Meno indennità per tutti: ecco i veri tagli dei costi della politica

Agendo solamente sulle indennità parlamentari con equità è possibile conseguire un risparmio di 27 milioni di euro annui: una cifra equivalente a oltre la metà del risparmio previsto dalla riforma, e senza stravolgere la Costituzione.

“Dispo­si­zio­ni per […] il con­te­ni­men­to dei costi di fun­zio­na­men­to del­le isti­tu­zio­ni” è una par­te del tito­lo del­la pro­po­sta di leg­ge di rifor­ma costi­tu­zio­na­le su cui sare­mo chia­ma­ti a vota­re il pros­si­mo 4 dicembre.

Si trat­ta di una indi­ca­zio­ne fuor­vian­te. Infat­ti, come abbia­mo spie­ga­to più vol­te, secon­do i dati del­la Ragio­ne­ria gene­ra­le del­lo Sta­to di cui alla nota n. 83572 del 28 otto­bre 2014, i rispar­mi ritrai­bi­li dall’intera rifor­ma non arri­ve­reb­be­ro a 60 milio­ni e quel­li con­se­guen­ti alla ridu­zio­ne del nume­ro dei sena­to­ri e alla eli­mi­na­zio­ne del­le rela­ti­ve inden­ni­tà, fer­mo il man­te­ni­men­to dei rim­bor­si, sareb­be­ro in par­ti­co­la­re di 49 milio­ni. Una cifra del tut­to insi­gni­fi­can­te, soprat­tut­to se para­go­na­ta agli ini­zia­li annun­ci di un miliar­do e poi di cin­que­cen­to milio­ni di rispar­mi. Una cifra che, se cal­co­la­ta sull’attuale costo del Sena­to (540 milio­ni), non solo è dav­ve­ro mode­sta ma che indi­ca come que­sta isti­tu­zio­ne in pro­por­zio­ne – con­si­de­ra­ta la ridu­zio­ne del nume­ro dei com­po­nen­ti e del­le fun­zio­ni – coste­reb­be più di adesso.

Dall’inizio del per­cor­so rifor­ma­to­re Andrea Per­ti­ci ave­va evi­den­zia­to che i rispar­mi si otten­go­no attra­ver­so la ridu­zio­ne del­le inden­ni­tà par­la­men­ta­ri e dei lau­ti rim­bor­si spe­se. Una cosa da rea­liz­za­re in modo rapi­do ed effi­ca­ce attra­ver­so una modi­fi­ca del­la leg­ge del 1965. Si potreb­be fare pre­stis­si­mo, sen­za chia­ma­re in cau­sa una revi­sio­ne del­la Costi­tu­zio­ne, che peral­tro, come abbia­mo visto, sareb­be mol­to meno efficace.

Pos­si­bi­le, con Pip­po Civa­ti e gli altri depu­ta­ti del­la com­po­nen­te, ha recen­te­men­te pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge “per la ridu­zio­ne del­le inden­ni­tà e dei rim­bor­si dei par­la­men­ta­ri, la ride­ter­mi­na­zio­ne dei trat­ta­men­ti pen­sio­ni­sti­ci e il con­te­ni­men­to dei costi di fun­zio­na­men­to del­le isti­tu­zio­ni”. Que­sto dà segui­to a un impe­gno che qua­si tut­ti i par­ti­ti poli­ti­ci han­no pre­so duran­te cam­pa­gna elet­to­ra­le del 2013, ma che vie­ne pun­tual­men­te rin­via­to, facen­do cre­de­re di voler­lo rea­liz­za­re con una rifor­ma costi­tu­zio­na­le che non lo fa e in effet­ti non può farlo.

Ricor­dia­mo che l’indennità par­la­men­ta­re è sta­ta intro­dot­ta, negli ordi­na­men­ti demo­cra­ti­ci con­tem­po­ra­nei, per con­sen­ti­re a chi vive di red­di­to, e non di ren­di­ta, di poter svol­ge­re il man­da­to elet­ti­vo sospen­den­do, per quel perio­do, la pro­pria atti­vi­tà lavo­ra­ti­va. Si trat­ta, quin­di, di una dispo­si­zio­ne vol­ta a ren­de­re effet­ti­va, in con­di­zio­ni di ugua­glian­za sostan­zia­le, la pos­si­bi­li­tà di acce­de­re alle cari­che elet­ti­ve, che l’art. 51 del­la Costi­tu­zio­ne attri­bui­sce a tut­ti i cit­ta­di­ni. Ora, però, come noto, i par­la­men­ta­ri per­ce­pi­sco­no, in Ita­lia, una serie di emo­lu­men­ti e altre uti­li­tà (nell’ambito dei qua­li tro­via­mo anche l’indennità in sen­so pro­prio) che arri­va­no a livel­li mol­to ele­va­ti (al net­to dell’imposizione fiscale).

Il trat­ta­men­to eco­no­mi­co per­ce­pi­to dai par­la­men­ta­ri è del tut­to spro­por­zio­na­to, anche avu­to riguar­do ad uno sti­pen­dio medio, che, secon­do i dati OCSE 2014, in Ita­lia è di cir­ca 1.500 euro al mese. Si trat­ta di una sfa­sa­tu­ra enor­me che non può esse­re giu­sti­fi­ca­ta nep­pu­re dal­la “pre­ca­rie­tà” dell’incarico. A par­te il fat­to che tale con­si­de­ra­zio­ne non è com­piu­to per nessun’altra for­ma di pre­ca­rie­tà, essa non giu­sti­fi­che­reb­be comun­que alcun aumen­to espo­nen­zia­le di que­sto tipo. D’altra par­te anche l’argomento per cui, se il trat­ta­men­to eco­no­mi­co non rag­giun­ges­se così ele­va­ti livel­li, il Par­la­men­to potreb­be esse­re pri­va­to del­le intel­li­gen­ze miglio­ri risul­ta fuo­ri luo­go. Cia­scu­no può sce­glie­re se dedi­car­si alla poli­ti­ca: que­sto com­por­ta dove­ri, respon­sa­bi­li­tà, limi­ta­zio­ni. Pur­ché sia­no ragio­ne­vo­li e pre­ve­di­bi­li, cia­scu­no potrà valu­ta­re se accet­tar­li o no, optan­do, in quest’ultimo caso, per la pro­se­cu­zio­ne del­la pro­pria attività. 

