Auchan e la crisi degli ipermarket, nuvole nere anche in Francia

Da tem­po il grup­po fran­ce­se è in dif­fi­col­tà, Auchan paga la gra­ve (ed irre­ver­si­bi­le) cri­si, pro­ba­bil­men­te col­le­ga­ta anche alla sua strut­tu­ra pre­va­len­te­men­te orien­ta­ta al model­lo Iper­mar­ket (pun­ti ven­di­ta oltre i 2500 mq.) ormai in decli­no. Non è sta­to in gra­do di affron­ta­re le due sfi­de che tro­va nel mer­ca­to del­la GDO: la fram­men­ta­zio­ne del con­su­mo di pro­dot­ti ali­men­ta­ri e una rete di iper­mer­ca­ti da reinventare.

Il pas­sag­gio da Auchan a Conad ha inte­res­sa­to oltre 100 pun­ti ven­di­ta e cir­ca 13mila lavo­ra­to­ri. L’a­zien­da ha annun­cia­to 3100 esu­be­ri, con altri 2500 dai pun­ti ven­di­ta già pas­sa­ti in Conad che però sono sta­ti ‘con­ge­la­ti’ . Gli scio­pe­ri di fine otto­bre e quel­lo suc­ces­si­vo del 23 dicem­bre non han­no por­ta­to un chia­ri­men­to sul­le stra­te­gie aziendali.

Appe­na ini­zia­to l’an­no arri­va dal­la Fran­cia una noti­zia che fa rab­bri­vi­di­re: non sono basta­te le dismis­sio­ni del grup­po all’e­ste­ro, è atte­sa per il 14 gen­na­io la pre­sen­ta­zio­ne di un pia­no di ‘usci­te volon­ta­rie’ per mil­le lavo­ra­to­ri. Il bilan­cio 2018 ha regi­stra­to una per­di­ta net­ta per 1,145 miliar­di : sen­za un pro­get­to a bre­ve-medio ter­mi­ne a rischia­re il posto saran­no tut­ti i restan­ti 50mila lavo­ra­to­ri di Auchan Retail France.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.