Ferentino: le persone con disabilità non sono reiette. Basta con le discriminazioni

“Ragaz­zi auti­sti­ci? No, gra­zie.” È suc­ces­so all’Hotel Ter­me di Pom­peo di Feren­ti­no, pro­vin­cia di Fro­si­no­ne, dove — come rac­con­ta Repub­bli­ca — “quan­do i fami­lia­ri dei ragaz­zi han­no fis­sa­to le stan­ze a caval­lo del Capo­dan­no, alla paro­la auti­smo sono ini­zia­te le scu­se del diret­to­re: dal nume­ro chiu­so per i bam­bi­ni al fat­to che la strut­tu­ra non fos­se attrez­za­ta. Rifiu­ta­ti con la stes­sa nor­ma­li­tà con cui alcu­ni alber­ghi spe­ci­fi­ca­no che non accet­ta­no cani e altri ani­ma­li domestici.”

Un epi­so­dio agghiac­cian­te. Sia­mo alle por­te del 2020 e anco­ra si pen­sa alle per­so­ne con disa­bi­li­tà, con sin­dro­me di down, asper­ger o auti­smo come a reiet­ti da mar­gi­na­liz­za­re e discri­mi­na­re. Sono ancor più gra­vi le paro­le del Diret­to­re con cui, in un ten­ta­ti­vo gof­fo e sur­rea­le, ten­ta di “giu­sti­fi­ca­re” il rifiu­to di acco­glie­re una deci­na di fami­glie con alcu­ni ragaz­zi auti­sti­ci

Vivia­mo in una socie­tà che anco­ra con­ce­pi­sce la diver­si­tà come peso, come ele­men­to dequa­li­fi­can­te che meri­ta di esse­re nasco­sto, mes­so da par­te, marginalizzato.

Quel­lo che ser­ve, inve­ce, è la pie­na inclu­sio­ne del­le per­so­ne con disa­bi­li­tà all’interno del­le nostre cit­tà e del­la nostra socie­tà, ini­zian­do dall’abbattimento del­le bar­rie­re archi­tet­to­ni­che, e pas­san­do, soprat­tut­to, dal­le bar­rie­re men­ta­li che trop­po spes­so por­ta­no a con­si­de­rar­le qua­si meri­te­vo­li di un trat­ta­men­to igno­bi­le come è quel­lo del caso di Ferentino. 

Que­ste per­so­ne, inve­ce, rap­pre­sen­ta­no una fon­te di ric­chez­za socia­le ed uma­na a cui non si può e non si deve fare a meno ma, soprat­tut­to, non sono effi­gi di bat­ta­glie effi­me­re, tra­sfor­ma­ti in cate­go­rie pro­tet­te da sal­va­guar­da­re in riser­ve india­ne, con una visio­ne pater­na­li­sti­ca e assi­sten­zia­li­sta più che egualitaria.

La nostra socie­tà sta pre­ci­pi­tan­do in un bara­tro che can­cel­la i valo­ri di fra­tel­lan­za, sorel­lan­za, soli­da­rie­tà ed inclu­sio­ne. Una deri­va peri­co­lo­sa che dob­bia­mo con­tra­sta­re in tut­ti modi. Ripar­tia­mo dai nostri valo­ri costi­tu­zio­na­li, da quell’ugua­glian­za for­ma­le e sostan­zia­le, da poli­ti­che socia­li atti­ve che sia­no accom­pa­gna­te da gran­di cam­pa­gne cul­tu­ra­li ed edu­ca­ti­ve a par­ti­re dal­le scuo­le, tut­te le scuo­le di ogni ordi­ne gra­do. Non solo per gli alun­ni, ma anche per le fami­glie, gli ope­ra­to­ri socio-sani­ta­ri e poi, con la par­te­ci­pa­zio­ne diret­ta dei Comu­ni e degli Enti pub­bli­ci di tut­ta la cittadinanza.

Tut­to que­sto per non sen­ti­re più, mai più, brut­te affer­ma­zio­ni come que­sta: “Capi­rà, è una real­tà e sono per­so­ne che non cono­sco. Ho avu­to pau­ra e ho dovu­to pen­sa­re alla strut­tu­ra. Se non fos­se sta­to così pecu­nia non olet. Paga­va­no come gli altri…”.

Ora basta, dob­bia­mo pre­ten­de­re rispet­to, ugua­glian­za, pari dirit­ti, pos­si­bi­li­tà e oppor­tu­ni­tà per tut­te, tut­ti, tutt*.

 

Gian­mar­co Capogna

Ali­cia Ambrosini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.