Quin­di la pro­po­sta di leg­ge ridu­ce l’indennità, anco­ran­do­la, anzi­ché a quel­la dei Pre­si­den­ti di cas­sa­zio­ne, a quel­la dei pro­fes­so­ri uni­ver­si­ta­ri, men­tre i rim­bor­si spe­se sono ridot­ti e anco­ra­ti ad esi­gen­ze effet­ti­ve (esclu­den­do, ad esem­pio, il rim­bor­so spe­se per vive­re a Roma per chi a Roma già vive).

Ugual­men­te cau­sa di discri­mi­na­zio­ni è il siste­ma pre­vi­den­zia­le. La pro­po­sta di leg­ge di Pos­si­bi­le pre­ve­de l’introduzione di un siste­ma pre­vi­den­zia­le uni­co, iden­ti­co a quel­lo vigen­te per i lavo­ra­to­ri dipen­den­ti, pro­ce­den­do ad intro­dur­re oltre che una ridu­zio­ne che di per sé ope­ra pro-futu­ro per evi­ta­re que­stio­ni di costi­tu­zio­na­li­tà in meri­to ai dirit­ti acqui­si­ti, ma che tro­va una pere­qua­zio­ne attra­ver­so l’introduzione, per cin­que anni, di un con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà che è già sta­to pre­vi­sto, dal­la leg­ge di sta­bi­li­tà per il 2014, per le pen­sio­ni più ele­va­te ed è sta­to rite­nu­to con­for­me alla Costi­tu­zio­ne dal­la Con­sul­ta con sen­ten­za n. 173 del 2016.

Ecco, si trat­ta di una pro­po­sta seria e uti­le che ci augu­ria­mo pos­sa esse­re pre­sto calen­da­riz­za­ta e discus­sa. Si trat­ta cer­ta­men­te di un’ottima base per un dibat­ti­to par­la­men­ta­re che ci augu­ria­mo impron­ta­to a quel­la rapi­di­tà che carat­te­riz­za mol­te pro­po­ste (spes­so quel­le sba­glia­te), su cui il bica­me­ra­li­smo per­fet­to non ha nes­sun effet­to fre­nan­te. Il con­tri­bu­to di tut­te le for­ze poli­ti­che, che – come abbia­mo ricor­da­to – han­no assun­to que­sto impe­gno in cam­pa­gna elet­to­ra­le sareb­be cer­ta­men­te uti­le pur­ché costrut­ti­vo e capa­ce di por­ta­re la rifor­ma in por­to. Infat­ti, se que­sta leg­ge venis­se appro­va­ta i rispar­mi sareb­be­ro dav­ve­ro signi­fi­ca­ti­vi e cre­sce­reb­be­ro ulte­rior­men­te se, a segui­to di una vit­to­ria del “no” al refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, si potes­se final­men­te giun­ge­re a una rea­le ridu­zio­ne del nume­ro dei par­la­men­ta­ri (sena­to­ri e depu­ta­ti), secon­do quan­to anche recen­te­men­te pro­po­sto in un docu­men­to pre­sen­ta­to da Pasqui­no, Per­ti­ci, Viro­li e Zac­ca­ria, per le rifor­me che ser­vo­no, che Pos­si­bi­le ha fat­to proprio.

Dal­le sti­me che abbia­mo ela­bo­ra­to, l’in­den­ni­tà lor­da che si otter­reb­be dal­la nostra pro­po­sta ammon­te­reb­be a cir­ca 8.300 euro, con­tro gli attua­li 10.435 euro pre­vi­sti per i Depu­ta­ti e 10.385 euro pre­vi­sti per i Sena­to­ri. Di con­se­guen­za, il rispar­mio pre­vi­sto sareb­be supe­rio­re ai 2.000 euro a par­la­men­ta­re al mese. Alla Came­ra si pas­se­reb­be da una spe­se attua­le di 78,9 milio­ni annui a una pre­vi­sta di 62,6 milio­ni (-21%), men­tre al Sena­to da 42,2 milio­ni a 31,3 milio­ni (-26%), per un rispar­mio tota­le di 27,2 milio­ni: oltre la metà di quan­to si otter­reb­be dal­la pro­po­sta di rifor­ma costi­tu­zio­na­le sot­to­po­sta a refe­ren­dum, con tut­ti i limi­ti e le distor­sio­ni che que­st’ul­ti­ma por­ta con sé.

Se poi si pro­ce­des­se alla ridu­zio­ne di cir­ca il 25% del nume­ro dei par­la­men­ta­ri (470 depu­ta­ti e 230 sena­to­ri), secon­do quan­to pro­po­sto nel docu­men­to appe­na ricor­da­to dei quat­tro pro­fes­so­ri con cui abbia­mo lavo­ra­to, l’am­mon­ta­re com­ples­si­vo dei rispar­mi sareb­be pari a 51 milio­ni, cir­ca due milio­ni in più di quel­lo pro­dot­to dal­la rifor­ma e sen­za biso­gno di scar­di­na­re la Costi­tu­zio­ne.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.