Bonus 80 euro, l’inganno e l’involuzione

12132013_Money_Shell_Game_original__

«La rivo­lu­zio­ne è appe­na ini­zia­ta, gli 80 euro e l’I­rap sono l’an­ti­pa­sto […] ser­ve man­te­ne­re cre­di­bi­li­tà sui mer­ca­ti. Sarà pos­si­bi­le se resta alta l’at­ten­zio­ne su tut­te le rifor­me. Se ci riu­scia­mo, allo­ra pre­sto potre­mo allar­ga­re il taglio del­le tas­se agli inca­pien­ti, alle par­ti­ta Iva e ai pen­sio­na­ti», Mat­teo Ren­zi, 20 Apri­le 2014 (Ansa.it).

La doman­da non dovreb­be stu­pi­re. Che fine ha fat­to il bonus da 80 euro agli inca­pien­ti? E soprat­tut­to, che effet­to ha avu­to sul­le buste paga e sul­la pro­pen­sio­ne alla spe­sa da par­te dei percettori?

L’ultimo docu­men­to in ordi­ne di tem­po che ten­ta di rispon­de­re al que­si­to, è uno stu­dio effet­tua­to dal­la CISL, secon­do il qua­le le fami­glie ita­lia­ne che bene­fi­cia­no in qual­che modo del bonus da 80 euro ero­ga­to dal gover­no Ren­zi nel 2015 sareb­be­ro 8,2 milio­ni, il 32,5% del tota­le. La valu­ta­zio­ne del­la CISL ha mes­so in evi­den­za uno degli effet­ti distor­si­vi del­lo sgra­vio fisca­le, ovve­ro la pos­si­bi­li­tà che un grup­po fami­lia­re pos­sa pren­de­re più di un asse­gno, essen­do il bonus asse­gna­to individualmente.

Sareb­be­ro infat­ti cir­ca 6,7 milio­ni le fami­glie (82%) in cui vi è un solo per­cet­to­re di bonus, men­tre le fami­glie con due per­cet­to­ri sono ben 1,4 milio­ni; oltre 100 mila, infi­ne, le fami­glie con tre o più per­cet­to­ri. Con­si­de­ra­to che, sem­pre secon­do lo stu­dio CISL, il bonus è costa­to cir­ca 10 miliar­di in un anno (86 euro men­si­li di media, dico­no le sti­me di Ban­ki­ta­lia), l’82% del­le fami­glie (un solo per­cet­to­re) ha inca­me­ra­to appe­na il 68% del­la som­ma com­ples­si­va, il 17% del­le fami­glie (quel­le con due per­cet­to­ri) ha incas­sa­to il 28% e l’1,2% (con 3 o più per­cet­to­ri di bonus) ha inci­so alme­no sul restan­te 3,6% del­la som­ma tota­le. Sen­za que­sta spe­re­qua­zio­ne, attri­buen­do cioè un solo bonus per fami­glia, si sareb­be­ro potu­ti rispar­mia­re 1,7 miliar­di al fine di ero­gar­li in bonus per altre ulte­rio­ri 1,6 milio­ni di fami­glie. Avrem­mo cioè potu­to for­ni­re un cre­di­to anche a chi ha l’imposta azze­ra­ta, a tut­ti quei per­cet­to­ri di red­di­to che sono al di sot­to del­la tax area, agli inca­pien­ti, sti­ma­ti in un milio­ne di fami­glie, secon­do i dati ISTAT del 2014, e inve­ce esclu­si dal prov­ve­di­men­to del governo.

Nell’indagine divul­ga­ta da Ban­ki­ta­lia lo scor­so 3 Dicem­bre (“I bilan­ci del­le fami­glie ita­lia­ne nell’anno 2014”, nume­ro 64) e ripre­sa sta­ma­ne da Il Fat­to Quo­ti­dia­no, si spe­ci­fi­ca che il nume­ro di fami­glie rice­ven­ti il bonus nel 2014 è di 5,4 milio­ni, pari al 21,9% del tota­le e l’assegno men­si­le medio è pari a 86 euro, come altre­sì det­to. La spe­re­qua­zio­ne non è solo fra le fasce di red­di­to, ma anche geo­gra­fi­ca: il Nord è sopra media, con una quo­ta di fami­glie inte­res­sa­te pari al 25,4%; Cen­tro e Sud si fer­ma­no rispet­ti­va­men­te a 19% e 18,5%.

Il gra­fi­co che segue, pub­bli­ca­to da Ban­ki­ta­lia, emer­ge chia­ra­men­te che appe­na il 13% del­le fami­glie con il red­di­to più bas­so (1° quin­to, red­di­to infe­rio­re a 9000 euro) ha bene­fi­cia­to del bonus fisca­le, inci­den­do solo sul 10% dell’importo com­ples­si­vo ero­ga­to. Osser­va­te come la cur­va (esem­pli­fi­ca­ta dal­le bar­re gial­le e da quel­le blu), sia mas­si­ma fra il 3° e 4° quin­to, ove sia la quo­ta di fami­glie rag­giun­te che la quo­ta di bonus ero­ga­to sfio­ra il 30%.

80 euro

La rivo­lu­zio­ne è solo una paro­la, get­ta­ta insie­me ad altre paro­le in un qua­dro pri­vo di un qual­sia­si dise­gno politico.

