Testimoni di giustizia: le scelte incomprensibili del Governo

La goccia che ha fatto traboccare il vaso riguarda la decisione del viceministro Bubbico di revocare, senza alcuna motivazione, la scorta al testimone di giustizia Ignazio Cutrò, minacciato dalla mafia agrigentina per le sue denunce sul pizzo.
Schermata-2016-10-18-alle-18.11.01

La goc­cia che ha fat­to tra­boc­ca­re il vaso riguar­da la deci­sio­ne del vice­mi­ni­stro Bub­bi­co di revo­ca­re, sen­za alcu­na moti­va­zio­ne, la scor­ta al testi­mo­ne di giu­sti­zia Igna­zio Cutrò, minac­cia­to dal­la mafia agri­gen­ti­na per le sue denun­ce sul pizzo.

Solo la lun­gi­mi­ran­za del Pre­fet­to di Agri­gen­to ha impe­di­to che si andas­se avan­ti con que­sta deci­sio­ne scel­le­ra­ta. Pur­trop­po non c’è alcu­na garan­zia sul futu­ro del pro­gram­ma di giu­sti­zia per Cutrò, che pure negli anni ha rap­pre­sen­ta­to un faro per l’an­ti­ma­fia ita­lia­na e per tut­ti i testi­mo­ni di giu­sti­zia.

A que­sto pun­to voglia­mo sape­re dal Mini­stro del­l’In­ter­no e dal vice­mi­ni­stro qua­li sia­no le linee gui­da di que­sto Gover­no in mate­ria di testi­mo­ni di giu­sti­zia. Qua­le model­lo di anti­ma­fia si por­ta avan­ti se si lascia­no soli, oggi più che duran­te qual­sia­si altro Gover­no pre­ce­den­te, gli uomi­ni e le don­ne che han­no per­mes­so con le loro denun­ce di sra­di­ca­re orga­niz­za­zio­ni mafio­se e cri­mi­na­li in tut­ta Ita­lia, met­ten­do a rischio la pro­pria vita e quel­la dei pro­pri familiari.

Mai ci era­va­mo tro­va­ti di fron­te a una simi­le sciat­te­ria (nel­la miglio­re del­le ipo­te­si) come denun­cia­no gli stes­si testi­mo­ni: qual­cu­no ha del­le respon­sa­bi­li­tà pre­ci­se e ha il dove­re di dare rispo­ste pre­ci­se e non eva­si­ve come quel­le for­ni­te dal viceministro.

Pre­sto alla Came­ra fare­mo una con­fe­ren­za stam­pa con i testi­mo­ni di giu­sti­zia per denun­cia­re que­sta situa­zio­ne inam­mis­si­bi­le. Voglia­mo capi­re qua­li cri­te­ri gui­da­no le scel­te del Gover­no, chi ha dirit­to alla scor­ta e chi no e per qua­li ragio­ni. Infi­ne voglia­mo ave­re anche un qua­dro chia­ro di come fun­zio­na il siste­ma di pro­te­zio­ne in Ita­lia a tut­ti i livel­li. Non capia­mo per­ché per Igna­zio Cutrò, che anco­ra rischia la vita (vista anche la deci­sio­ne del Pre­fet­to di man­te­ne­re la scor­ta), si sia valu­ta­to di revo­ca­re il pro­gram­ma men­tre per altre per­so­ne (spes­so non toc­ca­te da vicen­de mafio­se) si riten­ga neces­sa­rio anda­re avanti.

Voglia­mo i nume­ri e tra­spa­ren­za sui cri­te­ri per­ché la posta in gio­co è trop­po impor­tan­te e facen­do così si rischia di demo­li­re più di 20 anni di anti­ma­fia e di dare un mes­sag­gio asso­lu­ta­men­te nega­ti­vo a quan­ti anco­ra oggi, tra mil­le dif­fi­col­tà, deci­do­no con le loro denun­ce di sta­re dal­la par­te del­la lega­li­tà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.