Bonus 80 euro, il bersaglio e l’abbaglio

Il Bonus 80 Euro ha fallito in primis perché non è mai stata una misura di giustizia sociale, così come era stata presentata e promossa in ogni dove, a cavallo fra il 2014 e il 2015. Non lo è mai stata perché non un euro è stato erogato ai bisognosi, come si dovrebbe, oppure - se è mai stato erogato - è stato chiesto indietro.

Col­pi­sce che alcu­ni osser­va­to­ri defi­ni­sca­no oggi il Bonus 80 Euro «un po’ roz­zo» poi­ché non sareb­be in gra­do, come stru­men­to com­pen­sa­ti­vo, di «pren­de­re bene la mira» (cfr. Rober­to Petri­ni, La Repub­bli­ca del 3 Marzo).

Tut­to ciò era chia­ro sin dal 2014. La novi­tà di oggi è che il gover­no sem­bra stia stu­dian­do una revi­sio­ne del bonus stes­so per tra­sfor­mar­lo in taglio del cuneo fisca­le ai lavo­ra­to­ri (con una ridu­zio­ne dei con­tri­bu­ti del 3%, pas­san­do da una inci­den­za del 9% del­la retri­bu­zio­ne lor­da, al 6%). Non è affat­to chia­ro come voglia­no agi­re lun­go le clas­si di red­di­to. Baste­reb­be una regres­sio­ne di tipo linea­re del taglio con­tri­bu­ti­vo al cre­sce­re del red­di­to stes­so. Sareb­be però un inter­ven­to cir­co­scrit­to ai lavo­ra­to­ri dipendenti.

Vi abbia­mo spie­ga­to per­ché pre­fe­ria­mo agi­re diret­ta­men­te sul­la strut­tu­ra del­l’im­po­sta (per­ché già oggi l’im­po­sta sul red­di­to è una flat-tax e con­tie­ne alcu­ne ano­ma­lie distor­si­ve del prin­ci­pio del­la pro­gres­si­vi­tà). E per­ché pre­fe­ria­mo inter­ve­ni­re sia dal lato del lavo­ro dipen­den­te, sia da quel­lo indi­pen­den­te (è qual­co­sa che ha a che fare con l’equità).

Il Bonus 80 Euro ha fal­li­to in pri­mis per­ché non è mai sta­ta una misu­ra di giu­sti­zia socia­le, così come era sta­ta pre­sen­ta­ta e pro­mos­sa in ogni dove, a caval­lo fra il 2014 e il 2015. Non lo è mai sta­ta per­ché non un euro è sta­to ero­ga­to ai biso­gno­si, come si dovreb­be, oppu­re — se è mai sta­to ero­ga­to — è sta­to chie­sto indie­tro (è capi­ta­to a cir­ca 2 milio­ni di con­tri­buen­ti nel 2016 e a cir­ca 1,4 nel 2015, dati MEF). La giu­sti­zia socia­le si fa occu­pan­do­si dei 4,5 milio­ni di per­so­ne in con­di­zio­ni di pover­tà asso­lu­ta che però mol­to pro­ba­bil­men­te si col­lo­ca­no nel­la No Tax Area e per­tan­to al di fuo­ri del peri­me­tro del­l’im­po­sta e del bonus. Attri­bui­re que­sta fina­li­tà ad una misu­ra che non era in gra­do di sod­di­sfar­la è sta­to l’er­ro­re prin­ci­pa­le. Non si è sba­glia­to mira. Si è pun­ta­to ad un altro ber­sa­glio.

Ha fal­li­to, in secon­do luo­go, per­ché non è riu­sci­to ad inci­de­re nel­la dina­mi­ca del­la doman­da aggre­ga­ta, la qua­le è cre­sciu­ta in vir­tù del ciclo eco­no­mi­co — lie­ve­men­te — posi­ti­vo (l’in­ver­sio­ne di ten­den­za nel­la spe­sa per con­su­mi, lo abbia­mo già det­to, era avve­nu­ta pri­ma del­l’in­tro­du­zio­ne del­la misu­ra, cfr. Ban­ca d’I­ta­lia 2014), spe­cial­men­te nel secon­do e ter­zo tri­me­stre 2016, lad­do­ve il red­di­to lor­do dispo­ni­bi­le è tor­na­to ai livel­li del 2008 (+1.5%) men­tre il pote­re di acqui­sto del­le fami­glie con­su­ma­tri­ci lati­ta anco­ra a ‑7,3% rispet­to al mede­si­mo perio­do, recu­pe­ran­do solo qual­che pun­to per­cen­tua­le rispet­to ai tem­pi bui del 2014.

Ha fal­li­to, infi­ne, per­ché non tenen­do in alcun con­to il quo­zien­te patri­mo­nia­le e fami­lia­re, è sta­to distri­bui­to a cir­ca il 13% del­le fami­glie del quin­to più bas­so (con un red­di­to equi­va­len­te non supe­rio­re a cir­ca 9.000 euro) per la quo­ta par­te del 10% dell’importo tota­le, men­tre — para­dos­sal­men­te — nel quin­to di red­di­to più alto ne ha bene­fi­cia­to cir­ca il 17% del­le fami­glie, rice­ven­do il 17% del tota­le (Ban­ca d’I­ta­lia 2014).

Come dice­vo, dati non nuo­vi, che avreb­be­ro dovu­to far riflet­te­re il deci­so­re poli­ti­co mol­to tem­po fa. Nel men­tre, dal­l’in­tro­du­zio­ne del­la misu­ra sono pas­sa­ti qua­si tre anni e sono sta­ti spe­si cir­ca 23 miliar­di (6 nel 2014 e 8,6 rispet­ti­va­men­te nel 2015 e 2016).

Que­sti sono gli stru­men­ti roz­zi di una poli­ti­ca roz­za, stru­men­ti che inci­do­no in manie­ra pesan­te sul­la spe­sa pub­bli­ca, sen­za altra fina­li­tà se non quel­la di mostra­re in busta paga il nome del pre­sun­to “bene­fat­to­re”.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.