Una rivo­lu­zio­ne che ha pre­mia­to gli abbien­ti ed ha lascia­to le bri­cio­le ai sen­za red­di­to, ai sen­za tito­lo di stu­dio. Se infat­ti guar­das­si­mo alla distri­bu­zio­ne del bonus rispet­to a quest’ultimo aspet­to, la spe­re­qua­zio­ne è anco­ra più evi­den­te, dal momen­to che spes­so il red­di­to va di pari pas­so con il tito­lo di studio:

Tito­lo di studio Quo­ta di fami­glie beneficiarie
sen­za titolo 2,2
licen­za di scuo­la elementare 4,6
licen­za di scuo­la media 28,1
diplo­ma di scuo­la secon­da­ria superiore 28,7
lau­rea 20,8

 

L’incidenza, nuo­va­men­te, aumen­ta per le clas­si cen­tra­li — licen­za di scuo­la media e di scuo­la secon­da­ria supe­rio­re — e dimi­nui­sce per le clas­si mar­gi­na­li, fino ad esse­re irri­so­ria per i ‘sen­za tito­lo’ di stu­dio: chi è sen­za mez­zi non è con­tem­pla­to dal beneficio.

Una ‘rivo­lu­zio­ne’ che ha pre­mia­to i lavo­ra­to­ri dipen­den­ti, ma ha smar­ri­to sul­la stra­da sia i lavo­ra­to­ri indi­pen­den­ti, sia gli indi­vi­dui in ‘con­di­zio­ne non pro­fes­sio­na­le’, ovve­ro una costel­la­zio­ne com­po­sta da mino­ri di 15 anni, per­so­ne in cer­ca di pri­ma occu­pa­zio­ne, casa­lin­ghe, stu­den­ti, riti­ra­ti dal lavo­ro, inva­li­di al lavo­ro, per i qua­li l’accesso al bonus è dram­ma­ti­ca­men­te mar­gi­na­le (3.2%):

Con­di­zio­ne professionale Quo­ta di fami­glie beneficiarie
Lavo­ra­to­re dipendente 42,2
Lavo­ra­to­re indipendente 10,8
Con­di­zio­ne non professionale 3,2

 

Ma il para­dos­so è che un effet­to distor­si­vo è sta­to gene­ra­to anche per la fascia red­di­tua­le fra i 24 mila euro e i 26 mila, quel­la entro la qua­le il bonus si azze­ra e l’imposta cre­sce di 5,6 pun­ti per­cen­tua­li: ragio­ne per la qua­le, ogni sin­go­lo euro di red­di­to in più per­ce­pi­to entro tale sca­glio­ne, com­por­ta una tas­sa­zio­ne pari al 75% del red­di­to aggiun­ti­vo in bar­ba al prin­ci­pio di pro­gres­si­vi­tà del­la tas­sa­zio­ne, vero e pro­prio disin­cen­ti­vo ad incre­men­ta­re il red­di­to, ad esem­pio con il lavo­ro supplementare.

L’effetto sui con­su­mi è poi mate­ria di lun­ga trat­ta­zio­ne. Secon­di i dati ISTAT, nel 2014 la spe­sa media men­si­le per fami­glia in valo­ri cor­ren­ti risul­ta sostan­zial­men­te sta­bi­le e pari a 2.488,50 euro (+0,7% rispet­to al 2013). L’effetto 80 euro non è per­ve­nu­to dal momen­to che tra il 2013 e il 2014 la spe­sa media men­si­le è pres­so­ché inva­ria­ta in ter­mi­ni rea­li.

Secon­do Ban­ki­ta­lia, le fami­glie inter­vi­sta­te che han­no rispo­sto alla doman­da, dichia­ra­no di aver spe­so media­men­te cir­ca il 90% del bonus. Tut­ta­via, ana­li­si quan­ti­ta­ti­ve basa­te sull’andamento effet­ti­vo dei con­su­mi rile­va­to nell’IBF (Inda­gi­ne sui Bilan­ci del­le Fami­glie, n.d.r.) segna­la­no un impat­to com­ples­si­vo sul­la spe­sa com­pre­so tra il 50% e il 60% dell’ammontare del bonus.

La pro­pen­sio­ne alla spe­sa del bonus non avreb­be comun­que effet­ti signi­fi­ca­ti­vi sul­la doman­da inter­na. Ad ini­zio novem­bre 2015, è sta­ta divul­ga­ta una inda­gi­ne Niel­sen com­mis­sio­na­ta da Conad, nel­la qua­le si affer­ma che i con­su­mi di chi ha per­ce­pi­to il bonus sono cre­sciu­ti dell’1.5%. Va da sé che la com­po­si­zio­ne cam­pio­na­ria non era, stan­do ai nume­ri di Ban­ki­ta­lia ed a quel­li più recen­ti del­la CISL, ade­ren­te alla con­di­zio­ne rea­le: l’in­da­gi­ne, infat­ti, si basa­va su un con­su­mer panel di 9.000 fami­glie di cui il 40% ha bene­fi­cia­to del bonus fisca­le (3600). La pro­por­zio­ne rea­le è inve­ce pari al 21,9%: anche se ammet­tes­si­mo la veri­di­ci­tà del dato otte­nu­to dall’indagine cam­pio­na­ria dell’istituto Niel­sen (+1.5% di spe­sa per con­su­mi), si può ben ipo­tiz­za­re che la risul­tan­te sareb­be ricon­du­ci­bi­le ad uno sco­sta­men­to di pochi deci­ma­li, spe­cie con­si­de­ran­do che, per le cate­go­rie esclu­se dal bonus, i con­su­mi sono dimi­nui­ti (-0.3%, dato rive­la­to dal­la mede­si­ma inda­gi­ne Nielsen).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.