Banche: Civati e Maestri interrogano Padoan sui derivati

Malgrado la trasparenza che il Governo esibisce solo a parole e solo quando fa comodo per fini elettorali, un’inchiesta giornalistica, partita in concomitanza con un’inchiesta parlamentare, ci ha svelato che su titoli e derivati emessi dal Ministero dell’Economia non c’è alcun accesso libero e non si possono consultare i contratti malgrado sulla questione non ci sia alcuna necessità di segreto o obbligo di riservatezza.

Nell’anno che ha visto la crisi drammatica degli istituti di credito e il loro salvataggio a spese di tutti i cittadini, la trasparenza è ancora un miraggio. Restano gestioni opache e la violazione continua delle indicazioni del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari che hanno dato un preciso indirizzo nei confronti della salvaguardia dell’interesse dei cittadini investitori. Per questo abbiamo presentato un’interrogazione al Ministro dell’Economia, per capire immediatamente quali siano i flussi attesi generati da contratti derivati – e il relativo fabbisogno finanziario – previsti per gli esercizi di Bilancio 2017, 2018 e 2019 con la distinzione tra flussi generati da operazioni di ‘interest rate swap’, estinzioni o rimodulazioni previste di ‘swaptions’ anche quelle di tipo ‘stand alone’ e contratti che verranno estinti per effetto di clausole di ‘earlytermination’.

Vogliamo che siano resi noti il costo economico atteso da tali operazioni e la variazione dell’indebitamento, così come previsto dalle regole SEC 2010. Dove sono indicate nel Bilancio dello Stato le specifiche dei flussi finanziari e i costi economici connessi ai derivati. Quale sia il parere fornito dalla Corte dei Conti sezioni riunite Controllo nel merito poiché, come noto, i principi contabili di trasparenza, chiarezza, inerenza, significatività, integrità non ammettono compensazioni di diversa natura. Infine, visto che la gestione del debito pubblico e dei contratti derivati è affidata da oltre quindici anni alle medesime figure dirigenziali, chiediamo quali regole di ‘governance’ intenda predisporre il Governo per migliorare l’attuale assenza di ‘buone regole’, e se non ritenga opportuno prevedere norme più stringenti, affinché al termine di incarichi così strategici e delicati sia possibile poter lavorare per le stesse banche controparti del Tesoro, oppure ridurre i tempi degli incarichi, permettendo una ‘total disclosure’ dell’operato tra i nuovi dirigenti incaricati e i loro predecessori.

Giuseppe Civati, Andrea Maestri

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati