La Calabria ha restituito allo Stato 2.7 milioni di euro non spesi

Questo il dato evidenziato dalla sezione regionale della Corte dei Conti, durante la seduta relativa alla parificazione del rendiconto generale della Regione Calabria per l'esercizio finanziario 2015.
Schermata-2016-10-18-alle-14.59.02

La Cala­bria ha resti­tui­to allo Sta­to 2.693.000,00 di euro non spe­si, desti­na­ti al dirit­to allo stu­dio, agli stu­den­ti anche disa­bi­li e al dirit­to al lavo­ro dei disabili.

Que­sto il dato evi­den­zia­to dal­la sezio­ne regio­na­le del­la Cor­te dei Con­ti, duran­te la sedu­ta rela­ti­va alla pari­fi­ca­zio­ne del ren­di­con­to gene­ra­le del­la Regio­ne Cala­bria per l’e­ser­ci­zio finan­zia­rio 2015. Nel­lo spe­ci­fi­co i fon­di tor­na­ti indie­tro riguardano:

  • 1.524.000,00 euro desti­na­ti all’at­tua­zio­ne degli inter­ven­ti per il dirit­to allo studio;
  • 550.000,00 euro desti­na­ti ai con­tri­bu­ti e bene­fi­ci a favo­re degli stu­den­ti, anche con disabilità;
  • 619.000,00 per il dirit­to al lavo­ro dei disabili.

L’as­ses­so­re regio­na­le Roc­ci­sa­no si è affret­ta­ta a rispon­de­re che la col­pa è del­la giun­ta pre­ce­den­te.

Cer­to, dopo due anni di gover­no è dif­fi­ci­le cre­de­re non si trat­ti del soli­to vizio di par­la­re del­le respon­sa­bi­li­tà altrui e mai del­le pro­prie. E infat­ti il Pre­si­den­te Oli­ve­rio le ha fat­to eco spe­ci­fi­can­do che quel­le risor­se affe­ri­va­no al 2014 e quin­di anda­va­no pro­gram­ma­te dal­la giun­ta Scopelliti.

Può dar­si.

Come può dar­si che que­sto comun­que evo­chi la respon­sa­bi­li­tà del PD che, come mono­co­lo­re, ispi­ra l’at­tua­le ese­cu­ti­vo cala­bre­se. Non fos­se altro per­ché il par­ti­to del Gover­na­to­re Oli­ve­rio, pro­prio dai ban­chi del­l’op­po­si­zio­ne, avreb­be potu­to sol­le­ci­ta­re la pia­ni­fi­ca­zio­ne di quei fon­di e inve­ce non ha mai fat­to regi­stra­re sil­la­ba in pro­po­si­to. E anche per­ché diver­si sono sta­ti i tran­sfu­ghi di quel­la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra accol­ti nel­le liste di cen­tro­si­ni­stra alle ulti­me ele­zio­ni regionali.

Il rischio, con­cre­tiz­za­to­si anche in que­sta vicen­da, è che nes­su­no sap­pia più distin­gue­re tra gli uni e gli altri. E que­sto è spie­ga­bi­le nel­la con­si­de­ra­zio­ne che, in Cala­bria, il cen­tro­si­ni­stra che suben­tra al cen­tro­de­stra e vice­ver­sa, come ormai acca­de siste­ma­ti­ca­men­te alle nostre lati­tu­di­ni, non è il com­pi­men­to di un’al­ter­na­ti­va di gover­no, piut­to­sto di un’al­ter­nan­za nei posti di pote­re. Di fron­te all’en­ne­si­mo dato nega­ti­vo del­la Cor­te dei Con­ti, quin­di, tan­to sareb­be val­so un silen­zio ope­ro­so. Non per recu­pe­ra­re fon­di ormai per­si, ma per scon­giu­ra­re l’i­po­te­si che acca­da anco­ra, a disca­pi­to, peral­tro, del­le cate­go­rie più debo­li del­la società.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.