Emergenza climatica: l’Australia va a fuoco

La più grande evacuazione della storia australiana: sono decine di migliaia le persone a cui è stato ordinato di evacuare le proprie abitazioni per questioni di sicurezza. La tempesta di fuoco ha innescato una crisi umanitaria senza precedenti. Dopo l'Amazzonia ora anche l'Australia è in fiamme.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La più gran­de eva­cua­zio­ne del­la sto­ria austra­lia­na: sono deci­ne di miglia­ia le per­so­ne a cui è sta­to ordi­na­to di eva­cua­re le pro­prie abi­ta­zio­ni per que­stio­ni di sicu­rez­za. La tem­pe­sta di fuo­co ha inne­sca­to una cri­si uma­ni­ta­ria sen­za pre­ce­den­ti. Dopo l’A­maz­zo­nia ora anche l’Au­stra­lia è in fiamme. 

Il gover­no ha chie­sto l’in­ter­ven­to del­l’e­ser­ci­to dopo che il con­to del­le vit­ti­me è sali­to a 18 e a 4 come i milio­ni gli etta­ri anda­ti in fiam­me, di più del­la super­fi­cie del Belgio.

Que­sto il bilan­cio del­l’on­da­ta di incen­di che ha col­pi­to l’Au­stra­lia a par­ti­re dal mese di set­tem­bre. Ma non è la noti­zia peg­gio­re: l’e­sta­te è appe­na comin­cia­ta (da que­ste par­ti ini­zia il 21 dicem­bre). La par­te più col­pi­ta è il Nuo­vo Gal­les del Sud (New South Wales, NSW), lo sta­to più popo­lo­so di un Pae­se abi­tua­to alle gran­di onda­te di cal­do estre­mo e incen­di ma che ne sta affron­tan­do una del­le peg­gio­ri del­la sua sto­ria. Nien­te a che vede­re col più cir­co­scrit­to ma deci­sa­men­te più dolo­ro­so incen­dio del feb­bra­io 2009 (ricor­da­to come ‘black satur­days bush­fi­res’) il qua­le cau­sò qua­si due­cen­to vit­ti­me. Il nume­ro del­le vit­ti­me è desti­na­to a sali­re a cau­sa dei nume­ro­si disper­si e dei cir­ca 200 foco­lai anco­ra fuo­ri con­trol­lo. Gli sfol­la­ti sono miglia­ia. Le auto­ri­tà di Vic­to­ria han­no annun­cia­to l’in­vio di eli­cot­te­ri per recu­pe­ra­ri quan­ti si sono ripa­ra­ti sul­la spiag­gia di Mal­la­coo­ta (cir­ca 4000 per­so­ne). Così come ha dichia­ra­to Andrew Cri­sp (il capo del­la gestio­ne del­l’e­mer­gen­za), con­fer­man­do l’in­vio via mare di cibo e acqua per gli sfol­la­ti e di rifor­zi per i pom­pie­ri impe­gna­ti nel­lo spe­gni­men­to degli incen­di nel sud-est del Pae­se. Nel fine set­ti­ma­na si atten­do­no tem­pe­ra­tu­re supe­rio­ri ai 40 gradi.

Il Pre­mier del NSW, Daniel Andrews, ha dichia­ra­to lo ‘sta­to di disa­stro’, che qui chia­mia­mo sta­to di cala­mi­tà, quin­di non più emer­gen­za (dichia­ra­to più vol­te negli ulti­mi mesi) ma vero e pro­prio disa­stro. Lisa Nevil­le, la mini­stra degli Inter­ni, dice che lo sta­to di disa­stro, con tut­te le con­se­guen­ze per le popo­la­zio­ni coin­vol­te (pia­ni di eva­cua­zio­ne) dure­rà alme­no una set­ti­ma­na. Aspra­men­te cri­ti­ca­to Scott Mor­ri­son, pri­mo mini­stro aus­sie, rien­tra­to dal­le vacan­ze alle Hawaii, per le sue usci­te sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci (e le ‘inu­ti­li ansie cli­ma­ti­che’ che pos­so­no gene­ra­re i discor­si di Gre­ta Thun­berg sui gio­va­ni austra­lia­ni), in par­te ritrat­ta­ti nel cor­so del­la con­fe­ren­za stam­pa di ieri, dove ha giu­sti­fi­ca­to la gra­vi­tà degli incen­di con la sic­ci­tà che ha col­pi­to la vasta zona ora in fiam­me in que­sti ulti­mi tre anni. Ma è pro­prio per effet­to dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci se le con­di­zio­ni cli­ma­ti­che del NSW sono diven­ta­te più cal­de e asciut­te aumen­tan­do la pos­si­bi­li­tà che gli incen­di abbia­no effet­ti cata­stro­fi­ci come sta acca­den­do. I pro­po­si­ti del pri­mo mini­stro, come quel­li dei con­ser­va­to­ri che stan­no al gover­no, cioè affron­ta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci sen­za taglia­re l’in­du­stria del car­bo­ne (di cui l’Au­stra­lia è ric­ca) stan­no pia­no pia­no sfu­man­do come le cit­ta­di­ne e i nume­ro­si vil­lag­gi rima­sti deser­ti, appe­na inva­si dal­le fiam­me, in un pae­sag­gio post-apo­ca­lit­ti­co.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?