, prin­ci­pe ere­di­ta­rio del­la monar­chia sau­di­ta e mini­stro degli Inter­ni. In quel momen­to del 2016 , Bin Nayef ave­va già fir­ma­to 70 con­dan­ne a mor­te (una fu ese­gui­ta due gior­ni dopo il riti­ro del­la Legio­ne) e, come mini­stro degli Inter­ni, è respon­sa­bi­le pro­prio di quel siste­ma per­ver­so di leg­gi civi­li e leg­gi reli­gio­se che tie­ne le don­ne sau­di­te nel­lo sta­to in cui sono, qua­si pri­ve di dirit­ti e, ovvia­men­te, obbli­ga­te a indos­sa­re il bur­ki­ni. Ma Valls non era tur­ba­to dal fat­to di ono­ra­re un tale per­so­nag­gio. No, lui si tur­ba per il burkini.

D’altra par­te i poli­ti­ci fran­ce­si sono tipi par­ti­co­la­ri. Nel 2015 per ben tre vol­te i ver­ti­ci del siste­ma poli­ti­co d’Oltralpe si sono reca­ti in Ara­bia Sau­di­ta, il Pae­se dove l’asservimento del­le don­ne è più pale­se, a omag­giar­ne i diri­gen­ti. Due vol­te Hol­lan­de e una lo stes­so Valls il qua­le, il 12 e 13 otto­bre, ha fir­ma­to con­trat­ti per 10 miliar­di di euro. Quei sol­di copri­va­no anche un’abbondante for­ni­tu­ra di armi pro­dot­te in Fran­cia. Il che signi­fi­ca solo una cosa: che per un po’ di dena­ro, il buon Valls e il buon Hol­lan­de anda­va­no a raf­for­za­re il regi­me che da del­la nega­zio­ne del­la lai­ci­tà e dell’asservimento del­le don­ne due capo­sal­di del­la pro­pria visio­ne del mon­do. Per non par­la­re del fat­to che mol­te di quel­le armi saran­no pro­ba­bil­men­te pas­sa­te a grup­pi arma­ti fon­da­men­ta­li­sti, per esem­pio l’Isis. Tut­to que­sto però non è incom­pa­ti­bi­le con i valo­ri del­la Repub­bli­ca fran­ce­se. Tut­to que­sto non scon­vol­ge Valls. A lui lo scon­vol­go­no solo i burkini.

Leg­gi l’in­te­ro arti­co­lo sul sito di Fami­glia Cristiana.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?