Fine vita: la nostra battaglia prosegue #iostoconMax

I principi di libertà e dignità vanno garantiti sempre e sempre devono poter camminare affiancati, anche quando ci avviamo verso la fine della vita. Non solo nel momento "ultimo", ma in tutto il tratto finale.

Gio­ve­dì sera da Geno­va sia­mo ripar­ti­ti, per la pri­ma vol­ta dopo la mor­te di Max, con il nostro giro di Ita­lia per pre­sen­ta­re le nostre pro­po­ste sui dirit­ti dei moren­ti.

Si sono con­fron­ta­te posi­zio­ni dif­fe­ren­ti e abbia­mo riba­di­to il nostro impe­gno affin­ché si arri­vi anche in Ita­lia a garan­ti­re un fine vita digni­to­so, nel rispet­to del­la liber­tà di auto­de­ter­mi­na­zio­ne di ogni indi­vi­duo.

Ci pre­oc­cu­pia­mo per tut­ta la vita di vive­re bene, ma arri­va un momen­to in cui cia­scu­no di noi deb­ba poter esse­re esse­re mes­so anche nel­le con­di­zio­ni di mori­re bene. 

I prin­ci­pi di liber­tà e digni­tà van­no garan­ti­ti sem­pre e sem­pre devo­no poter cam­mi­na­re affian­ca­ti, anche quan­do ci avvia­mo ver­so la fine del­la vita. Non solo nel momen­to “ulti­mo”, ma in tut­to il trat­to finale.

Voglia­mo vive­re in un Pae­se che met­ta ogni per­so­na nel­le con­di­zio­ni di esse­re cer­ta che, nel momen­to di una dia­gno­si infau­sta, sarà accom­pa­gna­ta fino alla fine sen­za esse­re lascia­to sola, che le sarà garan­ti­to di vive­re fino all’ul­ti­mo gior­no una vita digni­to­sa, nel­la liber­tà di poter deci­de­re che si è pas­sa­to un limi­te, per cia­scu­no di noi diver­so e insin­da­ca­bi­le, oltre il qua­le si ritie­ne che que­sta vita ha ces­sa­to di esse­re digni­to­sa e quin­di “degna” di esse­re vissuta.

Per fare que­sto stia­mo lavo­ran­do a una serie di pro­po­ste e giran­do l’I­ta­lia per per­fe­zio­nar­le, con­fron­tan­do­ci con chi affron­ta que­sti temi diret­ta­men­te sul­la pro­pria pel­le o per lavo­ro. 

Abbia­mo par­la­to a lun­go nei mesi scor­si del­le pro­po­ste che abbia­mo pre­sen­ta­to in mate­ria di Euta­na­sia e rifiu­to dei trat­ta­men­ti sani­ta­ri e di Dichia­ra­zio­ni Anti­ci­pa­te di Trat­ta­men­to. Entram­bi sono attual­men­te in discus­sio­ne in com­mis­sio­ne alla Came­ra dei Depu­ta­ti (il fine vita è pra­ti­ca­men­te fer­mo alle bat­tu­te ini­zia­li, men­tre quel­lo sul­le DAT va len­ta­men­te avanti).

Sono pro­po­ste fon­da­men­ta­li che ci auspi­chia­mo pos­sa­no arri­va­re pre­sto in aula, ma che tut­ta­via non esau­ri­sco­no il tema del fine vita e gli inter­ven­ti da met­te­re in atto. 

In que­sta sede ci limi­tia­mo a citar­ne altre due che rite­nia­mo di fon­da­men­ta­le importanza:

  • rico­no­sci­men­to del dirit­to alla pal­lia­zio­ne: se ad aggre­di­re la malat­tia prov­ve­do­no tera­pie spe­ci­fi­che, affron­ta­re il dolo­re è com­pi­to del­le cure pal­lia­ti­ve, che non gua­ri­sco­no, ma cura­no. Rite­nia­mo che l’ac­ces­so a que­ste cure vada rico­no­sciu­to a tut­ti, in tut­te le fasi del­la malat­tia. Abbia­mo a tal fine depo­si­ta­to una pro­po­sta affin­ché le cure pal­lia­ti­ve rien­tri­no a pie­no tito­lo negli stan­dard ospe­da­lie­ri, per­ché trop­po pochi sono anco­ra oggi gli ospe­da­li che ad oggi non pre­ve­do­no repar­ti spe­ci­fi­ci, crean­do così un pri­vi­le­gio per pochi, inve­ce che dirit­to per tut­ti. A que­sto pro­po­si­to ci stia­mo bat­ten­do anche affin­ché le cure pal­lia­ti­ve pos­sa­no rien­tra­re nei nuo­vi LEA, per­ché allo sta­to attua­le sem­bra­no esse­re esclu­si dal DPCM.
  • Rico­no­sci­men­to, tute­la e for­ma­zio­ne del care­gi­ver: chi si occu­pa di una mala­to che ha biso­gno di assi­sten­za con­ti­nua, deve spes­so abban­do­na­re il pro­prio posto di lavo­ro e si tro­va solo ad affron­ta­re le mil­le dif­fi­col­tà che oggi gior­no le con­se­guen­ze del­la malat­tia (e la buro­cra­zia per acce­de­re alle tera­pie e alle stru­men­ta­zio­ni) com­por­ta­no. Con la col­la­bo­ra­zio­ne pre­zio­sa di tan­ti care­gi­vers, stia­mo lavo­ran­do a una pro­po­sta per dare voce, soste­gno e tute­la alle tan­te per­so­ne sul­le cui spal­le gra­va un lavo­ro immen­so, spes­so inso­ste­ni­bi­le per mol­te fami­glie. 

Sia­mo come sem­pre a dispo­si­zio­ne per con­fron­tar­ci con chiun­que voglia offri­re il pro­prio con­tri­bu­to. Chi voglia con­fron­tar­si con noi su que­sto tema può scri­ve­re a bea­tri­ce­pun­to­bri­gno­ne chioc­cio­la gmail­pun­to­com. 

La nostra bat­ta­glia sui dirit­ti dei moren­ti con­ti­nua nel nome di Max e dei tan­ti che ogni gior­no si bat­to­no affin­ché un Pae­se come l’I­ta­lia, che affon­da le sue radi­ci nei valo­ri repub­bli­ca­ni del­l’u­gua­glian­za e del­la lai­ci­tà del­lo Sta­to, garan­ti­sca a cia­scu­no il dirit­to a una vita libe­ra e digni­to­sa, fino alla fine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.